La voce del Papa (e del Partito Liberale Italiano)

Aumentano i contagi, i decessi ma tutto va bene Madama la Marchese (Azzolina), la riapertura delle scuole è stata la causa della seconda ondata del covid, sostengono i virologi e sarà, sempre secondo i virologi, la causa della terza ondata. Gli ospedali saranno saturi, i vaccini non potranno essere somministrati adeguatamente perchè i sanitari saranno impegnati a curare i malati di covid. Politici spregiudicati (maggioranza e opposizione) sono compatti nel riaprire le scuole chi per scopo elettorale, chi per ingraziarsi i grillini, chi per avere il consenso di alcuni genitori. I trasporti pubblici è appurato che non funzionano, le scuole non sono a norma. Il problema non sono i dirigenti scolastici, i docenti, il personale amministrativo ed ausiliario della scuola (una consorteria sostiene un ex collaboratore di un politico milanese, ma sempre dietro le sue calcagna per sistemare la figlia), possono anche morire (ci sono stati morti e tantissimi infetti fra il personale scolastico, da sempre umiliato, offeso, deriso, bistrattato, sottopagato), ma gli infetti e i morti fra i genitori e i nonni (il virologo Massimo Galli ha parlato di nonni deceduti per avere il contratto il covid dai nipoti frequentanti la scuola). E così arriverà la terza ondata che oltre ad aumentare morti e infetti, sia fra il personale sanitario allo stremo che fra il personale scolastico che fra i cittadini. Soltanto prese in giro con dichiarazioni tipo: “le scuole funzionano, i mezzi pubblici funzionano” ecc.

L’unica forza politica (non presente in Parlamento ed assente da anni dalle istituzioni) schierata con i sanitari, con il mondo della scuola e che cerca di salvaguardare la vita dei cittadini è il Partito Liberale Italiano che diede l’unità nazionale, che espresse non solo premier come Cavour, Giovanni Giolitti, un Presidente della Repubblica come Luigi Einaudi, ma anche ministri dell’Istruzione del calibro Francesco De Santis e Benedetto Croce.

Oggi si è levata anche la voce di Papa Francesco che durante il Te Deum ha dichiarato: “sono tante le persone che, senza fare rumore, hanno cercato di fare in modo che il peso della prova risultasse più sopportabile”.  “Gli operatori sanitari – medici, infermiere, infermieri, volontari – si trovano in prima linea, e per questo sono sempre nelle nostre preghiere e meritano la nostra riconoscenza; come pure tanti sacerdoti, religiose e religiosi. Ma stasera il nostro grazie si estende a tutti coloro che si sforzano ogni giorno di mandare avanti nel modo migliore la propria famiglia e il proprio servizio al bene comune. Pensiamo in particolare ai dirigenti scolastici e agli insegnanti, che ricoprono un ruolo essenziale nella vita sociale e che devono affrontare una situazione molto complessa”,

“In questa Italia che è diventata una prigione di silenzio, soltanto due voci si sentono: quella del Papa e la mia” (Benedetto Croce anno 1944).

“In questa italiana che è diventata una prigione di silenzio soltanto tre voci si sentono: quella del Papa, quella del Partito Liberale e la mia

IL PATTO FRA PARTITO LIBERALE ITALIANO E SOSTENIAMO MILANO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...