I Camaleonti. Intervista a Tonino Cripezzi, il podcast

i camaleontiTonino Cripezzi nasce a Milano il 26 febbraio 1946, il padre suona il clarinetto e lo iscrive al Conservatorio, suo compagno di studi è Pino Donaggio. Nel 1963 incontra Riki Maiocchi (che suonava nella band di Memo Remigi) e gli propone di dare vita ad un complesso, con Livio Macchia, Gerardo Gerry Manzoli e Paolo De Ceglie nascono I Camaleonti. Nel 1966 Riki Maiocchi lascia il gruppo per intraprendere la carriera da solista, lo sostituisce Mario Lavezzi, il gruppo partecipa al Cantagiro con Chiedi chiedi, ottengono quindi un grande successo con Shala la la la, conver di La La La La La del gruppo messicano-statunitensecamaleonti portami tante rose (2) The Blendells, spopolano quindi con Portami tante rose, rifacimento di un brano dell’era fascista. Nel 1967 tornano al Cantagiro con Non c’è niente di nuovo, nel 1968 ottengono un grandissimo successo con L’ora dell’amore, cover di Homburg dei Procol Harum, partecipano ancora al Cantagiro e riscuotono un altro successo con Io per lei, sempre nel 1968 portano al successo camaleonti applausiApplausi in gara al Festivalbar. Intano ha lasciato il gruppo Mario Lavezzi sostituito Gabriele Lorenzi Per I Camaleonti scrivono anche Lucio Battisti e Mogol (Mamma mia), tornano in gara al Festivalbar con Viso d’angelo. A questo punto la partecipazione al Festival di Sanremo è d’obbligo nel 1970 I Camaleonti presentano Eternità in coppia con Ornella Vanoni, il gruppo viene però escluso da Un Disco per l’Estate ufficialmente per il titolo della canzone che dovevano presentare (Tempo d’inverno), poco consona ad una manifestazione estiva, in realtà perché affrontava il tema del divorzio alla vigilia del referendum. Nel 1973 entra nel gruppo Dave Summer, I Camaleonti tornano al Festival di Sanremo con Come sei bella, vincono Un Disco per l’Estate con Perchè ti amo, partecipano quindi a Canzonissima con Amicizia e amore e al Festivalbar edizione 1974 con Il campo delle fragole. Seguono altri successi: Piccola venere e Cuore di vetro (1975), Tra amici (1976), Canto d’amore straniero (1978), nel 1979 tornano al Festival di Sanremo con Quell’attimo in più. Proseguono la loro attività anche negli anni ’80: Tango della gelosia (1981), nel 1982 lascia il gruppo Gerry Manzoli, al suo posto arriva Vincenzo Mancuso, nel 1984 eseguono Italian boys (1983), poi è la volta di Cuore nerazzurro, inno dell’Inter, 1984). Nel 1985 entra nel gruppo Valerio Veronese, seguono altri successi: Soli noi (1986) e Ester (1988). Nel 1990 Massimo Brunetti entra nel gruppo, nel 1993 esce la raccolta Come passa il tempo e i più grandi successi, nel 2004 entra nel gruppo Massimo di Rocco. Gli ultimi lavori sono una serie di raccolte ed live del 2010.   Nel 2015 esce l’album 50 anni di Applausi.

 

Ascolta il podcast della prima puntata

 

Ascolta il podcast della seconda puntata

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...