Radio Icaro

L’emittente nasce il 18 marzo 1981 a Riccione per iniziativa di Don Giovanni Tonelli, allora responsabile della Pastorale Giovanile della Parrocchia di San Lorenzo che sollecita un gruppo di genitori affinchè assieme ai loro figli creino una cooperativa culturale. Nasce Comunità Aperta che di li a poco darà vita a Radio Icaro. “Oggi potremo parlare di prevenzione – racconta Don Giovanni Fanelli – la droga faceva breccia dove c’era un vuoto di valori e di espressività. Abbiamo cercato di colmare questo vuoto, di dare una risposta a questa domanda inespressa. La radio era una delle tante attività, quella più costosa, ma anche la più aggregante”. Il nome Icaro è la personalizzazione dello slogan degli studenti americani fatto proprio da Don Lorenzo Milani I care, in italiano “a me interessa” contrapposto al fascista “me ne frego”, come motivo di vita e di impegno.

Radio Icaro inizia ufficialmente le proprie trasmissioni il 18 marzo 1981, irradia i suoi programmi dai 92.050 e 103.800 Mhz., il primo programma consiste in un pò di musica, a corredo della “fochereccia” di San Giuseppe del Quartiere di San Lorenzo a Riccione, un quartiere allora marginale rispetto al centro della Perla verde.   Radio Icaro nasce da una forte identità, non mancano certo i problemi. Il primo è che la comunità giovanile Comunità Aperta che aveva creato e voluto la radio sceglie altri ambiti di espressione come il teatro, la musica, la danza, il teatro ecc. Nascono così negli anni: il clown della carriola, il coro gospel, Riccione Onde Rock, il premio Stayagraga, numerosi ed impegnativi musical, la festa nazionale dell’obiezione di coscienza e del volontariato femminile, cicli di film e dibattiti;  ma la radio è sempre più un corpo estraneo a chi per primo l’aveva voluta e creata. Il secondo motivo è tecnico-economico, anche se tutto è al risparmio, i costi aumentano di anno in anno. Praticamente Radio Icaro, nelle sue perdite costanti, drena tutte le risorse economiche della cooperativa. La Riccione bene e quella economica guardano con disinteresse, se non con sospetto questo esperimento nato nella loro periferia.

La situazione diventa critica al punto che nel 1993 subentra un gruppo di dj di Radio Rimini, da poco chiusa, e si arriva ad una vera e propria lottizzazione del palinsesto: la programmazione giornaliera è gestita da questi ultimi arrivati, ma la serale resta ad appannaggio della “vecchia guardia”, con conseguenti attriti fra le due fazioni. Dopo alcuni mesi ci si rende conto che procedendo in questa direzione la radio non si sarebbe distinta nel mare dell’etere. L’unico modo per salvarla era di farla crescere, dandole nuove risorse e prospettive. Così, con il parere posivito della Cooperativa Comunità Aperta, come direttore del settimanale diocesano IL PONTE Don Giovanni Tonelli favorisce l’ingresso di nuovi soci sostenitori. Entrano la Diocesi, IL PONTE stesso, la Caritas e l’Enaip – Centro Zanatta.  

Nel 1994 Radio Icaro si trasferisce a Rimini nella sede de IL PONTE, in via Santa Chiara; da quel momento l’emittente diventa uno strumento di comunicazione della Diocesi. Grazie all’impegno di tanti e sotto la direzione di Elisa Marchioni e per la parte tecnico-amministrativa di Eligio Cavalli (al momento del passaggio era lui il Presidente di Comunità Aperta), la radio in pochi anni cresce enormemente. Sempre nel 1994 viene fondata Bottega Video con il fine di produrre piccoli video per le emittenti locali attive nella zona della Romagna. Vengono prodotti una rubrica di dieci minuti sulla vita della Chiesa riminese e servizi su iniziative legate al mondo cattolico. IL PONTE investe dieci milioni di lire, con le quali viene acquistata una camera supervhs c e un piccolo banco di montaggio lineare, composto da due videoregistratori supervhs, una centralina di montaggio, una titolatrice, un generatore di effetti e due monitor. Il lavoro di Bottega Video nei suoi primi anni di vita viene svolto principalmente da studenti universitari, fra quali vi sono Marco Colonna e Mirco Tinti, ora responsabile della struttura.  Nel 1998 vengono acquistate la prima macchina professionale e le prime macchine digitali.  La struttura comincia a lavorare e ad autofinanziarsi. Colonna e Tinti furono i primi assunti con un piccolo contratto di collaborazione coordinata e continuativa.  Nel 2001 il salto di qualità: Bottega Video inizia ad essere conosciuta ed apprezzata sul territorio. Il lavoro aumenta notevolmente e in breve Bottega Video diventa uno dei principali centri di videoproduzione della Romagna, gli sono commissionati servizi anche da Rai e Mediaset, per i quali ancora oggi è il punto di riferimento per la provincia di Rimini.  Nel maggio 2001 nasce il sito www.newsrimini.it con la volontà di cercare di mettere al frutto il meglio il lavoro che già veniva prodotto dalla redazione di Radio Icaro. Quando un giornalista lavora per “cucinare” una news che possa andare in onda in radio significa che ha già fatto un lavoro di scrittura di un testo sintetico (in gergo il “lancio”) e il montaggio di un file audio. “A questo punto con poco lavoro aggiuntivo, rendendo sistematico l’inserimento del testo e, quando c’è, del file audio, viene fatto un sito di news aggiornato in tempo reale – ha dichiarato Francesco Cavalli ideatore di NewsRimini – in realtà ciò che mi sollecitò all’idea del sito è stato un sistema internet che a quel tempo era appena uscito, il php Luke che consente, con una semplice maschera di gestione, l’inserimento e la gestione automatica delle news senza conoscere la programmazione htln. Avevo lavorato e programmato con questo sistema php il sito www.ilariaalpi.it, così mi sono detto: perchè non fare la stessa cosa con quanto facciamo in radio? Ed ecco http://www.newsrimini.it”.

Nel 2003 Bottega Video prende in gestione le frequenze 21 e 62 del circuito Etv Romagna; successivamente il canale 21 è stato sostituito dal canale uhf 57. Nasce il primo nucleo di quella che oggi è Icaro Tv (visibile sul canale 91 del digitale terrestre)

Radio Icaro oggi alterna musica e news, il suo giornale radio va in onda anche sulle frequenze di Etv Romagna,in estate propone le dirette dal Meeting dei Popoli; il suo giornale radio ha cinque edizioni: 7,30;  8,30;  9,30;  10,30 e 12,30. Radio Icaro propone inoltre una fascia di programmazione nazionale (dalle 13 alle 15) del circuito In Blu a cui è affiliata.

Radio Icaro è l’unica radio di informazione della provincia di Rimini e attraverso il sito www.newsrimini.it (che vanta un numero molto alto di ingressi) ha trovato la quadratura del cerchio, diventando un punto di riferimento centrale per l’opinione pubblica riminese, tanto da essere utilizzato come fonte ufficiosa della comunità cristiana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...