Emilio Pericoli

Emilio Pericoli nacque a Cesenatico (Forlì) il 7 gennaio 1928, dopo aver imparato a suonare il pianoforte e la chitarra, nell’immediato dopoguerra si trasferisce a Cesena dove decide di vivere, nel 1947 è entrato come cantante nell’orchestra del maestro Enzo Ceragioli, con la quale si è esibito non solo in Italia per alcuni anni, la sua voce diventa famigliare attraverso i microfoni della radio. Grazie all’interessamento di Lelio Luttazzi, nel 1954 ha preso parte al concorso radiofonico “Dieci canzoni da lanciare”. Nel 1955 ha indossato i panni dell’attore nel film di Stefano Canzio “Il motivo in maschera”, ispirato all’omonimo quiz radiofonico presentato da Mike Bongiorno a cui Pericoli aveva partecipato come concorrente. Quindi ha iniziato anche l’attività di attore teatrale, partecipando ad alcune commedie musicali come Valentina (messa in scena dalla compagnia di Isa Barzizza).

Nel 1959, firmando il contratto con la Dischi Ricordi, ha intrapreso la carriera di cantante, trovando una serie di successi anche grazie alla reincisione di alcuni classici della canzone italiana degli anni ’30 e ’40 e di alcune canzoni napoletane (come Anema e core e Scalinatella), tutti raccolti in due album (“Amori d’altri tempi” del 1961 e 2Amori dei nostri anni ruggenti” pubblicato l’anno seguente, con gli arrangiamenti curati da Iller Pattacini).

Nell’autunno del 1961 è entrato nel cast di Studio Uno, in coppia con Renata Mauro. Nel 1962 la partecipazione al Festival di Sanremo con la celeberrima “Quando quando quando” in coppia con l’autore della canzone Tony Renis. L’anno successivo la stessa coppia ha conquistato il Festival con “Uno per tutte”. Sempre nel 1963, a Londra, ha partecipato alla ottava edizione dell’Eurovision Song Contest, classificandosi terzo (vittoria dei coniugi danesi Ingmann) con la stessa canzone vincente a Sanremo. Tornerà a Sanremo nel 1964 con Piccolo piccolo, senza però ripetere il successo dell’anno precedente. Dopo aver inciso per alcuni anni per la Dischi Ricordi, a metà degli anni sessanta è passato alla Warner Bros, per la quale ha pubblicato alcuni 45 giri. Alla fine del decennio ha firmato per la Globe Records, distribuita dalla Bentler. Ha poi collaborato ad alcune incisioni con i Marc 4. Negli anni ’60 aveva partecipato alla serie tv ‘Studio Unò con Mina e le gemelle Kessler. Con l’avvento dell’era beat parte per l’America dove si esibisce con successo per qualche anno, poi si ritira dalle scene, tornerà soltanto vent’anni dopo in epoca di revival anni ’60.

Nel 2006, ornai pensionato, si trasferisce a Gambettola, nel 2011 è ospite di Carlo Conti a ‘I migliori anni’. Emilio Pericoli muore la mattina del 9 aprile 2013 all’hospice di Savignano sul Rubicone dopo una malattia. “E’ stata un cosa breve, ma dolorosa”, ha affermato all’agenzia di stampa Agi la moglie, Angela Maria Barberis. La salma di Pericoli viene subito trasportata nella camera mortuaria dell’ospedale Marconi di Cesenatico. Le esequie sono in programma si svolgono venerdì 12 aprile 2013. Il cantante riposa nel cimitero della città marinara che contribuì a far conoscere nel mondo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...