6 ottobre 1924 nasce la radio in Italia

Il 6 ottobre 1924 con il seguente annuncio iniziano le trasmissioni radiofoniche in Italia:

“Uri, Unione Radiofonica Italiana. 1-RO: Stazione di Roma. Lunghezza d’onda metri 425. A tutti coloro che sono in ascolto il nostro saluto e il nostro buonasera. Sono le ore 21.00 del 6 ottobre 1924. Trasmettiamo il Concerto di inaugurazione della prima stazione radiofonica italiana, per il servizio delle radioaudizioni circolari. Il quartetto composto da Ines Viviani Donarelli che vi sta parlando, Alberto Magalotti, Amedeo Fortunati e Alessandro Cicognani eseguirà Haydn dal quartetto opera 7, I e II tempo…”.

A pronunciare lo storico annuncio di inizio delle trasmissioni è Ines Viviani Donarelli, moglie del direttore artistico dell’Uri e uno dei quattro musicisti che eseguirono le musiche di Haydn Si è molto discusso sulla veridicità di questo annuncio, per anni attribuito a Maria Luisa Boncompagni fino al 1997, quando Barbara Scaramucci, allora responsabile delle Teche Rai recupera negli archivi Rai di Firenze l’annuncio integrale e scopre che nelle versioni circolate fino a quel momento era stata tagliata la frase “che vi sta parlando” riferita alla Donarelli e non a Maria Luisa Boncompagni, come si era creduto per anni. La Boncompagni comunque è da considerare la prima annunciatrice radiofonica, capostipite di una lunga generazione di fini dicitori. Resta comunque sempre il dubbio sulla veridicità di tale annuncio in quanto la radio allora era fatta in diretta ed era impensabile che qualcuno avesse registrato, l’annuncio presumibilmente fu registrato successivamente. Inoltre in tutta la storia della radiofonia mondiale nessun speaker annuncia l’anno, ma si limita al mese e al giorno.

La sera del 6 ottobre 1924 la musica inaugurale è affidata ad un serissimo e impeccabile concerto classico. E anche se parenti ed amici nei primi anni sono riuniti soprattutto per le opere liriche trasmesse con notevole frequenza anche in collegamento diretto con teatri (viene conquistato al nuovo mezzo, sia pure a fatica, anche Arturo Toscanini). La stazione di Roma ha lunghezza d’onda m.425, nei primi mesi le trasmissioni sono dalle 17,15 alle 18 poi si fermano e riprendono dalle 20,30 per terminare alle 22,30. Ecco, a titolo esemplificativo uno dei primi palinsesti:

17,15 Orchestrina dell’Hotel Russie

17,45 Notizie Stefani e bollettino borsa

20,30 Notizie Stefani

20,35 Concerto, esecuzione musiche di Beethoven, Massenet, Borodine, Schuman, Puccini

22,10 Notizie Stefani

22,15 Musica da ballo

22,30 Fine delle trasmissioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...