Chi è Roberto Rasia dal Polo il possibile candidato sindaco di Milano per il centrodestra

Dirigente, formatore, comunicatore, autore di libri, classe 1974, genovese, padre e nonno medici, tredici anni di scuola dai Padri Barnabiti, conseguito il diploma di maturità presso il Liceo Vittorino da Feltre di Genova, avrebbe dovuto studiare medicina. Il padre lo iscrive, a sua insaputa, al primo anno di università, Roberto sostiene l’esame di ammissione per odontaiatria ma poi se opta per l’accademia teatrale. Dopo una lunga gavetta presso radio locali e tv locali liguri, collabora con Radio Babboleo, il top dell’emittenza ligure. Rasia Dal Polo arriva a Milano nel 1997 come stagista, è stato accolto e “integrato” (come diceva Indro Montanelli), partito come stagista con un intenso lavoro ha raggiunto grandi traguardi professionali. Dotato di uno spiccato senso civico, è molto riconoscente alla città di Milano, che lo ha accolto quando a 23 anni si è trasferito dalla natìa Genova per cercare lavoro. Una grande passione in comune, la radio, per dieci anni è stato autore e conduttore di Radio 24, per un certo periodo emittente dello stesso gruppo editoriale della prestigiosa rivista Millecanali con la quale ho collaborato, Raisa approda a Radio24 nel 1999, anno di nascita dell’emittente, come autore e voce del programma di motori, realizzato in collaborazione con Quattroruote. “A Radio 24 ho avuto Giancarlo Santalmassi come maestro, la comunicazione è diventata il mio destino. Più che ispirarmi a Fiorello e Gerry Scotti, ho sempre tenuto presente modelli come Mentana e Vespa”.

Resta a Radio 24 dieci anni occupandosi anche di IT e salute. Dal 2001 al 2004 apre e conduce in diretta la TV satellitare in chiaro di Banca Mediolanum (SKY 803), di cui è anchorman e caporedattore. Nel 2005 passa a Luxe Tv, Raisa ha anche lavorato per Sky, Rai e Mediaset. Ottimo comunicatore, consulente nel settore delle Pmi, direttore generale di una società di consulenza, membro del consiglio direttivo del Rotary Club Milano Sud Ovest, socio onorario della Pontificia Accademia Mariana Internazionale. Giornalista pubblicista iscritto all’Ordine dal 2003, sposato, padre di una bimba di 3 anni. Ha pubblicato “Occhio, ti manipolo!”, “I trucchi della Comunicazione Efficace” ed altri volumi. In vent’anni di carriera ha condotto circa 700 eventi dal vivo, fra cui convention di grandi aziende italiane ed europee.

Nel 2015 conosce Ernesto Pellegrini: “Mi chiamò per un evento alla Scala di Milano, dove l’azienda celebrava i primi 50 anni. Per me che ho studiato teatro, calcare quel palcoscenico fu una grande emozione, e allo stesso tempo un traguardo. Il cavalier Pellegrini aveva bisogno di un giornalista che sapesse condurre eventi”.

Dal 2017 è direttore della comunicazione e formazione del Gruppo Pellegrini, affianca il Presidente Ernesto Pellegrini e la figlia Valentina. Colgo l’occasione per salutare il Presidente Pellegrini che intervistai anni fa per il mio libro Accadde a Milano: notizie personaggi e sindaci dal dopoguerra ad oggi. Allora Rasia non collaborava col gruppo. Riscontro che, se i rumors saranno confermati, che il centrodestra ha scelto un ottimo candidato, sarà una bella sfida con Beppe Sala al quale ricordo, lo ricorderò anche a Rasia se ne avrò l’occasione, penso di si, che chi ha parlato a vanvera sulla scuola si è bruciato e poi ha perso le elezioni (Gelmini, Renzi-Giannini-Fedeli, Azzolina, nel 2016 a Milano Stefano Parisi). Non ho mai sentito Rasia sparare castronerie sulla scuola, nè, tantomeno, fare uscite irresponsabili in tempo di pandemia. Rasia è il mister X al quale faceva cenno Salvini? Comunque girano anche altri nomi: Paolo Del Debbio, Paolo Veronesi, Maurizio Dallocchio e Simone Crolla (che saluto). E, ancora, Alessandro Marangoni, ex prefetto di Milano.

P.S. Senza nulla togliere a Del Debbio, Crolla, Dallocchio e Veronesi (questi ultimi due non li conosco) penso che Rasia sia per il centrodestra la scelta migliore perchè i sinistri dopo averne sentito il nome già annunciano la vittoria di Sala al primo turno, sminuendo e sbeffeggiando Rasia, poi vi sono altre ragioni. Non solo i sinistri sottovalutano Rasia ma anche alcuni del centrodestra e, addirittura, persone che essendosi montati la testa, travet, sconosciuti Carneadi miracolati, si permettono di giudicare una persona che non conoscono personalmente.

Le radio che mandano in onda L’angolo della scuola


Radio Free Live lunedì alle ore 17,30 http://www.radiofreelive.com

Radio Blu Italia mercoledì alle ore 13 http://www.radiobluitalia.net

Radio Hemingway sabato ore 22 http://www.radiohemingway.net

Iscrivetevi al canale youtube

https://www.youtube.com/results?search_query=massimo+emanuelli

per comunicare mandate una mail a storiaradiotv@tiscali.it

o iscrivetevi alla pagina

https://it-it.facebook.com/massimoemanuelli1/

Ricordi della campagna elettorale 2016

Mercoledì 9 dicembre alle ore 13 su Radio Blu Italia sarà replicata la puntata con ospite l’ex sindaco di Milano Gabriele Albertini per ascoltarci cliccate

http://www.radiobluitalia.net

Il podcast dell’intera puntata con Gabriele Albertini

Questo link è il più letto degli ultimi giorni. Trattasi un curriculum, in tanti mi riconoscono di sapere presentare bene le persone (di qualunque schieramento politico e non solo politici). Roberto Rasia Dal Polo per me è un radiofonico come me, sarò ben lieto, se Rasia accetterà, di intervistarlo alla ripresa della mia trasmissione L’angolo della scuola e fare con lui una chiacchierata su scuola, Milano, radio, ecc. Alla ripresa della trasmissione, sabato 9 gennaio su Radio Hemingway, del resto era già prevista una serie di interviste ad altri ex sindaci di Milano e ex candidati sindaco (dopo Gabriele Albertini previsto Paolo Pillitteri, stavo per contattare Carlo Tognoli, Stefano Parisi, ho già contattato il sindaco uscente Beppe Sala). Ho conosciuto personalmente tutti i sindaci di Milano (e gli sfidanti) da Aldo Aniasi a Beppe Sala, mi trovo nel privilegiato ruolo di chi vota (o non vota) qualcuno che conosce, a differenza di chi vota persone mediatiche. E infatti alcuni candidati passati li ho votati perchè li conoscevo, altri non li ho votati proprio perchè li conoscevo… Ricordo però che se sarà confermato Rasia Dal Polo (non vi è ancora la certezza) non ci saranno solo lui e Beppe Sala candidati sindaco, ma anche altri otto aspiranti candidati per liste “minori”. Mi sia concessa una battuta, uno di questi candidati (“minori”) non lo voterei mai proprio perchè lo conosco benissimo, meglio di tutti ahahahah Ringrazio comunque chi mi voleva candidato sindaco (idea originale) e auguro alle liste in questione di avere successo con persona più degna e meno dirompente di me. Sono stato candidato sindaco di Milano nel 2016, non ebbi molta fortuna, poi vi è una leggenda metropolitana che smentisco ancora una volta qualcuno mi ha sopravalutato, altri sottovalutato. Smentisco anche (però a dire il vero è sempre successo così dal 2006 in poi) che a Milano ha perso il candidato sindaco che mi ha fatto arrabbiare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...