22 aprile 2020 – 22 aprile 2010: dieci anni fa moriva il giornalista Emilio Pozzi

Il 22 aprile 2010 moriva a Milano il giornalista Emilio Pozzi. Nato a Milano il 27 agosto 1927, giovanissimo aveva partecipato alla guerra di liberazione (1943/1945) come partigiano del Fronte della Gioventù. A 16 anni fu arrestato dai nazisti e rinchiuso a San Vittore, matricola 941. Nel 1945 iniziò a collaborare con la neonata Rai come giornalista del Giornale radio e radiocronista della sede milanese, relizzando interviste e documentari, fu uno degli inviati di punta della trasmissione radiofonica VOCI NEL MONDO, interviste a personalità straniere in Italia. Vittorio De Sica lo invitò a doppiare il protagonista del film Miracolo a Milano del 1951, tratto dal romanzo Totò il buono di Cesare Zavattini, vivendo al contempo una singolare esperienza con i barboni del film.
Nel 1951 Pozzi vinse il premio Saint Vincent per il documentario LA REGINA DELLE VALLI, nel 1955 realizzò un docmentario su Maria Callas alla radio. Memorabili le dal dopoguerra al nuove millennio tra le quali ricordiamo quelle a Maria Callas o a Renata Tebaldi (notoriamente molto riservata) o quella ai tre De Filippo (Eduardo, Peppino e Titina) riuniti in uno studio radiofonico nel momento in cui si erano divise le loro strade professionali.
Negli anni ’60 Pozzi venne trasferito a Roma alla Direzione, Ricerca e Sperimentazioni, negli anni ’80 andò a Torino come direttore della sede regionale. Pozzi fu anche corrispondente della Radio Svizzera di Lugano E’ stato anche corrispondente della Radio Svizzera di Lugano per la quale ha raccontato, da Milano, gli anni della strategia della tensione. Nel 1984 allestì la mostra “La radio, storia di sessant’anni”, un’iniziativa itinerante tra Torino Spoleto, Napoli e Bari.
Negli anni ’90 Pozzi fu segretario consigliere dell’Ordine nazionale dei giornalisti, segretario dell’Ordine stesso vicepresidente dell’Afg Tobagi, presidente della Commissione esaminatrice per l’accesso all’Ifg, direttore della Collana Quaderni per la memoria, della rivista europea “Teatri delle diversità” (“Catarsi” che si occupava del teatro delle diversità, come quello dei detenuti e dei rom). Emilio Pozzi è stato anche ,organizzatore dei corsi sulla storia della radiofonia all’Università Bicocca e del Master in giornalismo della Statale di Milano.
Fra i libri scritti da Emilio Pozzi ricordiamo: Paolo Grassi. 40 anni di palcoscenico (Mursia, 1977), I Teatri di Milano (con Domenico Manzella, Mursia, 1985 con prefazione di Giorgio Strehler), I maghi dello spettacolo. Gli impresari italiani dal 1930 a oggi (Mursia, 1990), Sociologia dello spettacolo teatrale (Cisalpino Editore, 1992, con Bernardo Valli), La radio! La radio! La radio! Omaggio ad Enzo Ferrieri (Greco & Greco, 2002), Arti e Resistenza (MB Publishing, 2005, prefazione di Aldo Aniasi), Parole mbrugliate. Parole vere per Eduardo (Bulzoni editore 2007),
Negli ultimi anni della sua vita Pozzi si dedicò, da volontario, unitamente alla moglie Luciana, ai detenuti del carcere di San Vittore tenendo corsi di formazione, di giornalismo, lettura, scrittura, e coordinando il bollettino cartaceo Il Due Notizie. Emilio Pozzi morì a Milano il 22 aprile 2010, il suo ultimo volume, Quando non c’erano i gossip (Greco & Greco Editore) venne presentato postumo, in una piccola nota biografica di sè stesso scriveva: “ho imparato molto, professionalmente e umanamente, da Norberto Bobbio, Enzo Biagi, Dino Buzzati, Orio Vergani, Edoardo Anton, Primo Levi, Giovanni Testori, Paolo Grassi, Roberto De Monticelli, Enrico Mascilli Migliorini, Cesare Zavattini. E dai mille e mille esseri umani, incontrati nella vita, sulle strade del mondo: donne, uomini, bambini, anche extra comunitari e rom”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...