Maurizio Lupi finanziate le scuole private

Maurizio Lupi, il “ragazzo di Baggio” il suo nome gira quale uno dei possibili candidati sindaco di Milano per il centrodestra quale sindaco di Milano, in politica dalla fine degli anni ’80, diversi incarichi, fu anche assessore nella prima giunta dell’ottimo sindaco Gabriele Albertini, è poi stato deputato, ha ricoperto e ricopre diversi incarichi, ha cambiato più volte schieramento politico. Lupi dichiara che è importante finanziare le scuole private. In un momento durante il quale le scuole pubbliche sono in difficoltà (ma è da 27 anni che lo sono tutti hanno fallito sulla scuola tagliando) non essendo molti edifici a norma, gravissimo in periodo covid, Lupi fa questa infelice sortita. Per la ministra Azzolina basta aprire le finestre (aprite le finestre al nuovo sole, cantava Franca Raimondi) si a gennaio. Se il candidato del centrodestra sarà Maurizio Lupi penso che Beppe Sala potrebbe stravincere. Ricordo a Lupi, ma anche a Sala, che tutti coloro che hanno parlato a sproposito di scuola o comunque hanno citato la scuola, poi hanno perso le elezioni: Gelmini, Renzi (con il duo Giannini-Fedeli), 5 Stelle (Azzolina) e nel 2016, a Milano, Stefano Parisi. Stefano Parisi decise di perdere le elezioni, lo ripeto dal 2016: le elezioni non le vinse Sala, decise di perderle Stefano Parisi non solo per questioni attinenti la scuola sia chiaro. Ricordo però che ad un dibattito sulla scuola fra i candidati sindaco Sala e Parisi, i due candidati erano impossibilitati a presenziare. Stefano Parisi delegò l’ex Provveditore agli Studi di Milano Francesco De Sancits (solo omonimo del grande ministro liberale) persona competente sia chiaro, Beppe Sala delegò me. De Sanctis fu un osso duro, io me la cavai, i docenti presenti si convinsero che Sala era il meno peggio, poi non so cosa fecero nel segreto dell’urna. Ricordo che vi erano alcuni docenti arrabbiati sia con Sala che con Parisi, querelai uno di loro per una calunnia, un altro disse che avrebbe votato Basilio Rizzo e non capiva come io potevo essere delegato di Sala. Gli risposi che io ero e sono un anarchico liberal socialista, che gli anarchici non votano, ma quando hanno davanti il pericolo della reazione votano il meno peggio. Altri docenti invece si convinsero che Sala era il meno peggio (era, chissà oggi…). Francesco De Sanctis espose le sue idee, io le mie, il dibattito fu civile, solo alla fine mi disse: “ma lei è con Sala” come fosse un crimine… Poi io ero li anche per un amico (non certo Sala, conosco il sindaco non l’ho mai negato come conoscevo Parisi, ma la parola amico è impegnativa….) RIbadisco ancora una volta (Sala può testimoniare) che io non sono del Pd nè ero candidato con la lista di Sala, ribadisco anche che chi parla a sproposito sulla scuola ha perso le elezioni. Inutile rivolgermi a Lupi le sue idee non cambiano, per quanto riguarda il sindaco Sala le sue idee sono cambiate sulla scuola, lo invito a chiarire, la sua posizione, è quella del 2016 o è quella attuale? Invito altresì il sindaco a prendere le distanze da un suo collaboratore, o sedicente tale che ha fatto alcune dichiarazioni sul personale scolastico che nemmeno Maurizio Lupi ha fatto.

http://www.vita.it/it/article/2016/05/26/dispersione-scolastica-a-milano-basta-sperimentazioni-a-sistema-le-buo/139565/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...