L’Emittenti: tv via cavo di Ostia

L’EMITTENTI

 

Emittente via cavo romana della prima ora, nacque per iniziativa di Furio Porzia, la sua sede era in via delle Sirene 25 a Roma, Lido di Ostia.  Ingiustamente dimenticata, come il suo fondatore, che possiamo considerare il pioniere delle tv private non solo romane, il ricordo de L’Emittenti e di Furio Porzia non è sfuggito al nostro Fabrizio Soletti, responsabile della redazione romana di Storiaradiotv. Se l’Emittenti e Furio Porzia sono stati ignorati dagli “storici ufficiali” e nei programmi dedicati agli esordi dell’emittenza libera non possono essere dimenticati da noi di Storiaradiotv che presto pubblicherà la storia de l’Emittenti e quella di Furio Porzia che ha mandato al professor Massimo Emanuelli, coordinatore del nostro portale, il seguente messaggio:

“Caro Emanuelli,

mi complimento, da collega a collega, per la vostra iniziativa che mi riporta al mio tentativo di comunicare proprio con quel portale che si occuperà di storia della radio e della tv perchè volevo rettificare quello che sosteneva Enrico Mentana sul suo programma, il quale, nel riproporre la storia della televisione privata, ha saltato a piè pari le origini della televisione libera che non possono dimenticare di quel che fece Furio Porzia.

Quella storia  – se nasce a Biella con Peppe Sacchi, per quel suo sporadico ma lodevole tentativo di  impugnare l’articolo 21 della costituzione gettando  cavi tra un tetto e l’altro di quella cittadina –  deve a Furio Porzia  la sua vera nascita. Fu infatti nei due convegni nazionali delle televisioni libere – organizzati da me  – il primo ad  Ostia, e soprattutto in quello successivo di Latina  che si buttarono le basi  della televisione privata  e si  diede la prima decisiva spallata al monopolio della RAI.

Non solo. Si deve a me  e  ad un paio di  tecnici della  tv a colori  se il primo segnale a colori in Italia  poté  essere trasmesso –  proprio nel modo come fece  Sacchi a Biella –  gettando cioè dei cavi  per collegare un centinaio di villette a Tor San Lorenzo di Ardea.  Che notte fu  quella!   E la mattina dopo i carabinieri vennero a  sequestrare ma non trovarono più nulla  poiché  avevamo smantellato tutto  prevedendo le conseguenze. Ma i giornali lo testimoniarono. Il Messaggero per esempio, uscì con  un articolo a nove colonne annunciando la nascita della prima televisione a colori d’Italia.

Se hai intenzione di occuparti seriamente e profondamente  dell’argomento  non hai idea di quante cose dovrei  informarti.  Tra l’altro in quel convegno di Ostia discutemmo –  drizza le orecchie!  – di come far passare un segnale televisivo attraverso il cavo telefonico.  Adesso lo sta facendo Alice della TIM!

Nella mia avventura televisiva vi sono ben quattro televisioni da me dirette  a cominciare dalla prima “Tele-Mare”  nata ad Ostia, per poi passare a Tva 40, l’ultima tv da me diretta è stata Tele-Ardea, diventata poi TeleEuropa. Se hai forza e coraggio c’è da  scoperchiare qualche tomba”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...