Milano, un candidato sindaco teme un suo avversario, o forse più di uno. L’appello al voto

Penso che qualcuno mi sopravvaluti, o mi prenda in giro (ma so stare allo scherzo, visto che ne faccio tanti io). Ok scherziamo. Ma se si parla sul serio trovo sbagliatissimo che una persona (che mi conosce bene, come io conosco lui, anche se siamo avversari) mi identifichi con un partito e che mi ritenga (ma non esageriamo dai) il regista di alcune operazioni, che francamente mi sfuggono, e, colui che sta rendendo visibile un suo avversario. Per tranquillizzare tutto ribadisco il mio essere anarchico, anarchico-liberal-socialista-padano come amo definirmi e come mi definiscono coloro (pochissimi) che mi conoscono veramente. Gli anarchici sono imprevedibili e solitamente non votano e non fanno appello al voto per nessuno, e poi dai oggi a cosa servono gli appelli al voto? Anzi spesso li trovo controproducenti. Sono passati da tanti anni i periodi dell’appello al voto di leader nazionali di partito (seri, tutti) per candidati locali (altrettanto seri) mi riferisco ai tempi della prima Repubblica. Poi iniziò la sciagurata seconda Repubblica, i post comunisti che si travestivano da liberali, socialisti (un tempo queste parole per i comunisti erano un insulto…) poi sono diventati democristiani… Sono passati anche il periodo del berlusconismo, del grillismo, abilissimi Berlusconi e Grillo nel prendere per i fondelli gli italiani e nel fare eleggere nelle istituzioni nani, ballerine, mignotte, disoccupati, analfabeti che con due clic diventano ministri, viaggiatori solitari nel mondo che fanno assurdi reportages strapagati e che pubblicano libri grazie all’odiato Silvio. Cinque anni fa consigliai (unica cosa che feci veramente, poi per il resto qualcuno esagerò sostenendo che io abbia ribaltato un risultato elettorale, con le mie battute) ad un candidato sindaco di stare alla larga dal suo leader nazionale, perchè avrebbe perso voti, sarebbe stato controproducente. Infatti seguì il mio consiglio e vinse le elezioni, non certo per merito mio però. Oggi, a maggior ragione, ritengo che qualsiasi appello al voto di leader nazionali per non parlare poi di me o di altri che non spostano che due voti (io nemmeno il mio sposto…) sia soltanto controproducente.

“Io non ho partito, non mi basta il sindacato, un lavoro non me l’hanno mai trovato” come cantava il grande Alberto Radius, sono nella privilegiatissima posizione dell’anarchico (si sono anarchico) che non deve dire grazie a nessuno se non a sé stesso. Non mi faccio prendere per i fondelli da personaggi politici che conosco personalmente. Tranqullizzo quindi gli avversari e i presunti amici o alleati (presunti): si lo ribadisco sono anarchico, sbagliatissimo identificarmi con un partito, se poi si allude, come fa il mio avversario, ad un partito specifico, beh devo dire che questo partito ha fatto scelte analoghe alle sue, scegliendo alcune persone fidate (e hanno fatto bene, gli anarchici sono inaffidabili) e poco note così non disturbano il manovratore e non fanno ombra. Io stesso sia per ragioni di salute (in primis) che in nome della mia libertà (che a me è sempre cara, libertà va cercando che è così cara come sa chi per lei vita rifiuta cit. Dante Alighieri) non ho accettato, ne mai mi è stato offerto (meglio mettere al mio posto un mediocre che non oscura anche se fa perdere voti ogni giorno) alcun ruolo strategico con nessuna lista o partito, sono completamente inaffidabile. Ben lo dovrebbe sapere questo mio avversario, non capisco perchè identifichi me come mente occulta di un suo avversario, io proprio non c’entro nulla, con nessuno. Se ho dato e do visibilità a diversi candidati sindaco (non solo ad uno) è soltanto perchè ritengo doveroso parlare di tutti e tredici i candidati sindaco, e non soffermarmi soltanto due, come fanno quasi tutti i giornalisti e quasi tutti i milanesi, ma la colpa non è mica degli elettori, del resto undici candidati sindaco sono stati ben nascosti…

Continuo a non capire questo mio ex avversario (ed attuale avversario) tema candidati poco visibili. Al di là di me penso che il candidato sindaco (o i candidati sindaco) ai quali allude non abbiano il quorum proprio perchè si sono affidati in determinati ruoli a personaggi mediocri non visibili, che non fanno ombra al leader e al regista occulto (non certo io) di una certa operazione questi travet stanno solo facendo perdere voti al proprio candidato sindaco.

“Non so ancora se voterò e chi voterò. Una sola cosa mi è chiarissima: chi no votare mai.” Gianfranco Funari. Ciao Gianfrà non ti ho dimenticato.

Passeggiando per Milano interviste ai candidati sindaco di Milano e ai candidati per il consiglio comunale in onda a partire da lunedì 13 settembre alle ore 20 tutti i giorni dal lunedì al venerdì su Radio Hemingway conoscerete tutti i candidati dei vari schieramenti, in onda fino al 30 settembre. Appello al voto? Semmai appello al non voto: nel corso dell’ultima puntata con Giovanni Cappella (altro profondo conoscitore del mondo della politica milanese e dei candidati stessi) presenteremo gli invotabili, ce ne sono in tutte le liste. Persone esaltate, violente, falliti, frustrati, che cercano protagonismo e arricchimento con la politica; e, ancora, i voltagabbana, coloro che sono passati da destra a sinistra, o da sinistra destra, coloro che hanno cambiato più partiti che mutande. E che dire di quelli che votavano destra poi si sono candidati con i 5 Stelle ed oggi sono candidati con la sinistra, o di coloro che votavano sinistra, poi si sono candidati con i 5 Stelle ed oggi sono candidati a destra. Parafrasando il titolo di un vecchio film di Pietrangeli: NOI LI CONOSCIAMO BENE… Io ho mille difetti ma sono rimasto dove sono sempre stato, anarchico, liberal, socialista, padano ma in primis anarchico. Quando per sbaglio, o per convinzione, ho fatto mie le idee di qualche partito (o meglio quel partito ha preso le mie idee) l’ho fatto nella mia totale indipendenza. Nel 2016, non a caso, mi candidai sindaco con una lista civica contro tutti, e quando dico tutti è tutti, lista di soli cittadini (mai esistita a Milano, le liste civiche sono solo liste civetta fatte da politici professionisti per prendere voti), il progetto fu fatto fallire da alcuni cittadini (tre furono da me querelati perchè sostenevano cose non corrispondenti al vero) e da altri cittadini che si fecero ammaliare dai soliti politici. Se avessi raccolto le firme sufficienti avrei avuto seri dubbi anche a votare me stesso, Ho il dubbio nel mio Dna, ho sempre dubitato di tutti e di tutto e, soprattutto in questo periodo storico, i dubbi contano a peso d’oro.

“E chi si inventa un bel partito per il nostro bene sembra proprio destinato a diventare un buffone” Giorgio Gaber LA RAZZA IN ESTINZIONE 2001. Gaber alludeva a Silvio Berlusconi, ma riascoltata oggi questa canzone è ancora attuale, riascoltatela. L’allusione ai buffoni che si inventano un partito per il bene della gente non va solo bene per Berlusconi, ma anche per Beppe Grillo e per Massimo Emanuelli, si anche io mi inventai una lista civica nel 2016 ero proprio un buffone, oggi non sono candidato ma il buffone continuo a farlo in radio. Non prendetemi mai sul serio, del resto sono un buffone, ma trovo più buffoni quelli che credono che Beppe Sala o Luca Bernardo siano seri… Sia chiaro trovo molto astuti sia Bernardo che Sala, che saluto, del resto hanno tanti gonzi che credono in loro (fanno bene a prenderli in giro) o persone che vogliono continuare a vivere di politica o iniziare a vivere di politica.
Vi aspetto dal 13 settembre ogni sera alle 20 con i vari candidati sindaco e i vari candidati consiglieri su Radio Hemingway

http://www.radiohemingway.net

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...