Una scuola milanese intitolata ad Umberto Eco, il ricordo di Massimo Emanuelli del suo unico incontro con Eco

*EXCLUSIF*PARIS: Umberto Eco

Stamattina, giovedì 22 novembre, in piazza Sicilia 2, c’è stata l’intitolazione del plesso scolastico a Umberto Eco. Alla cerimonia saranno presenti la vicesindaco Anna Scavuzzo, l’assessore all’Educazione Laura Galimberti e i famigliari dello scrittore. Dopo lo scoprimento della targa è stato possibile visitare l’edificio scolastico decorato con opere degli alunni preparate per l’evento. Un doveroso tributo di Milano al grandissimo intellettuale. Ho letto quasi tutti i volumi di Eco, da quelli più impegnati a quelli più “leggeri” (Fenomenologia di Mike Bongiorno), ricordo Eco non solo per Il nome della rosa (per questo lavoro fu conosciuto dal grande pubblico, ma c’è ancora in Italia chi non lo conosce, i grulli ad esempio…). Fra il 2011 e il 2012 parlai di lui con Elda Lanza, la prima presentatrice della televisione italiana, Elda ed Umberto avevano fatto nascere la tv in Italia, i due si erano ritrovati casualmente dopo tanti anni ad un mercatino di libri usati. Tramite Elda invitai Eco ad intervenire alla mia trasmissione radiofonica L’angolo della scuola, ma impegni del Maestro fecero si che l’appuntamento fosse posticipato.  Nel 2012 panta agenda marchesivenni contattato da Michele Sancisi e Maria Rosa Bastianelli per curare un capitolo del volume Panta Agenda Marchesi che doveva uscire in occasione del centenario della nascita del grande giornalista, scrittore, umorista, pubblicitario ed autore. Settanta erano gli autori del volume, tutti avevano conosciuto Marcello Marchesi, tranne io, ma Marchesi fu maestro di alcuni miei maestri ed amici (Gianfranco Funari, Maurizio Seymandi, Toni Santagata, Memo Remigi, il compianto Leone Di Lernia ed altri).  Umberto Eco aveva conosciuto e chiamato Marcello Marchesi quando era funzionario della Rai. Al volume collaborarono altri conoscenti ed amici di Marchesi, ricordo alla rinfusa Ettore Scola, Carlo Vanzina, Paolo Villaggio, Maurizio Costanzo, Pippo Baudo, Vito Molinari ecc ecc.  In occasione della presentazione milanese del volume, presente il figlio di Marcello Marchesi, Massimo e tanti degli autori residenti a Milano e al Nord, presso la Sala del Grechetto della Biblioteca Sormani c’erano tantissime persone. Ad un certo punto io uscii dalla sala per fumare (il mio vizio maledetto) entrò Umberto Eco che appena mi vide disse: “Emanuelli? Fra gli autori di Panta dopo di me.” e precisò “rigorosamente in ordine alfabetico”. Un grande che non faceva pesare la propria grandezza, a differenza di alcune nullità che si credono eccellenze. Mentre salivo le scale con Umberto Eco per entrare nella Sala del Grechetto mi complimentai per una sua affermazione veritiera “la rete ha dato parola agli imbecilli”.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...