Elezioni Milano 2021, indagata Annarosa Racca, spunta un nuovo candidato sindaco per il centrodestra, il ventesimo

Martedì scorso è stata rinviata la riunione del centrodestra per la scelta dei candidati sindaco delle grandi città. E’ stato l’ennesimo rinvio da dicembre, divisioni interne fra alleati, veti incrociati, fuoco amico. Mentre pare sia stata sbloccata la questione Roma, candidato scelto da Fratelli d’Italia, nulla di fatto per Milano. La scelta del candidato dovrebbe spettare alla Lega, Salvini fin da dicembre ha annunciato un civico. Martedì sembrava cosa fatta la candidatura di Annarosa Racca, ma poi tutto si è risolto con un nulla di fatto. Nelle ultime ore è arrivata la notizia che Racca è stata iscritta nel registro degli indagati per avere ordito una trama contro un suo avversario. A questo punto Berlusconi ha suggerito a Salvini di candidare Oscar di Montigny, manager di Mediolanum, sposato con Sara Doris, la figlia di Ennio, amico fraterno di Berlusconi. Sarebbe il ventesimo candidato scelto dal centrodestra…
Il primo nome è stato quello di Giulio Gallera, autocandidatosi nel primo periodo di gestione emergenza covid, quindi è stata la volta di Ferruccio Resta, Rettore del Politecnico, gradito alla Lega, il quale però si è defilato: “sono e resto Rettore e continuerò a farlo”, poi si è parlato di Silvio Berlusconi, Il leader di Forza Italia dopo avere fatto il Presidente del Milan oggi fa il Presidente del Monza, avrebbe potuto, dopo avere fatto il Premier fare il sindaco di Milano. Ma la voce, che alcuni forzisti che ben conoscono il proprio leader, pare sia stata messo in giro dallo stesso Berlusconi, è stata poi smentita. Si è poi fatto il nome del medico Paolo Veronesi, figlio di Umberto, e di un altro medico Alberto Zangrillo noto per essere il medico di Berlusconi e per avere preannunciato l’estate scorsa che “il covid era clinicamente morto”…. Zangrillo a quanto pare non hanno scaldato gli animi di tutti i partiti della coalizione, Alcuni giornalisti hanno anche avanzato la candidatura dell’ex capitano del Milan Franco Baresi… Anche Paolo Veronesi si è tirato indietro, così come ha fatto il giornalista Paolo Del Debbio. A quel punto è iniziato a circolare il nome dell’economista Maurizio Dallocchio, gradito da Fratelli d’Italia. Il 7 dicembre, nel giorno dell’annuncio della ricandidatura di Beppe Sala, rumors giornalistici hanno avanzato la candidatura di Roberto Rasia Dal Polo, manager del gruppo Pellegrini, civico puro, esponente della società civile, gradito a Matteo Salvini. Rasia l’1 gennaio si è dichiarato disponibile, però sono saltati fuori altri nomi: Simone Crolla (ex deputato di Forza Italia, allora Pdl), Maurizio Lupi (ciellino doc), Riccardo Ruggero (ex ad Telecom e figlio dell’ex ministro Renato), l’ex prefetto Alessandro Marangoni, Federica Olivares, Regina De Albertis, quindi Gabriele Albertini,  Alessandro Sallusti, Vittorio Feltri, e nelle ultime ore, appunto, Oscar di Montigny.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...