Francesco Giorgi il “Mario Chiesa” della seconda Repubblica

Pare che Francesco Giorgi stia cantando, come fece Mario Chiesa nel 1992, gli europarlamentari coinvolti non solo con il Qatar ma anche con il Marocco ed altri paesi, sarebbero almeno 60, di tutti gli schieramenti. Questo rampollo che vive di politica da anni è passato attraverso altri eurodeputati di sinistra, ma non si esclude anche di destra. Sentendosi abbandonato starebbe vuotando il sacco con gli inquirenti. Mario Chiesa, la prima Repubblica, gli scandali di Tangentopoli, di ben altro spessore politico e culturale erano dei dilettanti vista l’entità delle cifre. La prima Repubblica aveva dato stabilità e benessere a tutti, uno stato sociale invidiabile, aziende pubbliche (tutto smantellato dalla seconda Repubblica che ha aumentato il debito pubblico…) l’Italia era la quinta potenza mondiale. Una falsa rivoluzione permise a post fascisti, post comunisti, a persone che, pur essendo integrati nel sistema politico, non sarebbero mai stati candidati perché ritenuti incapaci. La seconda Repubblica li ha miracolati tutti portando “nani e ballerine” nei consigli comunali, regionali, in Parlamento, al governo.


Al di là di vicenda giudiziarie (da verificare sarà la Magistratura a farlo) sarebbe meglio prima di andare a votare (vale per tutti gli schieramenti) giudicare un politico e i propri collaboratori se hanno combinato qualcosa nella propria vita, a parte il fare politica. La politica italiana è diventata, dal 1994, l’arte dei nullafacenti, vale per tutti e quando dico tutti è tutti. Ogni schieramento (nessuno escluso) e non solo i politici, ma anche traffichini, giovani o non, che avendo un curriculum modesto mendicano candidature passando da un partito all’altro, accusando ora gli uni ora gli altri, ma senza guardare a sé stessi. Non si finisce mai di imparare, in 40 anni di giornalismo ne ho viste di tutti i colori, eppure oggi mi sono imbattuto in un traffichino che vive da sempre di politica, fin dalla prima Repubblica era nelle retrovie e lo è rimasto anche oggi (proprio un incapace allora) vede i politici passare ma lui resta, ed ha un’arroganza e una maleducazione incredibile. Mai nessun politico, nemmeno quelli con cui ho litigato fraternamente o le cui malefatte ho denunciato si è permesso di usare certi toni. Senz’altro le elezioni regionali le perderà quel candidato che ha fra i suoi sostenitore tale personaggino, candidato al quale consiglierò di toglierlo da ogni incarico.

Non mi riferisco a Francesco Giorgi (lo capisco anche se non condivido il suo operato) poi è giovane potrebbe redimersi ma ad un marpione sempre in pista da 40 anni un traffichino.

Attenzione a fare i puri, c’è sempre qualcuno più puro che vi epura.

P.S: Una casa editrice mi ha offerto di scrivere un libro intervista (come feci nel 1992) al momento preferisco scrivere di radio, poi valuterò tale offerta, lusingato dal fatto che, trattando bene tutti, anche quelli con cui divergo, poi le persone mi facciano confidenze. L’educazione e l’umiltà vengono prima di ogni cosa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...