Vanna Brosio

vanna brosio

Vanna Brosio è stata anche pioniera delle radio e delle tv locali interviene infatti ad alcune trasmissioni di Radio Nola City e conduce, con Gino Ranieri e Feliciana Jaccio il programma VIVA GLI SPOSI sulla prima Canale 21

Vanna Brosio nasce a Torino il 18 aprile 1943, figlia di un austero antiquario, fino a vent’anni studia al liceo artistico e lavora come modella, il suo incontro con lo spettacolo avviene in palcoscenico in teatrini improvvisati, mentre aiuta il padre nel lavoro di antiquario. Il caso vuole che il loro negozio è sito in via Verdi, di fronte alla sede Rai di Torino. Così per l’interessamento di un programmista a Vanna viene offerta la possibilità di un provino. Nel 1962 debutta sul grande schermo con Dal sabato al lunedì per la regia di Guido Guerrasio (1962), notata da Bruno Martino mentre si esibisce come cantante alla Bussola di Sergio Bernardini viene scritturata dalla Voce del Padrone e nel 1964 incide il suo primo 45 giri Come mio padre/Non si può e Non rispondo di me/Ed ora te ne vai (autori Mogol e Pino Massara) che presenta in tv a Una sera a Capo Boi (1964). sempre nello stesso anno è valletta de La fiera dei sogni, programma condotto da Mike Bongiorno con il quale ha un flirt (stando ai settimanali dell’epoca.  Trasferitasi a Milano dove realizza alcuni fotoromanzi e spot pubblicitari, Vanna dopo avere fatto parte per un breve periodo del Clan Celentano, prosegue la sua attività canora (per lei scriveranno canzoni Enzo Jannacci, Gianni Boncompagni, Cristiano Malgioglio, Giorgio e Paolo Conte): Ed ora te ne vai, Con la faccia all’ingiù/Un pò di malinconia, sono altri 45 giri di successo. Poi è di nuovo sul grande schermo con Viale della canzone di Tullio Piacentini (1965), poi ancora tv: Le nostre serate programma condotto da Giorgio Gaber e Speciale Gilbert Becaud, altro flirt (sempre secondo i settimanali scandalistici dell’epoca) stavolta con Renzo Arbore. Nel 1967 è ancora in tv a Settevoci programma condotto da Pippo Baudo, e al cinema in Cupido 7 di Renato Dall’Aria (1967), nel 1968 incide il 45 giri Non sei bello ma sei simpatico/L’amore è dappertutto, cui seguono il film Il caso “Venere privata” di Yves Boisset (1969) e i 45 giri Il primo giorno di primavera/Il vento suonava l’arma (1970), Le mele verdi/Proibito ricordare (1970) e Te lo dirò in confidenza/Veleno (1971). Nel 1971 partecipa al programma tv Come quando fuori piove con Raffaele Pisu, e Domenica insieme, dal 1972 al 1976 conduce con Carlo Fuscagni E adesso musica, classica, leggera, pop; mentre conduce quella che sarà destinata a diventare la sua trasmissione più popolare, Vanna incide altri due 45 giri Oggi domani sempre/L’amore è un invenzione (1972), Viva noi/Vorrei essere un gabbiano (1973), e conduce alla radio Vanna e gli autori cui seguirà IL MATTINIERE programma cult della storia della radio italiana. Vanna Brosio è anche pioniera delle radio e delle tv locali interviene infatti ad alcune trasmissioni di Radio Nola City e conduce, con Gino Ranieri e Feliciana Jaccio il programma VIVA GLI SPOSI sulla prima Canale 21. Dopo un ritorno sul grande schermo con Bianchi cavalli d’agosto di Raimondo Del Balzo nel 1975, incide altri due 45 giri: Una vita difficile/Una lettera (1975). La montagna/Ho sognato di te (1976), Colpa di un disco (con Augusto Martelli) (1977). Nel 1976 torna in tv con Sanremo domani, nel 1977 è la volta di Bella senz’anima, poi torna in radio con MIMMO 18, special dedicato a Domenico Modugno e LE PIU’ GRANDI ORCHESTRE DEL MONDO (1979). Nel frattempo incide due nuovi 45 giri L’aquilone (1978) e Non rompere (1979) e torna sul grande schermo con Le braghe del padrone di Flavio Mogherini (1978) e tiene una rubrica fissa su Tv Sorrisi e Canzoni allora diretto da Gigi Vesigna. Negli anni ’80 alterna dischi, radio e televisione: dopo avere condotto SPAZIO X e inciso Indovina indovinello/Caldo come neve (1981), è di nuovo in radio con LE MILLE CANZONI (1982) e in sala di incisione: Frutta fuori stagione/La solita storia (1982). Nella stagione 1984/85 Vanna Brosio affianca Aldo Biscardi a IL PROCESSO DEL LUNEDI’, e incide due 45 giri “sportivi”: Ho la testa nel pallone (1984) e Dai campione (1985). Dal 1985 al 1989 conduce DOMENICA GOL, nel 1989 compare al FESTIVAL DEL CINEMA per Raidue. Nel 1990 è inviata per il Tg2 ai Mondiali di calcio, nella stagione 1991/92 è inviata per il Tg2 a TUTTOCAMPIONATI, nel 1993 DERBY TGS sempre per Rai2. Nel 1994 presenta per Raitre PROCESSO AI MONDIALI, nel 1996 torna su Raidue con SPORT SERA TGS. Sempre nel 1996 esce il cd ALTO VOLUME nel quale è presente con 4 brani fra cui l’inedito LA NOSTRA STORIA FINISCE QUI. Vanna Brosio è morta a Torino il 19 giugno 2010.

vanna brosio tony napolitano

VANNA BROSIO CON TONY NAPOLITANO IL FONDATORE DI RADIO NOLA CITY

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...