Osvaldo Camandoli, Bari gli rende un omaggio

osvaldo cavandoli

La città di Bari rende omaggio ad Osvaldo Cavandoli, animatore, regista e fumettista italiano.   Nato a (Toscolano Maderno, sul lago di Garda,  l’1 gennaio 1920, giovanissimo si  trasferisce a Milano con la famiglia e frequenta un istituto tecnico professionale. Nel 1938 viene assunto come disegnatore tecnico all’Alfa Romeo e poi passa alla Cema di Saronno.  Inizia a disegnare vignette durante la seconda guerra mondiale, dal 1944 inizia a collaborare con la Pagot Film. Nel dopoguerra gira il film Lalla, piccola Lalla e il suo primo lungometraggio a disegni animati, I fratelli Dinamite. Con l’amico d’infanzia Ugo Moroni (Ugo Gelsi)  fonda Pupilandia, azienda produttrice di film a pupazzi animati. Nel corso degli anni ’50 gira una quindicina di film per la pubblicità cinematografica, realizza quindi Pinocchio, Laggiù nel Far West, La piccola guerra e Il nuovo Cappuccetto Rosso .  Negli anni ’60 gira i cortometraggi pubblicitari Lancilotto e Re Artù e crea il personaggio di Mr.Mark per i fumetti. Cavandoli affina la sua capacità alla corte di Nino Pagot (Calimero), per poi confrontarsi con altri maestri, come Nedo Zanotti, Marco Bassioni, Altan. Ma la sua popolarità arriva grazie a Carosello per il quale realizza la campagna pubblicitaria per la fabbrica di Massimo Lagostina, produttrice di pentole. Dal 1957 al 1977 Cavandoli realizza 35 film pubblicitari per la Linea Lagostina sulla musica di Io cerco la Titina di Charles Chaplin e doppiati da Carlo Bonomi, il quale presta la propria voce al personaggio nel caratteristico grammelot dall’accento milanese che lo caratterizza.

Negli anni ’70 gli vengono assegnati premi dai maggiori festival di animazione, il Festival di Annecy e Zagabria, nel 1973 esce il primo libro La Linea, edito da Bompiani, nel 1975 le strisce de La Linea vengono pubblicate anche su Il Giornalino. A partire dagli anni ’80 Cavandoli collabora con l’agenzia di disegnatori Quipos.  Nel 1982 un’altra geniale intuizione: collabora con Altan e cura la regia della serie di episodi La Pimpa.  Successivamente Cavandoli illustra il libro di epigrammi Storielline molari di Mario Monteverdi, dal 1992 collabora con diverse case editrici fra i quali ricordiamo la Sperling & Kupfer e la  casa editrice Gallucci.  Nel 1998 viene scelto per decorare con la sua Linea le pareti degli uffici dell’Allianz di Berlino.
Di tanto in tanto La Linea riappare con brevi incursioni anche nella televisione italiana, nei programmi Galagoal di Telemontecarlo e Pinocchio della Rai. Fra la fine degli anni ’90 e l’inizio del muovo millennio Cavandoli partecipa a diverse manifestazioni ed eventi: otto  edizioni del FestiValtravaglia dell’Arte Leggera di Porto Valtravaglia, sul Lago Maggiore, il Bestiario di Leonardo da Vinci presso il Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano, il Festival dell’Umorismo della Riviera del Garda e Humour a Gallarate. Osvaldo Cavandoli muore a Milano il 3 marzo 2007. Nel 2017 il Comune di Milano decide che il suo nome venga iscritto nel Pantheon di Milano, all’interno del Cimitero Monumentale.

Osvaldo Cavandoli sarà ricordato venerdì 16 marzo alle 18 presso l’ex Palazzo delle Poste di Bari nell’ambito di La Linea è libera – Edizione speciale, l’evento è organizzato dall’agenzia Moscabianca e dall’associazione Intelligenza Naturale con il patrocinio dell’Ateneo barese e del Museo della Fotografia di Bari.  Introdurrà Franco Liuzzi, modererà l’incontro Pierluigi Morizio, sarà presente Sergio, figlio del maestro, che ricorderà la figura paterna e il suo lavoro da animatore, fumettista e regista.In chiusura, l’Università di Bari conferirà il suo Sigillo a Sergio Cavandoli.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...