Tele Toscana Uno / Tv Prato 39

TELETOSCANA UNO / TV PRATO 

di Massimo Emanuelli

TV PRATO 39

L’emittente nasce a Prato nel 1977 (dopo un primo esperimento del 1975) con il nome di Tv Prato 39, dal canale uhf dal quale irradia i programmi, per distinguersi dall’altra emittente cittadina, Tv Prato nata qualche mese prima, Tv Prato 39 ha sede in via Tevere 11 a Prato, nasce per iniziativa di alcuni cattolici che vogliono offrire al proprio territorio un servizio informativo. I programmi in palinsesto sono trasmissioni sportive  (quelle del Calcio Prato e di altre squadre pratesi del basket, della pallavolo, della pallamano e del ciclismo). e TUTTAMUSICA condotto da Alessandra Monti e da Stefano Betti (speaker di Radio Prato, emittente con la quale vi erano molte sinergie, e infatti alcuni dj della radio intervenivano in tv).  Così Tascabile Tv” n.406 del 17/2/77 (riportato da Massimiliano Marchi di Firenzemedia) presenta l’emittente:   “Anche i programmi di “Tv Prato” da questa settimana faranno la loro apparizione nella nostra rubrica. “Tv Prato” e’ nata sette mesi fa ed oggi le sue emissioni possono essere viste anche a Firenze, Quarrata, Agliana e Pistoia. “Tv Prato” si e’ posta subito in evidenza per il taglio giovane di alcune trasmissioni di carattere leggero e anche per alcune rubriche di impegno.
Alla programmazione di films, saranno progressivamente sostituite trasmissioni di interesse generale, fermo restando che nelle ore normalmente dedicate al relax – quelle serali – i films e gli spettacoli di carattere leggero saranno il “piatto forte” della stazione televisiva.
Sono in cantiere trasmissioni nuove di zecca, che dovrebbero dare a “Tv Prato” una definitiva etichetta. Ogni giorno, dalle 16,30 alle 18, Tv Prato trasmette “Tuttamusica”. una buona trasmissione che dal lunedi’ al venerdi’ e’ condotta da Alessandra Monti, il sabato e la domenica da Stefano Betti.
I due conduttori di “Tuttamusica” provengono da Radio Prato; l’emittente aveva pure trasmissioni sportive che seguivano la città di Prato nel calcio, pallacanestro, pallavolo e ciclismo, ed i conduttori erano Riccardo Palandri, Gabriele Giovannelli, Fabrizio Biondi, Fabrizio Vanni,  Marco Ciocchetti, Franco Ligas; direttore dei programmi Gino Preti.

Nel settembre 1977 l’emittente assume la denominazione di Tele Toscana 1. Alla trasformazione di Tv Prato in TeleToscana1 TV SORRISI E CANZONI dedica l’inserto SETTEGIORNI TV (n.36/1977). “A PRATO CAMBIA IL MONOSCOPIO. Piera Corsetti, 20 anni, si occupa della stesura dei programmi e collabora per i testi con diverse rubriche e trasmissioni. Diplomata in ragioneria, nata a Calenzano, compare in video per fare gli annunci pubblicitari.

Luciano Guasconi lavora anch’egli a Tv Prato TeleToscana ha 23 anni è un appassionato di musica si occupa della sezione grafica per la quale disegna sigle e monoscopi. Approfittando del suo diploma di ragioneria cura anche la parte amministrativa. Con Andrea e un pappagallo (per ora finto, ma aspettano che arrivi quello vero) presenta LORETO SHOW, un programma di dediche, curiosità, notizie e filmati musicali…”

L’emittente amplia la propria area di copertura irradiando i suoi programmi anche dai canali uhf 32 e uhf 66, arrivando a coprire l’intera provincia di Firenze e quella di Pistoia.   Fra i programmi un tg quotidiano diretto da Luciano Gherardeschi, rubriche sportive varie (PROMOZIONE SPORT, DOMANI SPORT, IL GIOCO E’ FATTO), gl incontri di calcio del Prato, la rubrica DICA 33, la rubrica PRATO VIVA (dedicata ai fatti e ai personaggi cittadini) e i programmi IL MILIONE e PRATO VIVA.  Consigliere delegato dell’emittente è Roberto Papi, a metà degli anni ’80 la sede viene trasferita in via Roma 256, sempre a Prato.  All’inizio degli anni ’90 l’emittente propone SUPERCORRIDA, sulla scia del successo de LA CORRIDA televisiva di Corrado su Canale5, responsabile della programmazione di Tv Prato 39 è Fabio Poggini.  Nel 1994 Tv Prato 39 ottiene dal Ministero delle Telecomunicazioni la concessione per operare.  Ancora oggi Tv Prato propone molta informazione, non è impostata sul commercio, visto che la presenza di televendite e spot pubblicitari ricopre una percentuale bassissima nel palinsesto. Tv Prato informa sui fatti locali più importanti gli abitanti dell’area metropolitana di Prato, Firenze, e Pistoia, racconta le vicende del paese in maniera semplice e accessibile a tutti e ovviamente portare sullo schermo immagini che grazie a telecamere ed altri mezzi tecnici a buon livello risultano buone. L’emittente produce telegiornali, rubriche, rassegne stampa e pochissime televendite (solo ma mattina).  Visto che le tv commerciali locali si dividono in “commerciali pure” e in “commerciali informative”, Tv Prato appartiene a questa seconda categoria.  Tv Prato ha quali inserzionisti gli esercenti del settore commerciale, visto gli industriali vendono all’estero, dove la voce di Tv Prato non può arrivare. C’è comunque uno spazio dedicato alla sponsorizzazione che viene realizzato dall’emittente n maniera comune ad altrettante televisioni locali: una certa azienda si fa promotrice di un programma e all’interno di tale programma viene fatta pubblicità al suo marchio e un suo specifico prodotto (gli spot che sponsorizzano l’azienda sono prodotti e realizzati dall’emittente e le modalità della messa in onda cambiano a seconda del programma che sponsorizzano: se si tratta di un concerto il pomo dell’azienda viene trasmesso prima del programma;  se si tratta di un programma sportivo il promo può essere trasmesso anche all’interno del programma, perchè al contrario di un concerto, una trasmissione di questo genere può essere interrotta in un certo momento e riprendere successivamente dal punto in cui era rimasta.   Col nuovo millennio i programma di Tv Prato vengono anche trasmessi sul canale satellitare Sat2000 della Conferenze Episcopale Italiana che ha apprezzato il carattere serio e sano della linea editoriale dell’emittente. La peculiarità è sempre quella di preferire l’informazione agli spazi commerciali che potrebbero garantire un introito finanziario maggiore, svalutando tuttavia l’obiettivo che è sempre stato quello di fare una tv per le famiglie fornendo servizi utili. Uno dei vanti di questa emittente è infatti è avere escluso trasmissioni con maghi o millantatori che presentano televendite di prodotti miracolosi. Un’altra caratteristica di Tv Prato è che non viene inserita la pubblicità durante i programmi ma sempre alla fine per non disturbare i telespettatori.   Tv Prato 39 ha oggi sede in corso Roma 133 a Prato, il direttore responsabile è Aldo Sottani, Tv Prato si rivolge ad un pubblico famigliare: realizza programmi che sono graditi alle varie fasce d’età, dai bambini agli anziani, oltre al genere “informazione” che occupa comunque parecchio il palinsesto giornaliero, vengono trasmessi anche se in misura minore programmi di spettacolo e di intrattenimento.   Fra i programmi più rappresentativi del 2007: OCCHIO ALLA CIVETTA, in onda tutte le mattine e condotto da Ubaldo Mascii, e IL TELEGIORNALE, in onda in quattro lingue (cinese, arabo pachistano e albanese) la domenica alle 20. Il primo è una rassegna ricca di commenti, degli articoli principali di cinque quotidiani nazionali e locali che interagisce con i cittadini i quali possono intervenire in diretta. Il telegiornale multietnico invece che rende particolarmente orgogliosa l’emittente è pensato per soddisfare le esigenze dell’eterogenea in cui si vive oggi, soprattutto dei quattro gruppi etnici più presenti nella zona, ossia il cinese, il pakistano, l’arabo e l’albanese, oltre, ovviamente, quello italiano. Direttore responsabile è Aldo Sottani.  Tv Prato racconta ogni giorno le vicende, la storia, l’impegno della seconda città della Toscana, realizzando un’informazione completa, corretta, che mai indulge agli interessi commerciali o di parte. Ne è particolare testimonianza il telegiornale delle 20.30, che ogni giorno è seguito da più di 80.000 persone. Ma se Prato è nell’identità e nella missione, questa emittente ha largo seguito anche nei territori vicini, particolarmente nella città di Firenze e nei comuni della cintura nord del capoluogo toscano. Il nostro segnale, infatti, copre per intero la piana Firenze – Prato – Pistoia, raggiungendo a ovest Serravalle Pistoiese (PT) e, ad est, il Comune di Bagno a Ripoli (FI), per poi giungere in tutta la provincia di Arezzo. complessivamente si tratta di una popolazione che arriva al milione e mezzo di persone.Protagonista di un processo complessivo di rinnovamento dell’immagine, delle tecnologie e dei contenuti, realizzatosi a partire dal 2009, Tv Prato ha ottenuto la frequenza del digitale terrestre nella gara regionale svoltasi nel novembre 2011 alla vigilia dello «switch off». L’emittente trasmette ora sul canale 74 del decoder e sui canali 212 e 626.

PALINSESTI DEL PASSATO

DOMENICA 15 MAGGIO 1977

19,30 TELENOTIZIE

19,50 SPORT

20,20 COMMEDIA

22,50 TELENOTIZIE

————————————————


L’idea di mettere in rete (impresa titanica) la storia delle radio e delle televisioni locali nasce nel 2005 per iniziativa di
Gigi Vesigna (giornalista, direttore storico di Tv Sorrisi e Canzoni), Massimo Emanuelli (docente e giornalista di Millecanali, pioniere della radiofonia), Maurizio Seymandi (giornalista e mitico conduttore di Superclassifica Show), Pino Callà (regista e produttore televisivo), Enzo De Mitri (giornalista, critico televisivo de La Notte, collaboratore di Gianfranco Funari).  L’avere vissuto da angolazioni diverse (carta stampata, radio e tv) il periodo pionieristico, l’avere visto nascere e crescere tante emittenti locali, l’avere conosciuto ed intervistato molti dei protagonisti, oltre agli archivi dei fondatori, rende agevole (anche se infinito) il lavoro dei nostri.  Con il passare dei mesi i fondatori vengono contattati da molti pionieri che forniscono ulteriori testimonianze, ricordi e materiale. Si uniscono al gruppo Massimiliano Marchi, Ruggero Righini, Gianfranco Guarnieri, Agostino Rosa ed altri.  Per ogni regione d’Italia viene individuata una memoria storica/corrispondente, aumenta il numero delle interviste mensili e dei contatti del portale. Nascono intanto (giustamente e citando la fonte) analoghe iniziative a livello regionale, con scambi di link e collaborazioni proficue (particolarmente interessante il lavoro di un altro pioniere, Massimo Lualdi).  Nel 2015 scompare Gigi Vesigna, in segno di lutto e di rispetto il sito non viene più aggiornato. Dopo un lungo periodo di silenzio i pionieri superstiti decidono di riattivare il sito (è in ristrutturazione, sarà aggiornato e rilanciato con nuova grafica su un nuovo dominio). Molto è ancora il materiale da pubblicare ed inserire, molte sono ancora le interviste da fare, pian piano accontenteremo tutti.  Al momento alcune schede vengono rilanciate su due blog

https://storiaradiotv.wordpress.com/ (radio)

https://massimoemanuelli.wordpress.com/ (tv ed interviste varie)

Gradualmente sarà inserito anche materiale audio e video del nostro archivio e materiale che i pionieri ci stanno inviando.

Purtroppo qualcuno nel frattempo aveva copiato l’intera linea editoriale del portale (e non solo gli articoli) senza ritegno e non rispettando il diritto d’autore dei collaboratori che vantano tantissimi anni di lavoro e ricerca (molti degli articoli erano usciti su testate nazionali). Già in passato avevamo fatto una causa (vinta) per la copiatura di alcune schede, ma copiare l’intera linea editoriale annunciando di copiare l’intero sito è a dir poco folle. Disponibili a collaborare con chiunque citi le fonti e ci proponga scambi e confronti, non possiamo però transigere con chi plagia pedissequamente. Tutti coloro che hanno ulteriori notizie o proposte farci scrivano alla mail storiaradiotv@tiscali.it provvederemo ad integrare le schede e a citare gli autori.

 RIPRODUZIONE RISERVATA. 

È vietata la riproduzione, anche parziale, e/o la diffusione dei testi e dei contenuti sonori e video di questo blog senza l’autorizzazione degli autori. Il blog è protetto dal diritto d’autore, chi ha cercato di non ottemperare a tali regole è già stato condannato con disposizione del Tribunale di Milano, con provvedimento d’urgenza ex art. 700 c.p.c. R.G. 77235/05..  Vi occorre qualcosa?  Scrivete, specificando il vostro indirizzo e il motivo della richiesta. Mail: storiaradiotv@tiscali.it

Contattateci alla mail storiaradiotv@tiscali.it per fornirci ricordi e testimonianze, provvederemo a pubblicarle.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...