Enrico Crespi

Enrico Crespi nasce a Milano il 6 ottobre 1925, frequenta il liceo scientifico Vittorio Veneto, quindi si iscrive alla facoltà di medicina che lascia dopo quattro anni di studi in quanto intuisce che a professione medica non fa per lui. Nel frattempo aveva iniziato a collaborare con la redazione sportiva del Corriere Lombardo, chiamato da Nino Nutrizio. Iscritto all’Ordine dei giornalisti dall’1 febbraio 1952, dopo una breve parentesi a La Sera, quotidiano che non vedrà mai la luce, nel 1953 approda, sempre grazie a Nutrizio, a La Notte, in qualità di capo dei servizi sportivi. Successivamente ne diviene redattore capo ed inviato speciale, resterà al quotidiano milanese fino al 1982, quando si dimetterà per motivi famigliari:

“Mi ricordo il primo giorno di lavoro. Quando arrivai alla redazione sportiva la trovai deserta, tutti i giornalisti se l’erano squagliata, forse infastiditi dal mio arrivo. Le due pagine sportive a quel punto le feci da solo. Nutrizio si trovava a Firenze, mi inviò un telegramma nel quale mi scriveva che non aveva mai visto due pagine sportive fatte così bene. Presi il telegramma e lo attaccai sulla bacheca dell’ordine del giorno, da allora si è riempia ed abbiamo iniziato a collaborare.”

enrico crespi e antonio bellocchio

Enrico Crespi e Antonio Bellocchio, rispettivamente giornalista dell’Inter e del Milano per il quotidiano milanese del pomeriggio La Notte. 

Oltre che con La Notte, Crespi collabora con Epoca, collezionando numerosissime esperienze in giro per il mondo: “In quegli anni passavo più tempo in aereo che in redazione”.

Crespi segue le Olimiadi di Roma, Messico, Monaco di Baviera, Mosca e Los Angeles; le Olimpiadi invernali di Grenoble, Innsbruck, Lake Placid; sette giri d’Italia, nove tour de France, tutte le partite di Coppa dei Campioni, al di qua e al di là dell’Oceano Atlantico, di Juventus, Inter e Milan;  tutti i campionati del mondo dal 1954 al 1994, tutte le partire della Nazionale  in Italia che all’estero.

Nel 1979, anno della morte di Giuseppe Meazza, attraverso le pagine de La Notte, promuove l’iniziativa di intitolazione dello stadio al noto campione dell’Inter, facendo pubblicare sul giornale una scheda. Le schede saranno poi consegnate al sindaco di Milano Carlo Tognoli che l’anno successivo renderà operativa l’intitolazione. Presidente dei giornalisti sportivi italiani (U.S.S.I) dal 1972 al 1981, presidente mondiale dei giornalisti sportivi (A.I.P.S) per sei anni, in veste di collaboratore dell’ufficio pubbliche relazioni della Coca Cola istituisce un concorso giornalistico-letterario ed organizza una serie di conferenze alle quali prende parte Gino Bartali.

A partire dagli anni ’60 Enrico Crespi inizia a collaborare con Radio Montecarlo, negli anni ’70 approda in tv collaborando dapprima con Telemilano, quindi con Telenova emittente per la quale conduce la rubrica Milan-Inter oltre a dirigere il telegiornale. Per Telemontecarlo conduce Polvere di stelle ed un altro talk show sportivo con Gianni Brera. Sempre legata a Gianni Brera è la trasmissione gastronomica Giovedì da Riccione. Nel 1993 Enrico Crespi passa a Telereporter emittente per la quale costituisce il telegiornale.

Vincitore del premio Baguttino ed insignito della benemerenza civica del Comune di Milano, nel 2002 l’Ordine dei giornalisti l’ha insignito della medaglia d’oro per i cinquant’anni di attiità. Autore di numerosi libri dedicati ai mondiali di calcio e alle Olimpiadi per la casa editrice tedesca Sport e Cultura. Attualmente dirige il mensile Goal-Flash e un house organ di un club privato, collabora con il mensile La Voce per cui tiene una rubrica di carattere sociale, La mia opinione.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...