Assembramenti in città, Luigi De Magistris dichiara di volere prendere provvedimenti, Beppe Sala difende gli irresponsabili. De Magistris non può ricandidarsi, Sala si e cerca voti giocando sulla salute dei cittadini. Forza Beppe “Milano non si ferma”

Vincenzo De Luca governatore campano usa da sempre la linea del rigore, contro la movida, contro le feste, ha optato per la didattica a distanza primo in Italia. Sono note le sue polemiche con il sindaco di Napoli Luigi De Magistris che non ha fatto nulla in estate per frenare la movida ed anzi l’ha incentivata. “De Magistris ha fatto il turista per le televisioni, doveva decidere lui sugli assembramenti sul lungomare di Napoli”. De Luca ha più volte fatto riferimento a “sindaci che parlano a capocchia”. Usando il plurale. De Magistris ora pare (meglio tardi che mai) Luigi De Magistris torna a parlare degli assembramenti dell’ultimo fine settimana. Il sindaco di Napoli, che proprio sabato aveva in qualche modo “difeso” la presenza di molta gente in strada definendo “stupido chi si lamenta della folla”, oggi ha annunciato che in una riunione di pre-giunta convocata per stasera a Palazzo San Giacomo si affronterà anche questo argomento, e si valuteranno eventuali provvedimenti. Non sono escluse, infatti, ordinanze ad hoc per i prossimi giorni, soprattutto se si entrerà in zona gialla.

“Le forze di polizia faranno un piano di controllo, ma noi stasera ci riuniremo anche per verificare da parte nostra se prendere specifici provvedimenti per la città”. Si cerca insomma di scongiurare ulteriori assembramenti come quelli visti nei giorni scorsi, soprattutto in caso di passaggio in zona gialla che vorrebbe dire la riapertura di bar e ristoranti fino alle 18, a pochi giorni dalle feste di Natale. “Vedremo anche se nei prossimi giorni passeremo in zona gialla, perché questo ha un impatto notevole sulla città dove, già ora che siamo zona arancione, c’è tanta gente”, ha aggiunto ancora De Magistris. Nella giornata di ieri, dopo le immagini di folla in strada nelle vie dello shopping, assembramenti, poco distanziamento sociale e qualche mascherina mancante di troppo, era intervenuto sulla vicenda anche il presidente della regione Vincenzo De Luca, che ospite a “Che tempo che fa” su Rai 3 aveva detto che festeggiare il Natale come gli anni scorsi sarebbe come “aprire le porte delle Terapie Intensive a gennaio e quelle dei cimiteri per altri diecimila decessi Covid”.

Diametralmente opposta la reazione del sindaco di Milano Beppe Sala, l’uomo di “Milano non si ferma”, dell’aperitivo con Zingaretti delle movide (Milano capitale) oltre a non prendere provvedimenti, a dichiarare “priorità alla scuola, Fontana ha optato per la didattica a distanza, non sono d’accordo lo faccio per dovere istituzionale” continua a difendere coloro che fanno assembramenti. Certo tutela commercianti, persone “private della liberta”, genitori (ma attenzione sui genitori caro Beppe tanti si lamentano), il Movimento 5 Stelle, altre consorterie. Beppe Sala è solo in cerca di voti, Milano da capitale morale d’Italia è diventata la capitale del covid. Un suo collaboratore, o sedicente tale, afferma “il personale scolastico è fatto da parassiti”, “gli studenti devono socializzare” (non studiare”, “in Calabria i supplenti sono nominati dalla ndrangheta”, “in Europa nessuno ha chiuso le scuole” (ciò non corrisponde al vero) ed altre cose inenarrabili. Intanto ci segnalano mezzi pubblici strapieni, monopattini, ciclabili, indignati i passeggeri di autobus, metropolitana e tram, indignati i dipendenti Atm. Con Sala solo ruffiani, persone che cercano un posto in consiglio comunale, nelle partecipate, adulatori che lo adulano sui social, si perchè il primo cittadino è sui social invece di fare il proprio dovere. Non si vede in consiglio comunale (segnalano diversi consiglieri comunali) svolge riunioni in remoto e vive blindato nel centro storico mentre le periferie sono allo sbando.

Forse ha ragione il sindaco la gente vuole le movide, i commercianti il commercio, le persone responsabili. Irresponsabile è lui con tutte le sue uscite dal covid in poi. Strano che un uomo così prudente mandi allo sbaraglio una città e distrugga quanto di buono aveva fatto (non fare danni ed era già tanto poiché del suo programma elettorale non ha realizzato alcunchè). Certo Sala vincerà perchè le persone hanno paura della destra (ma non ci sono soltanto Sala e il candidato del centrodestra ancora da scegliere) per le elezioni di Milano 2021, vi sono anche altre liste “minori” non i 5 Stelle ormai sodali con Sala, ma altre liste. Gli ultrà di Sala giocano sulla paura delle persone, attenti arriva la destra, ammoniscono. La destra ha governato 18 anni Milano e, al di là di errori, chi è esente da errori? però non è mai morto nessuno, possiamo già farlo ora ma anche a fine gennaio conteremo i morti che ha avuto Milano. Beppe stai sereno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...