Telecolor

TELECOLOR

di Massimo Emanuelli

(da Millecanali)

Telecolor nasce a Cremona nel 1984, il suo fondatore è Pierluigi Baronio, un giornalista strappato al mondo della pubblicità, esperto di comunicazione, con una vasta esperienza nel settore marketing e una passione per le moderne tecnologie audiovisive in cui ha investito energia e capitali. Il nome Telecolore è una risposta al grigiore e alla monotonia dello scenario televisivo della seconda metà degli anni ’80. Si era ormai in regime di duopolio imperfetto, Rai e Fininvest, più qualche altro incomodo ma che non disturbava troppo (TelemontecarloVideomusic, Euro Tv), mentre le locali stavano perdendo ascolti e mordente. Telecolore decide di nascere proprio nel momento più difficile per la storia delle emittenti locali, le prime immagini trasmesse sono quelle del video di Madonna Like a Virgin, il successo canoro del momento appare subito di buon auspicio per l’avvio delle trasmissioni. Il palinsesto del primo del primo anno alterna le hits di Videomusic e i film e gli avvenimenti sportivi di Telemontecarlo. Ma già dal 1985 Telecolor si distingue per la sua impronta prettamente giornalistica, basata su servizi, inchieste, notiziari, reportages e trasmissioni di attualità. La linea editoriale, allora come oggi, pone particolare attenzione ai temi dell’ambiente, all’ecologia, al sociale, ai problemi della salute, alla difesa dei diritti umani ed ambientali.   L’ottimo segnale irradiato sul canale 34, paragonabile a quello di Rai3 Lombardia, dall’impianto principale permette a Telecolore di essere sintonizzata in tutte le case e captati da tutte le antenne di una vastissima area di servizio. L’emittente è visibile a Milano, Cremona, Brescia, Piacenza, Bergamo, Varese, Parma, Mantova, Verona, Lodi, Crema, Lago di Garda, Val Trompia, Lago d’Iseo, Pavia. Politicamente Telecolor ha sempre attuato una vivace pluralità di idee, rispettando il concetto democratico di offrire spazi televisivi e momenti di informazione e dibattito, molto prima che la politica in tv fosse regolamentata dalla “par condicio”. Dal 1991 al 1994 Telecolore trasmette per 6 ore al giorno i programmi della rete americana Mtv, successivamente Prima Rete inizia una programmazione totalmente propria.
L’emittente offre un’ampia panoramica di trasmissioni di sport, cultura, spettacolo, per venire incontro alle richieste dei telespettatori più esigenti. L’originalità delle trasmissioni, che si avvalgono della carica umana dei conduttori e che offrono un’alternativa intelligente ai programmi tradizionali dei network in prima serata, affiancati da una selezione di film in bianco e nero, d’autore o classici e da un’attenta proposta di telefilm familiari, hanno legato Telecolor al proprio pubblico con una sorta di affezione. Fra i programmi storici Tg Color, Number One sport e spettacolo, Musica va, giochi e musica in diretta, film, telefilm, le rubriche Il segnalibro e La perla di Sandro a cura di Sandro Talamazzini.   Non mancano la pubblicità e le televendite indispensabili per la sopravvivenza di un’emittente privata, è il fiuto di Pierluigi Baronio a scoprire e lanciare Roberto da Crema detto il Baffo che inizia proprio a Telecolor la sua attività di televenditore.

Il maggior radicamento dell’emittente è nelle province ad est della Lombardia, oltre alle aree limitrofe di Emilia e Veneto. Accanto alla moglie di Baronio lavorano la moglie (che si occupa di produzione) e il figlio Simone.  Nel 2001 viene acquistata l’emittente bresciana Prima Lombardia che diventa la seconda rete del gruppo, Telecolore si trasforma in Prima Rete Telecolor. 

Nel 2004 è stata inaugurata una nuova sede, più ampia e funzionale, ed è stata aperta una redazione a Brescia. L’attuale sede è in Antiche Fornaci 44 a Cremona. La perizia dei giovani tecnici, molto motivati e competenti, la videografica curata e moderna, la ricercatezza nella regia e nelle ambientazioni scenografiche (costantemente rinnovate), i montaggi e la post-produzione digitale dei servizi filmati rendono il prodotto televisivo molto gradevole ed elegante.
Il palinsesto propone due edizioni del tg, Prima Rete News, in diretta: alle 12,45 e alle 19, più una replica alle 22. Vi sono poi un Tg Sport e un Tg News. Telecolore inoltre propone film, telefilm, BOX (rubrica di attualità), FORMULA MISTA (talk-show calcistico in onda ogni lunedì e venerdì in prima serata, che parla naturalmente della Cremonese),  MEDICINA AMICA, MEDICINA DEL BENESSERE, CANI E GATTI (appuntamento con gli amici a quattro zampe e tutto ciò che li riguarda), UOMINI & CAVALLI, MUSICA ITALIANA SHOW (rubrica di liscio), ITALIANISSIMA.   Non mancano nemmeno le telenovelas ((ultimamente va in onda Leonela). Prima Rete – Telecolor ha avuto anche ospite Elisabetta Viviani che – intervistata dal nostro Alex Miozzi – ha dichiarato: “la televisione locale è semplice, diretta, famigliare. L’offerta musicale va dalle canzoni popolari milanesi a quelle brasiliane. Lo vedo con quelle con cui lavoro. Da un talk show su Telenova a Telecolore, un’emittente di Cremona, che propone musica italiana.”     Telecolor – si legge sul sito internet dell’emittente – ha l’ambizione di essere “piccoli ma pensare in grande” – si legge sul sito internet ufficiale – ci porta ad avere un’impronta molto individuale e riconoscibile. Il pubblico lombardo ed emiliano apprezza la qualità del nostro lavoro e siamo tra le televisioni locali più seguite.  ll socio di maggioranza e direttore dell’emittente è il fondatore Pierluigi Baronio.

Nel 2009 Telecolor, società della famiglia Pizzamiglio-Baronio, cede il 39% delle sue quote a Giovanni Arvedi, editore di Studio Uno,  ma rimane comunque socio di maggioranza. Con l’avvento del digitale terrestre vengono inaugurati due nuovi canali tematici: Smile Tv (film e telefilm leggeri) e Salute & Natura (trasmissioni di medicina e sulla natura già andate in onda su Telecolor). Questi due nuovi canali cessano di esistere allorquando, nel 2013, il gruppo Baronio rileva la storica tv milanese Telereporter dal gruppo Profit, nel 2015 altro acquisto: quello della tv bresciana Brescia Tv dal gruppo veronese Athesis L’espansione del gruppo continua nel 2016 con il lancio di nuovo canale (Lcn 82, Rete 82, Rete 82 Plus), nell’agosto 2017 viene acquistata dal gruppo Spallanzani un’altra storica emittente: Rete7. 

Fra i programmi attualmente in onda ricordiamo: Medicina amica, Box Box Salute, L’angolo della ricerca (le trasmissioni più longeve), Tg News, Tg sport, Laboratorio salute, Medicina amica, Profumi di benessere, Agricoltura viva, I paesi della meraviglie, Rebelot dialetti e dintorni (rubrica sul dialetto e il territorio lombardo), Inviaggio con te, Uomini & Cavalli, Formula mista, Musica italiana show, Italianissima, What’s up?

 

L’idea di mettere in rete (impresa titanica) la storia delle radio e delle televisioni locali nasce nel 2005 per iniziativa di Gigi Vesigna (giornalista, direttore storico di Tv Sorrisi e Canzoni), Massimo Emanuelli (docente e giornalista di Millecanali, pioniere della radiofonia), Maurizio Seymandi (giornalista e mitico conduttore di Superclassifica Show), Pino Callà (regista e produttore televisivo), Enzo De Mitri (giornalista, critico televisivo de La Notte, collaboratore di Gianfranco Funari).  L’avere vissuto da angolazioni diverse (carta stampata, radio e tv) il periodo pionieristico, l’avere visto nascere e crescere tante emittenti locali, l’avere conosciuto ed intervistato molti dei protagonisti, oltre agli archivi dei fondatori, rende agevole (anche se infinito) il lavoro dei nostri.  Con il passare dei mesi i fondatori vengono contattati da molti pionieri che forniscono ulteriori testimonianze, ricordi e materiale. Si uniscono al gruppo Massimiliano Marchi, Ruggero Righini, Gianfranco Guarnieri, Agostino Rosa ed altri.  Per ogni regione d’Italia viene individuata una memoria storica/corrispondente, aumenta il numero delle interviste mensili e dei contatti del portale. Nascono intanto (giustamente e citando la fonte) analoghe iniziative a livello regionale, con scambi di link e collaborazioni proficue (particolarmente interessante il lavoro di un altro pioniere, Massimo Lualdi).  Nel 2015 scompare Gigi Vesigna, in segno di lutto e di rispetto il sito non viene più aggiornato. Dopo un lungo periodo di silenzio i pionieri superstiti decidono di riattivare il sito (è in ristrutturazione, sarà aggiornato e rilanciato con nuova grafica su un nuovo dominio). Molto è ancora il materiale da pubblicare ed inserire, molte sono ancora le interviste da fare, pian piano accontenteremo tutti.  Al momento alcune schede vengono rilanciate su due blog

https://storiaradiotv.wordpress.com/ (radio)

https://massimoemanuelli.wordpress.com/ (tv ed interviste varie)

Gradualmente sarà inserito anche materiale audio e video del nostro archivio e materiale che i pionieri ci stanno inviando.

Purtroppo qualcuno nel frattempo aveva copiato l’intera linea editoriale del portale (e non solo gli articoli) senza ritegno e non rispettando il diritto d’autore dei collaboratori che vantano tantissimi anni di lavoro e ricerca (molti degli articoli erano usciti su testate nazionali). Già in passato avevamo fatto una causa (vinta) per la copiatura di alcune schede, ma copiare l’intera linea editoriale annunciando di copiare l’intero sito è a dir poco folle. Disponibili a collaborare con chiunque citi le fonti e ci proponga scambi e confronti, non possiamo però transigere con chi plagia pedissequamente. Tutti coloro che hanno ulteriori notizie o proposte farci scrivano alla mail storiaradiotv@tiscali.it provvederemo ad integrare le schede e a citare gli autori.

 RIPRODUZIONE RISERVATA. 

È vietata la riproduzione, anche parziale, e/o la diffusione dei testi e dei contenuti sonori e video di questo blog senza l’autorizzazione degli autori. Il blog è protetto dal diritto d’autore, chi ha cercato di non ottemperare a tali regole è già stato condannato con disposizione del Tribunale di Milano, con provvedimento d’urgenza ex art. 700 c.p.c. R.G. 77235/05..  Vi occorre qualcosa?  Scrivete, specificando il vostro indirizzo e il motivo della richiesta. Mail: storiaradiotv@tiscali.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...