Vittorio Betti

VITTORIO BETTI

vittorio betti

Veterano della tv toscana, nasce il 2 giugno 1958 a Firenze. Nel 1977, giovanissimo, entra nella tv fiorentina del gruppo di Mauro Montagni Il tCanale dei Bambini e dello Sport (poi Teleregione), suo trampolino di lancio nel mestiere di giornalista – conduttore. Con Enzo Baldini (poi a Rai 3) conduce “Giovedì sport” in onda in diretta dalle 20.30 alle 22 dove vengono trasmessi i servizi inerenti al mondo dello sport considerati “minori” registrati nei giorni precedenti ed  alternati alle interviste fatte in studio agli ospiti. Vittorio è bravo e viene utilizzato un po’ in ogni dove: dalle dirette dagli ippodromi “Vincente e Piazzato” (Il Visarno e Le Mulina di Firenze ed il Sesana di Montecatini) con Franco Ligas a quelle di cronaca, spesso pericolose. Ecco alcuni esempi. Il 28 giugno 1978 dalla piazza Santa Croce il Canale dei Bambini trasmette in bianco e nero la diretta in notturna della partita finale Bianchi contro Azzurri del calcio in costume. Tuttavia, a causa di una rissa di enormi dimensioni scoppiata tra i calcianti e il pubblico inferocito per gli sviluppi della competizione, la polizia deve intervenire energicamente sparando lacrimogeni per tentare di riportare la calma. Sennonché, alcuni colpi di pistola innescano la fuga della folla, tanto che il cronista a bordo del campo, Enzo Baldini, si rifugia in un bar vicino, mentre i tecnici Maurizio Montagni, Marcello Giannelli, Paolo Raffaelli e Leonardo Conti si ritirarono nel furgone di regia mobile. Vittorio Betti, invece, rimane a commentare l’evento rannicchiato sulla torretta di una postazione di ripresa. Sono momenti interminabili di paura per tutti e il pubblico fiorentino, che segue da casa e può assistere agli eventi in tempo reale. Il successo della trasmissione è enorme ed il giorno dopo il nome de Il Canale dei Bambini  su tutti i giornali, mentre la Polizia sequestra la registrazione del programma per visionarla alla ricerca di persone coinvolte nella gigantesca rissa. Per la piena dell’Arno del 14 novembre 1982 nel corso di una diretta fiume della tv, chiamata ora Teleregione, durata fino alle 02.00 e condotta da Giuliano Taddei, il Betti, munito di ricetrasmettitore che serve a collegarsi con la regia del furgone, scende dalle scalette vicino al greto del fiume insieme agli operai del Comune e i Vigili del Fuoco per controllare la colonnina metrica e da lì trasmette per ore. Un particolare curioso è presente nella vita del giornalista. Quando con i tecnici dorme dentro il furgone mobile di regia poichè non può  lasciarlo incustodito durante la notte per il materiale tecnico contenuto. Quando la ricca esperienza con Teleregione finisce, nei primi anni 90 passa a Tele 37 come redattore e conduttore delle “Notizie Flash” e della trasmissione “Basketball” che ha la collaborazione da Livorno di Giancarlo Di Nasso. E nel tempo ne diventa direttore.  L’iscrizione all’elenco dei giornalisti è del 17 luglio 1991. Moltissime sono le sue trasmissioni che diventano cult. “Ieri, oggi e domani”, rotocalco quotidiano, è una di queste. Rarissimo esempio di fedeltà aziendale, il giornalista è oggi nello stesso gruppo Poli direttore del canale all news TGT e di quello nazionale Italia 7. (Ruggero Righini)

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...