Telemondo

TELEMONDO 2000

di Massimo Emanuelli

logotelemondo spurio

L’emittente nasce con la denominazione di Telemondo 2000 nel 1977 a Torrita di Siena per iniziativa di alcuni imprenditori locali, antennisti e tecnici, la casa editrice è la So.Co.Pat.   Telemondo 2000 irradia i suoi programmi dal canale uhf 42. Il primo palinsesto dell’emittente propone un tg locale (TM 2000 GIORNALE), gli incontri di calcio del Siena, la rubrica TELEMONDO SPORT, film e telefilm.   All’inizio del 1981 l’emittente aderisce al circuito Tva, consorzio di emittenti del centro e del sud Italia, nel 1986 aderisce a Pan Tv, per poi riprendere la propria autonomia.  Fino al 1989 l’emittente trasmette a livello locale con alterne fortune. Nel 1989 Telemondo 2000 viene presa in gestione da Paolo Tambini (proveniente dalla direzione di una rete nazionale) e da Roberto Artigiani (imprenditore televisivo già editore di altre importanti tv), fra i programmi cult Ti ricordi questa canzone? condotto da Paolo Tambini con la cantante toscana Giovanna Nocetti, nel corso del quale i telespettatori per telefono cantavano note canzoni con l’accompagnamento dell’orchestra dal vivo. Nel 1990 l’emittente perde la sigla 2000 e si trasforma semplicemente in Telemondo, amplia il proprio bacino di utenza a tutta la Toscana, alla Liguria e a parte della Lombardia con programmi nuovi, diventando una delle più importanti tv della Toscana. Vengono quindi rilevate  Odeon tv di Genova e Telereporter. di Iesi. Nel 1990 l’emittente apre, prima in Italia, alla pay-tv, Italian Network, ma proprio per questo è contrastata e bersagliata fino alla chiusura tecnica dell’iniziativa.   Nell’ottobre 1993 Tombini, Artigiani e un gruppetto di imprenditori rilevano il 50% del pacchetto azionario. Telemondo si espande al Lazio, all’Umbria e alla Marche, nel novembre 1994 viene rilevato il restante 50%. Nel  nuovo millennio l’emittente si trasferisce da Bientina a Calcinaia (vicino a Pontedera) nella zona del lago di Varrucco, dove gli editori Paolo Tambini e Roberto Artigiani diversificano l’attività imprenditoriale grazie alla costruzione di un complesso turistico. Oggi Telemondo è vista attraverso numerosissimi ripetitori, ha un bacino di 14.000 contatti, nel campo della cartomanzia opera col marchio Telemagia, mai avuto incidenti con le televendite, precisano dall’emittente. Il palinsesto attuale propone film, telefilm, televendite, tre edizioni di un tg locale, una rubrica sulla squadra di volley dell’Arezzo, Vivere oggi, rubrica sportiva di basket, il talk-show Scrigno di Telemondo, la rubrica A come amore.   Nell’ottobre 2009 TeleMondo ha spostato la propria sede da Bientina a Lucca e trasmette unitamente al marchio Tvs Lucca la programmazione di Fare Tv. Ad oggi Telemondo infatti non trasmette più niente di proprio. In pratica è stata smantellata con la cessione di molti dei suoi canali (in totale 44)  a Mediaset e La7 e funziona da server.  Nel novembre 2011 l’emittente viene rilevata dalla Sediv, editrice di Rete Sain Vincent, E21, Studionord, Emporio Tv e Jbtv.

LA SCHEDA DI RUGGERO RIGHINI

Tele Mondo 2000 di Siena nasce nel 1977. Nel 1989 viene ceduta a Paolo Tambini e Roberto Artigiani già titolari della New Television Commercial  che dalla sede di Bientina (Pisa) dal 1988 lancia i suoi programmi, per di più commerciali  La  sua programmazione si vede da Milano a Roma. Il forte segnale dal 1 luglio 1989 si è tramutato in Tele Mondo, canale 44 uhf. Dopo un periodo sperimentale nella notte tra il 27 ed il 28 febbraio 1990, dalle ore 01 alle 03, parte il palinsesto tutto a luci rosse della nuova emittente collegata: Italian Network, la prima pay tv italiana alla conquista di un pubblico di affezionati sparso un po’ in tutta Italia. La sua programmazione è visibile tramite un apparecchio chiamato decodificatore, acquistabile al prezzo di 250 mila lire e in vendita solo ai maggiorenni. 70 mila sono le richieste che arrivano, 20 le tv italiane consociate, che cioè rilanciano il segnale. La Tv tutto sesso minuto per minuto dura come: “Un’eterna passione, la breve emozione, che nasce, t’illude e poi muor”. Chiusa l’esperienza tv sesso, Tele Mondo prosegue il suo cammino nel mondo televisivo ed è oggi una seguita tv tutta locale; senza cioè la programmazione di film o telefilm, che ha aperto alla provincia di Lucca ed in particolare a Viareggio una finestra curata dal solito Massimo Mazzolini che è anche direttore responsabile dell’emittente. Nella programmazione ricordo: “A come Amore”, con Anna Faruki”; Annaldo show”; Il mercatino”; “Il fai da te”; “Vetrina”; “Una bella notizia”; “Obiettivo motori”; “Mondosprint”; “Medicina e medicine”; “Musicalmente italiano”; “Telemagia”; “Cartomanzia”; “Colori orientali”; “Lotto”; “A mente aperta”; “Telemondo in notturno”;  e naturalmente il “TG News”. La televisione, dall’anno 2000, ha spostato la sua sede di fianco al “Green Park” di Calcinaia (Pisa); che è stato acquistato dalla stessa proprietà dell’emittente, il grande parco verde realizzato per il divertimento di grandi e piccini ed al cui interno sono: giochi, una discoteca, due ristoranti, un lago, campi da tennis, un teatro, ecc., e vengono realizzate molte delle trasmissioni.

Telemondo passa alla Sediv

Telemondo è stata acquistata dalla Sediv, azienda del nord Italia. Ad annunciarlo è Roberto Artigiani dalle colonne del quotidiano Il Tirreno ( 3 novembre 2011 cronaca di Pontedera a firma di Paola Silvi).

«Il passaggio dall’analogico al digitale – spiega Artigiani – ha stritolato molte piccole realtà. Telemondo rischiava di fare la stessa fine. Da soli non saremmo potuti arrivare nemmeno venticinquesimi. La fortuna è stata allora quella di aver intuito in anticipo i passaggi giusti da attuare. La Sediv, con un capitale che raggiunge all’incirca i 180 milioni di euro è un’emittente interregionale e come tale propensa a trasmettere notizie o programmi a carattere nazionale piuttosto che provinciale. Ma a Bientina ha mantenuto una sede distaccata e l’intenzione è quella di sfruttare queste possibilità anche per dar maggiore risalto al nostro territorio. Ma se ottenere la frequenza è un patrimonio per l’azienda televisiva, per acquistare le sofisticate apparecchiature e i relativi costi di gestione le spese sono ingenti. Lo storico canale 32 presente sul Monte Serra è ora appannaggio di Mediaset mentre il nuovo Telemondo si potrà vedere sul 31. Di fatto in zona non abbiamo mai trovato una risposta effettiva e un terreno fertile per sviluppare questa proposta. Ora invece le cose potrebbero cambiare. Abbiamo un canale satellitare a carattere europeo e un’emittente che non vuol lasciare che si volatilizzi il suo legame con il territorio. Far girare programmi locali su circuiti nazionali sarebbe una veicolazione di messaggi turistici e una strategia di marketing da non trascurare. Che potrebbe  destare non poca curiosità e interesse da parte di molti soggetti».

Queste le frequenze analogiche della tv passate alla Sediv: Pisa, Livorno e gran parte delle relative province – Monte Serra ch 31; San Vincenzo ch 61; Piombino, Venturina ch 23; Saline di Volterra ch 44; Lucca – California ch 40; Arezzo – Rassina ch 66; Siena – Monte Luco ch 31; Siena – Montalbuccio ch E; Monte Argentario ch 39; Porto Santo Stefano ch 49; Ancona – Posatora ch 32.

Il Gruppo Sediv SpA di Castellamonte (località in provincia di Torino) è amministrato da Mauro Pagliero ed è proprietario del bouquet di trasmissione per i canali in Valle d’Aosta della televisione digitale terrestre nelle postazioni di Salirod, nella collina di Saint-Vincent (dove sono installati i ripetitori di tutte le emittenti radiotelevisive che trasmettono per la regione). Il Gruppo irradia in Valle d’Aosta ed in diverse province del Piemonte, le emittenti Rete Saint-Vincent e Studionord, oltre al canale di televendite Emporio tv, quello di video musicali Jbtv, quello piemontese E21, quello dedicato alla diretta delle assemblee del Consiglio Valle Aujourd’hui Vallée ed altri diversi canali sperimentali.

Nel corso del settembre 2010 la Sediv subì due furti delle apparecchiature di trasmissione. Pagliero dichiarò: «Complessivamente dovrei investire oltre 800mila euro per ripristinare i trasmettitori rubati e quindi, a malincuore, ho deciso di rinunciare al tempestivo ripristino degli impianti che irradiano il segnale in Valle d’Aosta, pur proseguendo la normale diffusione nelle altre regioni. Le apparecchiature che avevamo installato erano efficienti e di facile programmazione, furti come quelli che sono accaduti a me stanno avvenendo in tutta ItaliaAvevamo scelto il fornitore per la qualità delle apparecchiature e per la semplicità di utilizzo. I colleghi “Rai” e “Mediaset”, ad esempio, utilizzano altri fornitori ed apparecchiature più complesse che possono essere anche tracciate. Purtroppo non è possibile effettuare nessuna assicurazione ed è impensabile valutare un presidio degli impianti. Oltre ai nostri sono anche stati rubati i trasmettitori di “TeleCampione”, ospiti nella nostra postazione. L’entità complessiva dei furti è tale da non giustificare ulteriori spese in una regione che conta poco più di 120mila abitanti e che rende, quanto a introiti pubblicitari, pressoché nullaIn via cautelare, per evitare il rischio di ulteriori sottrazioni i nostri tecnici hanno iniziato a smontare le apparecchiature ancora presenti nelle altre principali postazioni della Valle d’Aosta. In questo momento investimenti di tale portata sono stati pianificati dal nostro gruppo per l’imminente digitalizzazione di Piemonte orientale, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, un bacino di utenza di oltre venti milioni di abitanti con un mercato radiotelevisivo che offre opportunità imprenditoriali e sostegno pubblico alle imprese radiotelevisive locali in grado di consentire ritorni nell’ambito di un piano industriale reale. In casi come questo, il “dover prendere atto” della reale potenzialità economica di un territorio, deve prevalere sull’affezione che per quest’ultimo è sicuramente maturata nei trent’anni di attività televisiva connotati da un impegno complesso e perseverante in termini umani, professionali e finanziari. Nei prossimi giorni sarà nostra cura sentire anche il parere dell’Amministrazione regionale per verificare se ci sono intendimenti comuni in relazione alla possibilità di mantenere in essere le congiunte iniziative editoriali del gruppo in Valle d’Aosta, in assenza dei quali verrà avviato irreversibilmente lo smantellamento della sede valdostana delle storiche “Rete Saint-Vincent”, “Studio Nord” e della neonata “Aujourd’hui Vallée”, le uniche nel panorama regionale a produrre quotidianamente contenuti attinenti al territorioI quattro dipendenti potranno trasferirsi e continuare a lavorare per le televisioni del gruppo presso la sede piemontese di Castellamonte”.

Dall’ottobre 2010 Sediv trasmette per il Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna oltre che i canali sopra citati anche: Tv donna, Antiquaria, Meteochannel, Studio7, Videoshop.  Nel gennaio 2011 arriva anche in Veneto e ritorna a trasmettere per la Valle d’Aosta le due emittenti primarie ed un monoscopio con la scritta Tele Torino. Inizia ad ospitare anche i programmi di Sportitalia. Prima dello switch off della Toscana il colpo finale con l’acquisizione delle frequenze di Telemondo di Piero Barbagli.

PALINSESTI DEL PASSATO

Ecco il palinsesto di lunedì 11 dicembre 1978 (dal portale Palinsesti storici)
19,30 Gran Bazar.
20,30 Il tempo domani.
20,35 TM 2000 giornale.
20,50 Telemondo sport, a cura di W.Valdambrini.
21,10 Calcio: partita di rilevanza locale.
23,00 TM 2000 giornale.
-.- Buonanotte.

PALINSESTI 1979

DOMENICA 13 MAGGIO 1979

RIPOSO

LUNEDI’ 14 MAGGIO 1979

19,30 GRAN BAZAR

20,35 TM 2000 GIORNALE

20,50 TELEMONDO SPORT

21,10 PARTITA DI CALCIO

22,45 TM 2000 GIORNALE

MARTEDI’ 15 MAGGIO 1979

19,30 GRAN BAZAAR

20,35 TM 2000 GIORNALE

20,50 SPORT INCONTRI

21,30 FILM

23,15 TM 2000 GIORNALE

MERCOLEDI’ 16 MAGGIO 1979

19,30 GRAN BAZAAR

20,35 TM 2000 GIORNALE

20,50 TEMI D’ATTUALITA’

21,50 DA MARTE A VENERE… ANDATA E RITORNO

22,45 TM 2000 GIORNALE

GIOVEDI’ 17 MAGGIO 1979

19,30 GRAN BAZAAR

20,35 TM 2000 GIORNALE

20,50 TM 2000 LIBRI

21,20 FILM

23,05 TM 2000 GIORNALE

VENERDI’ 18 MAGGIO 1979

19,30 GRAN BAZAAR

20,35 TM 2000 GIORNALE

20,50 LA FEDE OGGI

21,20 ENIGMISTICA QUIZ

22,00 DOCUMENTARIO

22,45 TM 2000 GIORNALE

SABATO 19 MAGGIO 1979

11,00 NOI E LA SCUOLA

19,30 GRAN BAZAR

20,35 TM 2000 GIORNALE

20,50 TM2000 SPORT

21,10 FILM

23,05 TM 2000 GIORNALE

PALINSESTI 1980

PALINSESTO DOMENICA 29 GIUGNO 1980

RIPOSO

LUNEDI’ 30 GIUGNO 1980

17,30 FILM

18,15 MUSIC ON

19,30 PRIMA PAGINA

19,50 IL TEMPO DOMANI

20,00 GRAN BAZAR

21,00 TELESPRINT

22,15 OROSCOPO

22,20 FILM

00,15 BUONANOTTE CON RDT

MARTE3DI’ 1 LUGLIO 1980

17,30 FILM

19,00 DOCUMENTARIO

19,30 PRIMA PAGINA

19,50 IL TEMPO DOMANI

20,00 GRAN BAZAR

21,00 DOCUMENTARIO

21,35 FILM: SUA MAESTA’ NON CONCILIA

23,20 CINEFORUM

01,15 BUONANOTTE:

PALINSESTI 1981

DOMENICA 20 GENNAIO 1981

RIPOSO

LUNEDI’ 21 GENNAIO 1981

19,30 PRIMA PAGINA

19,50 IL TEMPO DOMANI

20,00 GRAN BAZAR

21,00 SPORT

21,15 FILM

23,00 FILM – BUONANOTTE

MARTEDI’ 22 GENNAIO 1981

19,30 PRIMA PAGINA

19,50 IL TEMPO DOMANI

20,00 GRAN BAZAR

21,00 SPORT INCONTRI

21,25 FILM

23,10 FILM – BUONANOTTE

L’idea di mettere in rete (impresa titanica) la storia delle radio e delle televisioni locali nasce nel 2005 per iniziativa di Gigi Vesigna (giornalista, direttore storico di Tv Sorrisi e Canzoni), Massimo Emanuelli (docente e giornalista di Millecanali, pioniere della radiofonia), Maurizio Seymandi (giornalista e mitico conduttore di Superclassifica Show), Pino Callà (regista e produttore televisivo), Enzo De Mitri (giornalista, critico televisivo de La Notte, collaboratore di Gianfranco Funari).  L’avere vissuto da angolazioni diverse (carta stampata, radio e tv) il periodo pionieristico, l’avere visto nascere e crescere tante emittenti locali, l’avere conosciuto ed intervistato molti dei protagonisti, oltre agli archivi dei fondatori, rende agevole (anche se infinito) il lavoro dei nostri.  Con il passare dei mesi i fondatori vengono contattati da molti pionieri che forniscono ulteriori testimonianze, ricordi e materiale. Si uniscono al gruppo Massimiliano Marchi, Ruggero Righini, Gianfranco Guarnieri, Agostino Rosa ed altri.  Per ogni regione d’Italia viene individuata una memoria storica/corrispondente, aumenta il numero delle interviste mensili e dei contatti del portale. Nascono intanto (giustamente e citando la fonte) analoghe iniziative a livello regionale, con scambi di link e collaborazioni proficue (particolarmente interessante il lavoro di un altro pioniere, Massimo Lualdi).  Nel 2015 scompare Gigi Vesigna, in segno di lutto e di rispetto il sito non viene più aggiornato. Dopo un lungo periodo di silenzio i pionieri superstiti decidono di riattivare il sito (è in ristrutturazione, sarà aggiornato e rilanciato con nuova grafica su un nuovo dominio). Molto è ancora il materiale da pubblicare ed inserire, molte sono ancora le interviste da fare, pian piano accontenteremo tutti.  Al momento alcune schede vengono rilanciate su due blog

https://storiaradiotv.wordpress.com/ (radio)

https://massimoemanuelli.wordpress.com/ (tv ed interviste varie)

Gradualmente sarà inserito anche materiale audio e video del nostro archivio e materiale che i pionieri ci stanno inviando.

Iscrivevi al canale youtube

https://www.youtube.com/channel/UCy2QOYK5VnO2YSF97XLd0lw

Purtroppo qualcuno nel frattempo aveva copiato l’intera linea editoriale del portale (e non solo gli articoli) senza ritegno e non rispettando il diritto d’autore dei collaboratori che vantano tantissimi anni di lavoro e ricerca (molti degli articoli erano usciti su testate nazionali). Già in passato avevamo fatto una causa (vinta) per la copiatura di alcune schede, ma copiare l’intera linea editoriale annunciando di copiare l’intero sito è a dir poco folle. Disponibili a collaborare con chiunque citi le fonti e ci proponga scambi e confronti, non possiamo però transigere con chi plagia pedissequamente. Tutti coloro che hanno ulteriori notizie o proposte farci scrivano alla mail storiaradiotv@tiscali.it provvederemo ad integrare le schede e a citare gli autori.

 RIPRODUZIONE RISERVATA. 

È vietata la riproduzione, anche parziale, e/o la diffusione dei testi e dei contenuti sonori e video di questo blog senza l’autorizzazione degli autori. Il blog è protetto dal diritto d’autore, chi ha cercato di non ottemperare a tali regole è già stato condannato con disposizione del Tribunale di Milano, con provvedimento d’urgenza ex art. 700 c.p.c. R.G. 77235/05..  Vi occorre qualcosa?  Scrivete, specificando il vostro indirizzo e il motivo della richiesta. Mail: storiaradiotv@tiscali.it

Contattateci alla mail storiaradiotv@tiscali.it per fornirci ricordi e testimonianze, provvederemo a pubblicarle.

PALINSESTI DEL PASSATO

Ecco il palinsesto di lunedì 11 dicembre 1978 (dal portale Palinsesti storici)
19,30 Gran Bazar.
20,30 Il tempo domani.
20,35 TM 2000 giornale.
20,50 Telemondo sport, a cura di W.Valdambrini.
21,10 Calcio: partita di rilevanza locale.
23,00 TM 2000 giornale.
-.- Buonanotte.

PALINSESTI 1979

DOMENICA 13 MAGGIO 1979

RIPOSO

 

LUNEDI’ 14 MAGGIO 1979

19,30 GRAN BAZAR

20,35 TM 2000 GIORNALE

20,50 TELEMONDO SPORT

21,10 PARTITA DI CALCIO

22,45 TM 2000 GIORNALE

MARTEDI’ 15 MAGGIO 1979

19,30 GRAN BAZAAR

20,35 TM 2000 GIORNALE

20,50 SPORT INCONTRI

21,30 FILM

23,15 TM 2000 GIORNALE

MERCOLEDI’ 16 MAGGIO 1979

19,30 GRAN BAZAAR

20,35 TM 2000 GIORNALE

20,50 TEMI D’ATTUALITA’

21,50 DA MARTE A VENERE… ANDATA E RITORNO

22,45 TM 2000 GIORNALE

GIOVEDI’ 17 MAGGIO 1979

19,30 GRAN BAZAAR

20,35 TM 2000 GIORNALE

20,50 TM 2000 LIBRI

21,20 FILM

23,05 TM 2000 GIORNALE

VENERDI’ 18 MAGGIO 1979

19,30 GRAN BAZAAR

20,35 TM 2000 GIORNALE

20,50 LA FEDE OGGI

21,20 ENIGMISTICA QUIZ

22,00 DOCUMENTARIO

22,45 TM 2000 GIORNALE

SABATO 19 MAGGIO 1979

11,00 NOI E LA SCUOLA

19,30 GRAN BAZAR

20,35 TM 2000 GIORNALE

20,50 TM2000 SPORT

21,10 FILM

23,05 TM 2000 GIORNALE

PALINSESTI 1980

PALINSESTO DOMENICA 29 GIUGNO 1980

RIPOSO

LUNEDI’ 30 GIUGNO 1980

17,30 FILM

18,15 MUSIC ON

19,30 PRIMA PAGINA

19,50 IL TEMPO DOMANI

20,00 GRAN BAZAR

21,00 TELESPRINT

22,15 OROSCOPO

22,20 FILM

00,15 BUONANOTTE CON RDT

MARTE3DI’ 1 LUGLIO 1980

17,30 FILM

19,00 DOCUMENTARIO

19,30 PRIMA PAGINA

19,50 IL TEMPO DOMANI

20,00 GRAN BAZAR

21,00 DOCUMENTARIO

21,35 FILM: SUA MAESTA’ NON CONCILIA

23,20 CINEFORUM

01,15 BUONANOTTE:

PALINSESTI 1981

DOMENICA 20 GENNAIO 1981

RIPOSO

LUNEDI’ 21 GENNAIO 1981

19,30 PRIMA PAGINA

19,50 IL TEMPO DOMANI

20,00 GRAN BAZAR

21,00 SPORT

21,15 FILM

23,00 FILM – BUONANOTTE

MARTEDI’ 22 GENNAIO 1981

19,30 PRIMA PAGINA

19,50 IL TEMPO DOMANI

20,00 GRAN BAZAR

21,00 SPORT INCONTRI

21,25 FILM

23,10 FILM – BUONANOTTE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...