Barbara Marchand ed Ettore Andenna a Radio Montecarlo

Leggo un post della mitica Barbara Marchand in risposta all’altrettanto mitico Ettore Andenna, più o meno quanto mi disse Ettore, e mi confermò Barbara, nel corso di una delle tante interviste che ho fatto ad Ettore per le radio e tv locali con le quali ho collaborato e Barbara nel corso di un’intervista radiofonica. Nei miei due volumi L’AVVENTUROSA STORIA DELLA RADIO PUBBLICA ITALIANA parlo infatti di Radio Rai, ma vi sono anche finestre su alcune emittenti straniere e private. Ettore e Barbara, inoltre, tornarono a collaborare assieme, dopo RadioMonteCarlo a Radio2.

Scrive Barbara Marchand_

Dedicato al mio amico Ettore ANDENNA: è lui che scrive…

Ci siamo, l’avevo promesso. Il 12 dicembre 1967, più o meno a quest’ora, attorno alle 16,45, la mia amica Barbara Marchand mi presentava come suo nuovo collega dai microfoni di RadioMonteCarlo e ricordo quei momenti in modo molto nitido:

“Vi presento un nuovo collega, è un bel ragazzo, alto, si chiama Ettore, da dove vieni?”

“da Milano”

“Quanti anni hai?”

“21”

“Hai già fatto radio?”

“no, mai è la prima volta”

“Bene, allora annuncia il prossimo disco”

“ok, qual è?”

“Questo!”

Era “Mes rèves de satin” versione francese di “Nights in white satin” dei Moody Blues interpretato da Patricia, una cantante franco svizzera che partecipò anche ad un EuroSong festival.

Da allora sono passati esattamente 55 anni!

Con Barbara siamo ancora affettuosi amici su Fb e ci sentiamo ogni tanto per telefono.

Dopo gli ultimi lavori che ho fatto più che altro per dimostrare a me stesso che sono ancora capace di non fare danni, anzi, mi sono accorto di non riuscire più a riconoscermi in questa televisione e nell’attuale magico mondo dello spettacolo. Soprattutto mi sono reso conto di non avere più interlocutori, la maggior parte degli addetti ai lavori dimostrano di non sapere neanche chi sono o se sono ancora vivo, mi mancano persone con cui parlare di progetti, evoluzione, tecnologie e tutto quello di cui si parlava tempi fa per creare emozioni. Sì, perché fare spettacolo vuol dire creare emozioni per l’unico utilizzatore finale che conta, il PUBBLICO. Trovo che non sia più così e che l’unico utilizzatore finale sia il fare più denaro possibile fregandosene di quello che dovrebbe andar bene per chi ti guarda ed ascolta. Quindi, caro mondo, dopo attenta riflessione in cui mi sono guardato ben bene dentro ed ho acclarato con me stesso di non avere rimpianti e che anzi rifarei tutto quello che ho fatto esattamente come l’ho fatto, ho deciso che è giunto il momento di RITIRARMI DALLE SCENE! Con decisione unilaterale e definitiva!

D’ora in avanti farò l’uomo di campagna, il marito, il padre, il nonno a tutto campo, giocherò un po’ a golf, finché ci riuscirò, per mantenere lubrificate le cartilagini e vivrò, come del resto ho sempre fatto, senza soffrire perché sono fuori. Mi ci sono messo io! Ci sono tante cose che si possono apprezzare della vita anche in età avanzata e quello che ho di più importante è la famiglia che sono riuscito a creare con quella gran donna che è mia moglie Diana. Fra cinque giorni accompagnerò a nozze, tenendola sottobraccio, mia figlia Giaele ed è un altro sogno che si realizza, poi ci sarà il primo compleanno di un nipotino, poi ci sarà Natale e poi l’inizio dell’anno nuovo. Care amiche ed amici di Fb, rallenterò un poco, in futuro, la mia partecipazione social, ma non del tutto, nel mio ego un po’ di relazione con un palcoscenico, anche se affievolita, non è sparita del tutto e questa la manterrò attiva, siete in 5000, pubblico di tutto rispetto d’altronde, come sempre. Buone Feste a tutte ed a tutti!

E io gli rispondo così:

Barbara Marchand

Caro Ettore non potevo mancare. Il tuo.post è carico di emozioni, di bei ricordi, di tutta una vita radiofonica prima e televisiva anche che non si possono riassumere in 4 righe. Ne abbiamo fatto un mestiere che ci ha portati ai….70 con grandi successi e poche delusioni. La maggiore oggi è- come dici bene- non avere più interlocutori. E sai come la penso: la Radio non è più quella e che fosse migliore non ho alcun dubbio. Buon tutto amico mio con il ❤️! ( tanto noi ci sentiamo!) Abbiamo creato qualcosa di bello e di duraturo…nel tempo!!!!

.Tutto questo, ma anche altre chicche relative a Barbara Marchand, Ettore Andenna e a tutti coloro che hanno fatto la storia della radio le troverete nei due volumi L’AVVENTUROSA STORIA DELLA RADIO PUBBLICA ITALIANA.

Dalla prefazione di Umberto Broccoli

“Non ho mai incontrato Massimo Emanuelli, ma ne conoscevo la competenza e la passione, ambedue dedicate alla radio. Da anni dietro ad un microfono, Emanuelli appartiene a quel gruppo di professionisti legati a questo medium antico e sempre nuovo, perché agile, snello, efficace, immediato, fantasioso, originale, insuperabile, semplice e non facile. Semplice, perché agile, snello, efficace, immediato, fantasioso, originale, insuperabile. Non facile per gli stessi motivi da non ripetere ancora una volta. Chi fa la radio deve costruire un percorso, elaborare un pensiero, immaginare come comunicarlo, fare in modo di trasformare le parole in immagini nella mente dell’ ascoltatore. È il teatro della mente nel quale chi ascolta è parte attiva esattamente come chi parla dietro a quel microfono. Chi ascolta è al tempo stesso scenografo, regista e autore così come lo è chi parla….  Oltre 1200 pagine, ma non è un po’ troppo lo spazio dedicato alla radio da Massimo Emanuelli. Sono pagine ricche, dense, documentate, avvincenti, precise, preziose, curiose, colorate, musicali, autobiografiche, leggere, coinvolgenti, interessanti e potrei andare avanti in positivo. Naturalmente Con parole mie.”

https://www.librioltre.it/biblioteca/store/comersus_viewItem.asp?IdProduct=3591

Ringrazio tutti per l’attenzione so che è difficile trovare i volumi (peraltro a tiratura limitata) visti i problemi di distribuzione che hanno le piccole (ma grandi) case editrici. Potrete comunque ordinarli in qualsiasi libreria o chiederli direttamente all’editore a questo link.

https://www.librioltre.it/biblioteca/store/comersus_viewItem.asp?idProduct=3591

Annunci

One comment

  1. Che bell’articolo! Grazie per far conoscere la Radio vera, autentica, quella che si dovrebbe empre fare in rispetto dell’Ascoltatore. Grazie, grazie, grazie!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...