Assembramenti di giovani anche a Milano, Miozzo dalla parte dei giovani e contro i presidenti di Regione e i media

Continuano gli assembramenti di giovani che bevono e ballano davanti ai locali. Informa il quotidiano La Repubblica che vi sono state “feste in strada e negli alberghi, chiamate alle forze dell’ordine da parte dei cittadini indignati dalla folla senza mascherina. ” Anche a Milano (oltre che a Lucca, Roma, Catania, Livorno ed altre città italiane). A Milano “erano in 18 in un appartamento affittato in un residence nel centro di Milano, tutti fra i 15 e i 23 anni, 4 addirittura minorenni. La polizia è stata chiamata da altri ospiti della struttura per la musica alta e le urla. All’arrivo degli agenti fuggi fuggi per le scale, ma la festa è continuata quando la polizia è andata via persino con danneggiamenti della struttura e con un’aggressione a un rider chiamato per portare delle pizze. I ragazzi sono stati portati in questura, identificati e multati.

Premesso che non si può generalizzare ma, secondo i virologi, i giovani sono asintomatici e portatori della variante inglese di covid, loro si sentono immuni, autorizzati a fare qualsiasi cosa. Un elettore milanese (il sindaco però non ha ordinato ancora un tso) cinquantenne in rete scriveva “io sono con i giovani ho fatto l’Università a 30 anni con giovani meravigliosi, l’Italia è un Paese gerontocratico viva i giovani che ammazzino un pò di vecchi”. Un altro milanese in età adulta sostiene che i giovani devono socializzare, devono andare a scuola per fare amicizia, per chiacchierare fra pari (non per studiare…) che sono stati privati di tutto. Veramente privati di tutto erano i giovani vissuti durante la seconda guerra mondiale, quelli dell’immediato dopoguerra e quelli delle generazioni successive, ai giovani di oggi non manca nulla, se non la libertà, ma la libertà non vuol dire fare quello che si vuole compromettendo la salute degli altri.

Il ginecologo Agostino Miozzo che si improvvisa virologo, esperto di trasporti, costituzionalista, pedagogo, tuttologo, in realtà è l’addetto stampa della ministra Azzolina (definizione del Senatore leghista Pittoni) oggi ha dichiarato a Il Fatto Quotidiano: “Siamo all’anarchia didattica. La dad fa più danni della presenza ben gestita” Miozzo scaglia pesanti accuse contro “media che parlano impropriamente di studenti liceali come soggetti «fortemente contagiosi», in altri termini gli untori della società ed i killer della popolazione più anziana; piuttosto che politici del territorio che invocano la chiusura delle scuole per “evitare una strage”. A parte il fatto che i media fanno invece vedere solo studenti e docenti irrigimentati e non fanno vedere giovani responsabili e allarmati per i mezzi pubblici, genitori altrettanto allarmati. Miozzo se vuole togliere il potere alla Regioni si candidi visto che ormai è un tuttologo. I Presidenti di Regione hanno garantito il diritto alla salute dei propri cittadini (articolo 32 della Costituzione) che viene prima di ogni cosa. Si invita il dottor Miozzo a viaggiare sui mezzi pubblici e a stare in un’aula di dieci metri quadrati con 20/25 giovani. Non si può generalizzare ma in un gruppo di venti/venticinque giovani (vale anche per gli adulti sia chiaro) vi è sempre almeno un irresponsabile che con i suoi comportamenti potrebbe aumentare i contagi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...