Carmen Consoli

Carmen Consoli (San Giovanni La Ponta, Catania, 4/9/1974): nata da padre siciliano e da madre trevigiana, contagiata dal padre, chitarrista blues, Carmen inizia ad imparare i suoi primi accordi già da bambina. A quattordici anni insieme la padre gira i locali per fare serate, entra poi a far parte di una band esibendosi con pezzi di Aretha Franklin, Otis Redding, ed altri protagonisti del blues-rock.  Intraprende anche attività di poetessa vincendo un premio regionale, di sera si esibisce nei pub. Ad un matrimonio dove Carmen canta incontra il suo futuro produttore. Esordisce nel 1996 alla sezione Giovani del Festival di Sanremo con Amore di plastica, pubblica il suo primo cd Due parole, nel 1997 è ancora a Sanremo con Confusa e felice, brano destinato a diventare un tormentone delle radio e titolo del suo secondo cd. Nel 1997 intraprende un tour lungo oltre un anno, nel 1998 incide Mai come ieri (1998, con Mario Venuti), nel 1999 esce l’album Mediamente isterica, cui seguono: Stato di necessità (2000) e il brano In bianco e nero, con cui arriva settima nella sezione Big del Festival di Sanremo 2000, l’album L’eccezione, e la colonna sonora del film di Gabriele Muccino L’ultimo bacio. In pochi anni Carmen Consoli è diventata una degli idolo rock degli ultimi anni. Grazie alla sua voce e allo stile inusitato ha toni vicino al rock internazionale. Nel 2001 pubblica l’album live L’anfiteatro e la bambina impertinente. Nell’estate 2003 è impegnata in un tour nel quale propone anche una versione tarantellata di Volare di Domenico Modugno, si esibisce al fianco di Patti Smith al Neapolis Festival, la sua hit estiva è Fiori d’arancio. Nel 2003 esce l’album Un sorso in più, che contiene classici come Parole di burro e L’ultimo bacio, e la cover di Can’t get you out of ny head di Kilye Monogue in versione rock. Nel 2006 esce il cd Eva contro Eva, vince il Premio Carosone e si esibisce negli Stati Uniti e in Canada. Nel 2008 parte il tour L’anello mancante e cura le musiche del fil L’uomo che amo per la regia di Maria Sole Tognazzi, duetta quindi con Ornella Vanoni, esce l’album Mediamente isterica che segna una svolta rock. Dopo avere duettato con Franco Battiato realizza un tributo alla cantante folk siciliana Rosa Balistrieri. Anche Carmen Consoli, come molti suoi colleghi e colleghe, partecipa al brano Domani 21/04/2009 in aiuto delle popolazioni abruzzesi colpite dal terremoto e al successivo concerto, esce quindi l’album di inediti Elettra con il quale ottiene il disco di platino, nel 2010 è ospite del Festival di Sanremo dove interpreta Grazie dei fior, brano di Nilla Pizzi vincitore della prima edizione del Festival, successivamente duetta con Patti Smith e le viene assegnato il Premio Tenco. Carmen Consoli inizia una collaborazione con Tiziano Ferro e pubblica la raccolta Per niente stanca con due inediti. Nel 2011 torna al Festival di Sanremo duettando con Luca Madonia e Franco Battiato, nel 2012 scrive per Nina Zilli la canzone Un’altra estate. Dopo tre anni di silenzio dovuto alla maternità, nel 2015 pubblica l’album L’abitudine di tornare, collabora quindi con Giovanni Caccamo, nel 2017 duetta con Tiziano Ferro al Festival di Sanremo, nel 2018 esce il live Eco di sirene e collabora con i Bandabardò e con Levante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...