Franco Battiato il ricordo di Mario Luzzatto Fegiz

Come Giorgio Gaber e Fabrizio De Andrè, Franco Battiato non può essere ricordato solo come cantante, come artista, è stata una voce scomoda, coscienza critica. Curioso, ma costume tipicamente italico (gli uomini sono buoni con i morti così come sono cattivi con i vivi) che oggi tutti lo ricordino, persino quei politici che Battiato mise alla berlina. “”Queste troie che si trovano in Parlamento, nei consigli regionali e comunali farebbero qualsiasi cosa. E’ una cosa inaccettabile, sarebbe meglio che aprissero un casino”. dichiarò Battiato. Mario Luzzatto Fegiz, decano dei critici musicali italiani, che ha conosciuto Franco Battiato e che con lui scrisse una canzone in greco antico, ha ricordato l’arrivo di Battiato a Milano, con la classica valigia di cartone, l’incontro con Giorgio Gaber ed Ombretta Colli: “Battiato è stato uno dei personaggi per cui è valsa la pena di fare questo mestiere” ha concluso Fegiz.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...