Lega e 5 Stelle azzerano i fondi per le tv locali. Chiudono altre emittenti. Le tv locali verso la chiusura?

tv locali

Il “governo del cambiamento” per economizzare taglia i fondi alle televisioni locali.  Le tv locali hanno dato a partire dalla seconda metà degli anni ’70 vitalità, hanno di fatto rotto il monopolio della Rai.  Il periodo d’oro fu fra il 1976 e il 1982, poi arrivarono i network (Canale 5, Rete4, Italia1, Pin, Net ecc.). Ma anche con l’avvento dei network le emittenti locali conservarono il proprio pubblico.  Antenna 3 Lombardia anche con le tv di Berlusconi riusciva a battere Canale5 con La bustarella di Ettore Andenna.  Gbr di Roma,. Canale 21 a Napoli, Canale 10 a Firenze, Telegenova in Liguria, Tv Centro Marche, Telemolise ecc., in ogni regione d’Italia il pubblico aveva un’ampia offerta televisiva. Intrattenimento, informazione locale (qualitativamente migliore rispetto al terzo canale Rai), sport locale è l’offerta, dalle tv locali sono partiti personaggi poi noti a livello nazionale (conduttori, attori, attrici ed anche politici).  Nel periodo di maggior splendore in Italia si registrarono circa 6000 tv locali (contando anche le emittenti provinciali e parrocchiali) per un totale di circa 300.000 posti di lavoro (fra conduttori, giornalisti, registi, fonici, elettricisti, impiegati, segretarie e fattorini).   Con la legge Mammì si arrivò alla prima moria di emittenti, molte dovettero chiudere, le emittenti comunque erano ancora circa 3000 all’inizio degli anni ’90.  La legge Maccanico, il dividersi politicamente in due poli (politico e televisivo) con la seconda Repubblica, fece scendere il numero delle tv locali a circa 600, che diventarono 300 nel nuovo millennio.  Un altro danno lo fecero le leggi Gasparri e Romani con l’avvento del digitale terrestre. I piccoli editori dovettero investire ingenti somme per adeguarsi alla tecnologia, parallelamente scoppiò la crisi economica, la pubblicità si contrasse, aumentò si l’offerta (molte emittenti potevano nel proprio mux avere anche sei canali), ma negli ultimi anni come giornalista di Millecanali dovevo praticamente riportare comunicati sindacali, messe in cassa integrazione, licenziamenti, pre pensionamenti e chiusura di emittenti. Le cose non cambiarono nemmeno con il governo Renzi. Ora il governo Conte (Salvini-Di Maio, ha azzerato i fondi per le televisioni locali. Presto spariranno altre emittenti locali (ne sono rimaste in vita un centinaio), saranno licenziati giornalisti, operatori e tanti lavoratori; verrà meno una informazione libera e plurale, vicina ai territori.

Che i grillini abbiano da sempre mal visto le tv locali volendone la chiusura era chiarissimo: interessati alla rete e a togliere finanziamenti alle tv (che danno lavoro a persone) e a dare un reddito di cittadinanza alle persone che stanno a  casa a far niente…  Matteo Salvini si era invece impegnato a far avere alle tv locali una parte del canone Rai, ora con gli amici grillini ne decreta di fatto la chiusura.

E’ paradossale che sono nati e cresciuti grazie alle tv locali (Beppe Grillo che esordì su Telegenova, Paolo Romani a Tvl Tv Libera Livorno e Matteo Salvini) abbiano contribuito all’ormai quasi certa estinzione delle tv locali.Anche Matteo Renzi, semrpe despota del Pd, star televisiva su Rete 4, partì da alcune tv locali fiorentine (Rete 37 e Tele 37, dal sottoscritto chiamate fin dal 2009 Tele Renzi) la sua scalata da Presidente della Provincia di Firenze a sindaco del capoluogo toscano fino alla conquista della segreteria del Pd e all’ascesa a Palazzo Chigi.

Vi aspettiamo giovedì 25 ottobre alle 18,05 su Radio  Italia Stoccarda solo musica italiana

per ascoltarci
cliccate http://www.radioitaliastoccarda.de

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...