Luca Zaia come De Luca “se apriamo le scuole ci facciamo male”, non è questione di destra o sinistra ma questione di buon senso. La tragica situazione della Lombardia e di Milano

Luca Zaia: “Se apriamo scuole in questa situazione ci facciamo male” ha dichiarato Luca Zaia Presidente della Regione Veneto. Pare che il Presidente della Regione Veneto sia intenzionato ad optare per la didattica a distanza e posticipare la riapertura delle scuole. Luca Zaia è in testa al gradimento fra i Presidenti di Regione, al secondo posto Stefano Bonaccini (Emilia Romagna), soltanto diciasettesimo il Presidente lombardo Attilio Fontana. L’Italia ha il record di morti, contagiati, ricoverati in terapia intensiva d’Europa, la Lombardia epicentro, Milano da capitale morale d’Italia a capitale europea (e forse mondiale) del covid. Il governatore Fontana ha voluto la zona gialla, però ha anche un alleato quale il sindaco di Milano Beppe Sala che ha “sopportato la didattica a distanza imposta da Fontana” per il primo cittadino di Milano prima viene l’istruzione poi la salute dei cittadini. Un suo collaboratore (o sedicente tale, ma il sindaco non ne prende le distanze) ha definito il personale scolastico “parassiti”, sostiene che i ragazzi devono socializzare, “in Europa tutte le scuole sono aperte” (balle), e altre cose inenarrabili che tireremo fuori al momento opportuno. Lo stesso sindaco prende le difese delle persone che si assembrano in centro, non prende alcuna misura. Milano non si ferma. Ha già vinto le elezioni come sostengono i suoi ultrà. Certo il centrodestra non esprime un candidato e ciò lo aiuta, e Sala fa queste uscite irresponsabili per avere i voti dei 5 Stelle, di altri settori di cittadini, dei genitori (ma qui si sbaglia non tutti i genitori e gli studenti sono irrigimentati dal Pd e inscenano manifestazioni, per quanto riguarda i docenti ci sono alcuni di essi con lui che non insegnano da anni e sono imboscati nelle istituzioni da anni). Molti genitori, studenti, docenti non irrigimentati hanno paura sveleremo il numero di contagiati, infetti, ricoverati in terapia intensiva, genitori infettati, nonni deceduti. Le persone iniziano ad avere paura. Mezzi pubblici affollati, adirato il personale Atm, area B, area C, monopattini, ciclabili. Infiniti i danni fatti dalla maggioranza che sostiene Sala (qualcuno se ne è anche andato non sopportando più l’immobilismo e le uscite irresponsabili ma acchiappavoti del primo cittadino). Signor Presidente della Regione Lombardia mediti sulla didattica a distanza, signor sindaco di Milano ritorni quello che era ed eviti uscite irresponsabili nonchè prenda la distanza da certi suoi collaboratori o sedicenti tali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...