Scuole. Il professor Galli: “Riaprire il 9 dicembre è solo uno slogan politico. Pessima idea”.

La ministra Lucia Azzolina ha convocato i sindaci delle città metropolitane, in testa il sindaco di Milano Beppe Sala che cerca i voti dei 5 Stelle e dei genitori (alcuni, perchè molti sono allarmati), del resto Milano è la capitale morale d’Italia anche se ultimamente è diventata la capitale mondiale del covid. Schieratissimo con la ministra tutto il Movimento 5 Stelle, ma all’interno della maggioranza governativa non tutti sono d’accordo con la ministra, a partire dal segretario del Pd Nicola Zingaretti che tuona: “Sul ritorno in classe decide la scienza”.. Il sindaco di Milano Beppe Sala (contestatissimo da sanitari, da alcuni genitori, cittadini, dipendenti dell’Atm, tutte persone che lo avevano votato, non si è ancora capito se si ricandiderà ma agisce solo per la propria carriera politica, o come sindaco, o come futuro candidato alla Presidenza della Regione Lombardia (ha una ricetta alternativa per la sanità lombarda) o come ministro nel caso di un eventuale rimpasto, o come nuovo segretario del Pd, e, perchè no?, leader dei 5 Stelle, del resto in agosto si è incontrato con Beppe Grillo e addirittura sta diventando più grillino dei grillini.

A Il Gazzettino interviene Massimo Galli, primario dell’Ospedale Sacco di Milano e professore di malattie infettive all’Università Statale: “Abbiamo clamorosamente toppato il contenimento dell’infezione dopo il lockdown di marzo. Mi rendo conto che ci sono esigenze diverse come quella della scuola, importantissima, ma il riaprire troppo presto per richiudere sarebbe uno smacco ancora peggiore perché sarebbe costato qualcosa nel mezzo”.

Poi aggiunge: “Al di là della buona volontà messa in campo da tutti coloro che ci hanno lavorato, ora non possiamo dire che ci siano garanzie sufficienti”. La risposta di Galli, dunque, è netta: “No, non ha senso fino a quando non si è nelle condizioni di garantire delle condizioni di sicurezza. Sono scettico sulla garanzia assoluta paventata da alcuni all’interno della scuola, ma questo è un mio atteggiamento personale che da deriva dalla consapevolezza che le barriere architettoniche, come le aule troppo piccole, sono quelle che sono e la pretesa di tenere con la mascherina un’intera classe mi pare eccessiva”.

Sagge parole quelle del virologo, accusato di essere di sinistra, ma Beppe Sala non è mai stato di sinistra e infatti ne prendono le distanze l’estrema sinistra, ma anche esponenti del mondo cattolico, gli ambientalisti, alcuni civici. Massimo Galli ragiona da medico e non da politico e non ha ambizioni come certi sindaci “che parlano a capocchia” come dice il governatore campano Vincenzo De Luca.

Sabato 28 novembre alle ore 22 L’angolo della scuola la prima ed unica trasmissione radiofonica interamente dedicata al mondo della scuola (siamo in onda dal 1990) andrà in onda alle ore 13 su Radio Hemingway

per ascoltarci cliccate

http://www.radiohemingway.net

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...