Bruciati 85 miliardi delle famiglie italiane, italiani più poveri grazie al “governo del cambiamento” così apre Enrico Mentana, ora i grillini chiederanno anche la sua testa?

ENRICO MENTANA TG LA7Coraggiosa scelta di Enrico Mentana, a parer mio il miglior giornalista televisivo italiano in attività, di aprire il Tg de La7 con una notizia che ha quale fonte la Banca d’Italia. Scelta coraggiosa poiché i grillini non amano i giornalisti e vogliono la stampa asservita togliendo ogni libertà di opinione.

tiziana ferrario tg1Tiziana Ferrario, La Stampa di Torino, il gruppo La Repubblica/L’Espresso e, quale onore equiparato a testate nazionali, il sottoscritto e le radio che mandano in onda la mia trasmissione L’angolo della scuola, sono sul libro nero dei pentastellati. Ora ci finirà anche Mentana? Del resto c’è la classifica dei giornalisti non graditi e di quelli bravi (veramente pochi per i grillini, in testa quel Marco Travaglio giustizialista con tutti tranne che con i suoi amici…., lo fa da sempre condannare gli altri e salvare gli amici, prima Pd, poi Di Pietro, oggi i 5 Stelle). Mentana è libero, la Rai l’hanno lottizzata Lega e 5 Stelle è si diventata un regime, solo la terza rete (Pci-Pds-Ds-Pd) è rimasta al Pd anche perchè se dovesse cambiare questo partito e dovessero continuare gli attriti con la Lega è pronta una nuova alleanza (5 Stelle/Pd).
Comunque i dati sono della Banca d’Italia, gli italiani hanno perso 85 miliardi dei loro risparmi, ogni italiano ha perso (per lo spread e le incaute mosse governative, per ora solo slogan elettorali) il 2% del proprio risparmio, gli italiani si sono impoveriti (tranne Lega e 5 Stelle e tutti quelli che mangiano con loro tramite occupazione posti di potere e consulenze, questi si sono arricchiti, da reddito zero a redditi stratosferici). Non è stata realizzata alcuna promessa elettorale: fregatura totale per i lavoratori precoci (quota 41), quota 100 sarà fatta ma con paletti e con decurtazioni, il reddito di cittadinanza deve ancora realizzarsi, il ponte di Genova (che doveva essere ricostruito in tre mesi) è ancora fermo. I lavoratori della scuola sono indignati (ma perchè si sono fidati dei grillini?), sono indignati i lavoratori del Nord (con Salvini), il ceto produttivo del Nord, gli abitanti del Sud che non hanno ancora visto il reddito di cittadinanza, e che si aspettano il reddito di cittadinanza come era stato promesso in campagna elettorale.
Un plauso ad Enrico Mentana per il coraggio, per l’essere libero. Per quanto mi riguarda continuerò ad andare in onda con L’angolo della scuola e ad informare sulle disfunzioni e le mancate promesso, come ho sempre fatto con qualsiasi governo. Nemmeno coloro con i quali in passato sono stato durissimo avevano cercato di pormi un bavaglio. Se qualcuno pensa di spegnere la voce che mai nessun regime ha spento si sbaglia di grosso.

Sabato 24 novembre alle ore 22 verrà replicata su Radio Hemingway la puntata con i diplomati magistrali (delusi dal “governo del cambiamento”. Lunedì alle 17,30 su Radio Free sarò lieto di intervistare il mio ex avversario come candidato sindaco di Milano Stefano Parisi oggi leader di Energie per l’Italia. Con Parisi parleremo di Milano (ci chiariremo) e del suo partito (sto dando spazio a tutti i partiti oscurati dai media) ed anche del suo programma sulla scuola.

Vi aspetto sabato 24 novembre alle ore 22 per ascoltarci cliccate
http://www.radiohemingway.net

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...