Elisabetta Zanlari

Elisabetta Zanlari

 LA MEMORIA STORICA DI RADIO PARMA E TV PARMA

elisabetta zanlari tv parmaElisabetta Zanlari, nasce a Parma nel 1954, è ancora una studentessa in lettere quando legge su LA GAZZETTA DI PARMA un articolo dedicato a Radio Parma: “mi incuriosii subito, il giorno dopo mi presentai a Carlo Drapkind, iniziai come volontaria, mentre ero ancora studentessa, venni assunta nel 1982, conseguito il diploma di laurea”.  Elisabetta a Radio Parma conduce il programma per le donne BUON GIORNO SIGNORA. Poi è la volta di GIOCATE CON NOI (programma per bambini), quindi il programma musicale serale FREE MUSIC 102.

elisabetta zanlariNel 1983 Elisabetta passa in tv come lettrice del tg di Tv Parma e come conduttrice di LIBRI IN VETRNA, una delle prime rubriche televisive di recensione di libri: “la stessa Mondadori – ricorda Elisabetta – ci inviava libri”. Dopo essere stata autrice di Lo spazio, una rubrica dedicata agli animali, Elisabetta quindi lavora nella produzione radiotelevisiva del gruppo, occupandosi della redazione e del palinsesto dalla radio e della televisione.  Elisabetta Zanlari è morta a Parma il 3 dicembre 2013.  Così l’ha ricordata Platinette: “La Betty”: non ce ne sono altre in rubrica sul telefonino perché “la Betty” è stata solo lei, con tanto di articolo davanti al nome, per via della confidenza, per via che siamo cresciuti insieme con una ventina d’anni di vita trascorsa a lavorare nella nostra Radio Tv Parma … Ma, curiosamente, il legame si è fatto semmai più forte dopo, quando abbiamo continuato a sentirci al telefono, almeno una volta alla settimana, ogni tanto c’era di mezzo il lavoro, molto più spesso le confidenze…”La Betty” è stata una sicurezza, la garanzia di poter contare su un legame di amicizia disinteressata, una persona che ti sapeva ascoltare quando c’erano dei guai nei miei rapporti interpersonali, di cui mai parlo con anima viva, ma con lei si, sapeva tutto dei miei disastri affettivi, ci scherzavamo sopra così come ridevamo dei suoi radi “amori”, della sua “zitellaggine” come della mia, …”La Betty” è stata una complice vera, il punto fermo, la sua sobrietà era un approdo per i casinari come me o come Corrado Abbati, sempre in giro a “far lo show” ma inevitabilmente legati a lei come si fa tra amici diversi….Ho cominciato a preoccuparmi quando ”la Betty” non mi rispondeva al telefono, poi ho saputo cosa le stava accadendo, ho cercato ancora il contatto ma avevo capito che il suo “negarsi” era una scelta e andava rispettata perché non credo avesse voglia di cancellare le tante risate fatte insieme parlando dei suoi problemi di un presente immagino per lei molto difficile…Mi piace ricordarla col sorriso aperto, come quando decise, decenni fa, d’inventare un programma per la radio, pensato per dare una mano ai proprietari d’animali smarriti ,un vero e proprio “SOS Amici animali”, da subito un grande successo tanto che le proposi di farne una versione televisiva, di depositare il marchio e distribuirlo in franchising ad altre emittenti, ma il “business” non era nel suo bouquet di persona per bene, dove l’hanno fatta da padrona la bonomia, l’altruismo, il saper dare, anche a chi, come me, è l’esatto contrario…Incontrare “la Betty” è stato un privilegio al quale sarà difficile rinunciare…”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...