Veniero De Giorgi

Veniero De Giorgi nacque nel 1943 a Pescara, giovanissimo si traferì a Firenze per studiare, si laureò in architettura, studiò anche musica elettronica, nel 1966, a soli 23 anni, pubblicò il suo primo libro fotografico, Ore nel fango. Il vero non ufficiale, diario di vita dei giorni della catastrofica alluvione di Firenze del 4 novembre 1966.  Tornato a Pescara fu pioniere delle tv locali: nel 1973 fondò Teleabruzzo, tv via cavo,  con sede a L’Aquila, prima tv privata della regione Abruzzo.   De Giorgi radunò un gruppo di promettenti firme del giornalismo locale e nazionale e fece informazione nella prima emittente privata regionale. All’epoca a dominarlo era la spinta verso l’informazione: la sua tv nel 1974, a un anno dalla nascita, ebbe il coraggio di fare la prima “diretta” a Pescara su uno dei temi forti che animavano l’opinione pubblica e politica di quegli anni, il divorzio. Mentre Marco Pannella e Mauro Mellini ne dibattevano nell’aula magna dell’università, una cassetta registrava le fasi del dibattito e veniva proiettata in piazza Salotto, centro della città, per darne conto al pubblico. Sempre nel 1974 De Giorgi realizzò il suo primo lungometraggio con e su Joseph Beuys prodotto da Tva per la gallerista Lucrezia De Domizio.  Sposatosi con Giusi Di Crescenzo, si dedicò alla pubblicazione di libri fondando una casa editrice, aprì anche un negozio di antiquariato a Pescara vecchia. Storico esponente del socialismo abruzzese, De Giorgi fu editore, fotografo, pittore, gallerista, designer ed artista, ha prodotto eventi culturali anche di interesse internazionale.  Negli anni in cui l’informazione puntava al futuro e al quotidiano, lui stampava uno splendido periodico, l’Illustrazione Abruzzese per raccontare la bellezza del passato e i talenti d’Abruzzo attraverso tutti i nomi che li hanno resi tali. In quelli in cui l’arte guardava ai contemporanei e diventava underground, lui faceva scoprire i pittori ottocenteschi abruzzesi e puntava i riflettori su Michetti, Cascella e li accendeva sui fasti e sulle ombre del Vate e del suo complesso rapporto con la città e la regione natale. Editore attento ai particolari, cultore della bellezza in tutte le sue forme, una bellezza che ha cercato di diffondere anche aveniero de giorgi 5ttraverso le tante mostre documentarie, fotografiche, etnografiche che ha portato in giro per l’Abruzzo e fuori dai confini nazionali. Prima che l’Italia fosse inondata dai capitali d’Oriente, non erano ancora gli anni ’90, lui portava delegazioni di imprenditori ed enti pubblici abruzzesi in Cina, nell’allora sconosciuta provincia dello Shaanxi, sede di un lungimirante gemellaggio e di tanti progetti di cooperazione e di contatti da lui tenuti tramite Kappamedia, la sua avventura imprenditoriale in Oriente, quando lo spirito del pioniere di opportunità che si sarebbero rivelate in futuro lo dominava.   La Cina è stata il suo orizzonte a lungo, da promotore della fondazione Istituto sviluppo economico culturale Italia Cina Oriente Africa (Iseico/a), da animatore culturale di iniziative che avessero la reciprocità negli intenti. Ma al mondo ha sempre guardato, anche quando ha pensato di rimettere insieme le vite dei tanti abruzzesi che andati via da casa avevano costruito una storia importante in altre nazioni, pur rimanendo legati alla propria terra. Lui li raggiunse e li riportò in Abruzzo, grazie alla giornata dedicata agli Abruzzesi nel mondo, istituita dalla Regione e organizzata in collaborazione con lui.

veniero de giorgi 4Negli ultimi tempi si era dedicato anche alla promozione dell’Abruzzo in Cina con la sua fondazione Isecico. Custode delle tradizioni abruzzesi, studioso del liberty pesveniero de giorgi 2carese, di Michetti e di Tosti, de Giorgi possedeva un archivio immenso di fotografie e di testimonianze. Animato da mille idee, nel 2013 era stato anche al Salone del libro di Torino, a maggio, per la presentazione de “Il fanciullo e la strega”, una lettura psicanalitica de “La figlia di Iorio di Francesco P. Michetti e Gabriele d’Annunzio”. Fra le tante cose create, anche un film, “Dal Mediterraneo a Oriente. Sulle orme di Alessandro Valignano. Un missionario abruzzese a Macau”, il gesuita che nel ’500 fu motore delle relazioni tra Occidente e Oriente.  Animatore culturale molto conosciuto in Abruzzo, chi lo ha conosciuto lo ricorda come un’anima speciale, dal carattere imponente, la testardaggine alta, ma il cuore grande e la mente sempre aperta verso la conoscenza del nuovo. La camera ardente sarà aperta fino alle 12 di domani presso l’ospedale civile di Chieti, il posto che ha scelto per congedarsi dagli amici. La sua ultima apparizione pubblica risale all’ultima di queste giornate, celebrata con la consegna di un premio, in un’affollatissima sala convegni di casa d’Annunzio l’8 agosto 2013. Lui era lì, con la sua macchina fotografica a catturare le immagini di uno dei tanti eventi che ha creato per la regione in cui aveva deciso di restare, investire, lavorare, aiutare altri talenti, soprattutto giovani, ad emergere.

Veniero De Giorgi morì nell’ottobre 2013 all’ospedale di Chieti.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...