E’ morto Lucio Nisi, fondatore del Plastic, il ricordo di Massimo Emanuelli e del sindaco di Milano Beppe Sala

lucio nisi fotoE’ morto Lucio Nisi, fondatore del Plastic di Milano, storico locale frequentato dal 1980 da artisti come Madonna, Andy Warhol e Freddie Mercury, Sting, Naomi Campbell, Grace Jones, ma anche Dolce e Gabbana. Indimenticabili le serate al Plastic nella Milano a bere degli anni ’80, ne ricordo una con l’allora sindaco di Milano Paolo Pillitteri, Jo Squillo ed Ivan Cattaneo. Originario della Puglia ,era  nato il 27 febbraio 1948 a Villa Castelli, in provincia di Brindisi, Lucio era arrivato, come tanti immigrati meridionali, con la valigia di cartone negli anni ’60, quelli della Milano del primo boom economico, in cerca di fortuna. Con la moglie Silvana aveva aperto un negozio di frutta e verdura, la mattina si alzava prestissimo per recarsi all’Ortomercato ad acquistare la merce che poi rivendeva nel suo negozio.

Lavorando sodo era riuscito nel suo intento di far fortuna: negli anni ’80, quelli del secondo boom, aveva creato la discoteca Plastic in viale Umbria. Lucio, lavoratore instancabile, dormiva pochissimo, per una decina d’anni fece notte fonda in discoteca, un paio d’ore di sonno e poi si recava all’Ortomercato, fino a quando decise di concentrarsi solo sul Plastic.

lucio nisi elio fiorucciPer 38 anni Lucio è stato il patron e l’anima del Plastic, è stato il localeplastic più internazionale e meno provinciale di Milano, il locale della “Milano da bere” (lo frequentavano fra gli altri, oltre ai vip dello spettacolo e della politica socialista milanese, anche il pubblicitario Marco Mignani, lo stilista Elio Fiorucci, amico fraterno di Lucio, la contessa Pinina Garavaglia ed altri), oltre ad essere stato il primo locale gay friendly d’Italia. Il Plastic è stat anche trampolino di lancio di nuovi generi musicali (si esibirono anche i primi gruppi punk italiani), punto di ritrovo di pittori, scultori, architetti, stilisti, musicisti, artisti, attori, che decidevano di “tirar mattina” per dirla come Umberto Simonetta. Politici, cantanti famosi, imprenditori, artisti, la gioventù degli anni ’80, transessuali, ragazzi di vita, marchettari, al Killer Plastic c’era di tutto di più, ma senza scandali, cose illecite, come purtroppo accadde molti anni dopo in altri locali.

Il Killer Plastic fu anche posto di ritrovo dei politici milanesi: proprio in una stanza del Plastic nacque una crisi del governo municipale che portò la Dc all’opposizione a Palazzo Marino e riportò il Pci in maggioranza, come ricordava l’ex sindaco Pillitteri in un’intervista gentilmente concessami per la stesura di un libro sulla storia di Milano nel dopoguerra. Ottimi i rapporti di Lucio con i sindaci di Milano, soprattutto di Paolo Pillitteri e Gabriele Albertini, Nel 2009 il Comune di Milano aveva conferito a Nisi l’Ambrogino d’Oro, massima onoreficenza cittadina.

Minor fortuna ebbero altri locali fondati da Lucio il ristorante San Damiano e il Molto di via Borgogna, il suo capolavoro è stato il Killer Plastic, sia per la longevità che per essere entrato (fu soggetto anche di un libro) a pieno diritto nella storia del costume della città. Lucio Nisi è stato un grande milanese.

Alla moglie Silvana, ai figli Francesco e Tommaso, un pensiero anche per il fratello Pino (con il quale ho lavorato per una decina d’anni, indimenticabili) le mie più sentite condoglianze. Il sindaco di Milano Beppe Sala così ha ricordato Nisi: “Esprimo il mio cordoglio per la scomparsa di Lucio Nisi, tra i fondatori del Plastic, storico locale milanese che nel tempo ha portato a Milano stili nuovi e attratto artisti internazionali, insignito dell’Ambrogino d’Oro nel 2009. La nostra città lo ricorderà con gratitudine.”

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...