E’ morto Rino Petrosino, storico fotografo di Tv Sorrisi e Canzoni

Si è spento a 79 anni all’ospedale San Raffaele di Milano, a causa di un tumore, il fotografo Rino Petrosino.

Per 50 anni ha immortalato con il suo obiettivo i big dello spettacolo e della televisione italiana, legando il suo nome in particolare a “Tv Sorrisi e Canzoni“, di cui ha realizzato moltissime copertine storiche dell’era di Gigi Vesigna. Aveva iniziato ventenne a lavorare a Bolero e a Gran Hotel, fu il fotografo di diverse edizioni del Festival di Sanremo. Nel 1973 venne chiamato da Gigi Vesigna (che aveva conosciuto a Bolero) a Tv Sorrisi e Canzoni, testata per la quale realizzò diverse copertine ormai storiche, comprese quella del gruppo dei cantanti in gara nelle varie edizioni di Sanremo. Petrosino collaborò anche con Telepiù, Noi, Ciak e Gente.

Questo il ricordo di Gerry Bruno:

“Addio Rino Petrosino. Sino all’ultimo momento non ho voluto crederci – ‘Non era possibile’ – mi dicevo ieri notte quando ho appreso la notizia su Facebook a tarda ora, forse postata da qualcuno non bene informato…e invece poi, quest’oggi, con l’annuncio di Amadeus, da Sanremo, luogo dove tu fosti per moltissimi anni, con le copertine di Sorrisi & Canzoni e altre riviste di grande tiratura, il N.1 di tutti i fotografi d’Italia, mi son dovuto rassegnare. A me e ai Brutos facesti uno splendido servizio ai tempi di Paperissima. Ma il regalo più bello fu quello che mi donasti come segno della nostra amicizia, un centinaio di fotografie che qui su Facebook ormai da anni, io continuo a pubblicare; perché trovo che fra le migliaia di immagini a me fatte nel corso di 60 anni di carriera, poche di quelle assomigliano alle tue “opere d’arte”. Avrei voluto dirtele a voce queste cose Rino, ma il destino ha voluto negarmi questa opportunità. Sono sicuro però che, prima o poi, da qualche parte ci incontreremo, dove potrò riabbracciarti e ringraziarti ancora una volta. Ciao Rino”.

Questo il ricordo di Daniele Soragni sul sito di Tv Sorrisi e Canzoni:

Se ne è andato alla vigilia del Festival di Sanremo, manifestazione che ha seguito e fotografato dai primi Anni Ottanta. Leggendarie le sue copertine, i servizi ai cantanti pedinati notte e giorno, seguiti anche nelle loro camere da letto. E ancora decine e decine di edizioni di Miss Italia, ore e ore su set cinematografici in tutto il mondo, straordinari ritratti delle tantissime stelle, nazionali e internazionali delle irripetibili notti del Telegatto, l’evento più clamoroso della storia della televisione.

A un primo impatto appariva scostante, burbero, ma l’effetto durava un attimo. Il suo viso, un bellissimo viso, si illuminava, le labbra si aprivano in un irresistibile e contagioso sorriso e ti ritrovavi con un amico in più. La dimostrazione è la valanga di messaggi che stiamo leggendo in queste tristissime ore. Era amatissimo dal mondo dello spettacolo, del cinema, della televisione, del teatro. Tantissimi gli artisti che volevano Rino dietro la macchina fotografica e questo avrebbe potuto creare invidie, ma lui era considerato dai colleghi un indiscusso numero uno.

Si é diviso nel suo lavoro nei suoi due teatri di posa di Roma e Milano, ma il suo set era il mondo. Sempre pronto a partire dove c’era qualcosa o qualcuno da fotografare: India, Stati Uniti, Europa, Brasile, la lista é un mappamondo, il suo passaporto trasudava di timbri.

Personalmente potrei parlare di lui per ore. Ho diviso con lui oltre trent’anni della mia vita. Ho perso uno dei miei migliori amici. Rino Petrosino era un uomo buono, queste mie poche righe non sono certamente sufficenti per raccontarvelo, ma so che siete in tantissimi ad avere il vostro personale ricordo di Rino o di Vino come lo chiamavamo per quel suo singolare modo di pronunciare la erre.

Sorrisi lo piange e lo ricorderà sempre. Qui oggi lascia, più soli, la sua splendida figlia Mela, due amatissimi nipoti, la fantastica compagna Ilaria. A loro va il nostro fortissimo abbraccio. A Sorrisi lascia in eredità il suo allievo Iwan Palombi, ora a fotografare Sanremo sulle orme del suo Maestro pianto come un secondo papà.

Anche Amadeus ha ricordato Petrosino nel corso della prima conferenza stampa della settantaduesima edizione del Festival di Sanremo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...