Il Carnevale di Viareggio in radio e in tv

Il Carnevale di Viareggio in tv

carnevale viareggioIl 21 febbraio 1954 è una data storica per Viareggio ed il Carnevale. La Rai, tramite il suo dirigente Giuseppe Bozzini decide di inviare una troupe sui viali a mare per trasmettere la prima diretta esterna nazionale. I tecnici ce la mettono tutta. Ci sono da superare tanti ostacoli e da risolvere un mucchio di problemi: col ponte radio sul Monte Serra coperto di neve e raggiungibile solo dalle campagnole e con le telecamere che devono inquadrare la smisurata grandezza dei viali a mare. C’è il pericolo che tutto il lavoro vada alla malora per l’impossibilità di rendere chiare, negli studi centrali, le immagini della grande kermesse. La postazione fissa è sui viali a mare in Piazza Mazzini: quattro telecamere, colonna sonora fatta coi dischi. Al fianco del regista Giovanni Coccorese c’è il presentatore Bruno Ambrosi coadiuvato da Gian Maria Tabarelli. Il giovane telecronista comandato al servizio è appollaiato sulla terrazza del Bar Fappani. Nel pulmann della regia, dopo la tensione delle ore precedenti c’è un’esplosione di gioia quando in cuffia arriva da Torino l’ok: “ Le immagini si vedono, sono perfette”. Ha la voce velata dall’emozione Ambrosi nel momento in cui attacca con la frase rituale: “Signore e signori siete collegati con…”. Sembra incredibile possa continuare e dire “…Con Viareggio” e aggiungere: “Vi parliamo in diretta”, quando tutto in esterna è registrato col telecinema, perfino i telegiornali, figuriamoci gli spettacoli… ma Bruno lo dice e da quel momento la tv in Italia non è più la stessa. Il “tutto va bene” arriva subito. Dopo i primi dieci minuti di trasmissione segue il grido: “benissimo”. Per la prima volta l’Italia assiste ad un evento che sbalordisce. Tra le centomila persone che affollano la Passeggiata si aggirano divi di Hopllywood come Humphey Bogart e suacarnevale viareggio 2 moglie Laureen Bacall. Mentre la regia stacca su una panoramica del pubblico assiepato a vedere il passaggio dei carri tra i centomila che affollano il lungomare c’è anche un malcapitato turista di Torino che ignaro delle cineprese finisce nel bel mezzo del teleschermo assieme alla sua amante. Il caso vuole che a casa la moglie sia davanti al televisore. Alla chiusura della diretta Coccorese commosso va ad abbracciare Ambrosi. Ma negli archivi Rai non c’è nulla che ricordi l’avvenimento. Lo stesso Bruno Ambrosi nel 1979 ha ricordato: “Purtroppo di questo momento non resta nulla di palpabile: neanche una di quelle registrazioni ampex che servono a ricordarci “come eravamo”. Resta il ricordo, quello sì, uno dei più felici ed emozionanti di una carriera agli inizi: il sottile tremore all’apparire alla sigla d’apertura delle trasmissioni, il volto compunto della annunciatrice che comunicava il primo collegamento esterno, il perentorio via del regista agli emozionantissimi cronisti per la prima fase (di circostanza, ovviamente) “siete collegati con Viareggio”, le prime parole insicure, poi via via più sciolte per descrivere le meraviglie colorate – ma trasmesse in bianco e nero – del grande corso che andava ad incominciare e che, magicamente, grazie a quei telecameroni piazzati sulle torrette del lungomare, arrivava istantaneamente anche nelle case più lontane a portare letizia. Non proprio in tutte, se è vero che la trasmissione ebbe anche uno di quei risvolti che i cronisti definiscono boccacceschi: la storia di un marito che aveva detto alla moglie di doversi allontanare per un viaggio d’affari e che invece era sato colto dall’obbiettivo galeotto di una telecamera in mezzo a mille altri volti, mentre era teneramente avvinto a una ragazza, tra il pubblico che assisteva alla sfilata. E poi, alla chiusura, dopo quell’orgia di immagini e di suoni, la bocca ancora impastata dall’emozione e dai coriandoli lanciati senza risparmio, la grande bicchierata che doveva sigillare solennemente quella che anche adesso, per noi accigliati storici della Tv in quest’anno del venticinquennale, insieme con il controfagotto di Degoli e l’indimenticabile sorriso di Marisa Borroni”. La neonata Tv italiana, ignorando la “scossa elettrica” subita dal fedigrafo l’indomani al ritorno a casa, sull’onda del successo decide di ripetere la felice esperienza anche per la domenica successiva 28 febbraio. E’ il proseguo di un lungo romanzo che continua nel tempo.
Anche nel 2010 il Carnevale e Viareggio saranno protagonisti della diretta sulla terza rete della Rai. I carri giganti di cartapesta avranno un importante spazio televisivo nazionale e potranno essere applauditi martedì 16 febbraio da milioni di telespettatori in tutta Italia. Un successo ed un risultato reso possibile grazie all’entusiastico impegno del caporedattore Rai Tgr Toscana, Franco De Felice, che ha ottenuto di inserire nel palinsesto oltre un’ ora di diretta del quarto corso mascherato del Carnevale di Viareggio
(Ruggero Righini).

Radio Carnevale

giulio arnolieri le radio di viareggioNasce nel 1946 per mezzo di Brunello Romani (nato nel 1928 e scomparso nel 2005) che da una stanzetta dell’Hotel Royal sede del Comitato attraverso una serie ininterrotta di altoparlanti posti in cima ai pali della luce della passeggiata trasmette per il periodo dei festeggiamenti musica ed informazioni di pubblica utilità. Negli anni ’50 Romani sposta l’esperienza anche ai mesi estivi. Arma un gozzo di legno con un motore rimediato dagli americani e comincia a fare pubblicità fonica dal mare sulla spiaggia. La mitica barchetta di Radio Carnevale (spesso immortalata in molti film girati in città) d’estate passa lentamente davanti ai bagni assolati a qualche centinaio di metri dalla spiaggia e lancia slogan pubblicitari da lui inventati, musica, appuntamenti e battute per gli amici. Nel corso degli anni ’70 Radio Carnevale viene spostata all’esterno nell’attuale torretta di Piazza Mazzini ed allarga il periodo di trasmissione da dicembre a marzo. Dal 1977 al 1980 viene rilanciata anche via etere attraverso le frequenze modulari di Radio Mare Versilia a copertura della Toscana nord occidentale. Quando nel 2000 Romani lascia per la pensione la radio passa la propria gestione prima a Radio Babilonia, poi a Radio Bruno e a Radio Cuore che la rilanciano sulle proprie frequenze. Dal 2010 è gestita dal giornalista Emilio Lossi, editore anche di Radio Spiaggia. Nella continuità del suo predecessore, Lossi, dalla storica torretta (da dicembre ad aprile) tramite 78 casse all’aperto e dalla barca (da giugno a settembre) prosegue sul filo questa straordinaria avventura proponendo musiche a tema in base al periodo dell’anno, spot pubblicitari, notizie sulla città, rubriche sportive e interviste a personaggi noti di Viareggio per creare un piacevole sottofondo musicale. La radio ha un suo sito internet La Torretta di Brunello e presto diventerà web radio, per farla ascoltare da qualsiasi postazione.

Tv carnevale

Per iniziativa del gruppo editoriale radiotelevisivo della Misericordia di Viareggio: Rete Versilia, Canale 39 Versilia, Canale 39 Lucca e Radio Versilia è nato un canale monotematico interamente dedicato al Carnevale di Viareggio, che trasmette anche filmati sulle passate edizioni dei corsi mascherati e degli eventi collaterali attraverso il materiale d’archivio messo a disposizione gratuitamente dalla Fondazione Carnevale con l’obiettivo della promozione e la valorizzazione del patrimonio storico, artistico e culturale che rappresenta la manifestazione.

 

Febbraio 2020
Il Carnevale di Viareggio in tv
Su 50 Canale (12 e 191 DTT) e in contemporanea su 50 News Versilia (673 DTT)

Telecronache delle sfilate dei carri:

1 febbraio
9 febbraio
15 febbraio
20 febbraio
23 febbraio
25 febbraio

Le immagini più belle del Carnevale di Viareggio nelle case di tutta la Toscana e non solo, grazie al gruppo di 50 Canale. L’appuntamento più atteso è quello con “Il Carnevalaro”, per le telecronache di tutte le sfilate dei carri. A raccontare ogni corso mascherato Gabriele Altemura e Andrea Montaresi, affiancati da opinionisti qualificati. Numerose telecamere lungo il circuito della manifestazione porteranno nelle case dei telespettatori le immagini dei carri e delle maschere.
Il debutto delle telecronache delle sfilate del Carnevale di Viareggio è fissato per le ore 16 di sabato 1 febbraio, su 50 Canale 12 e 191 del telecomando e in contemporanea su 50 News Versilia, canale 673 del digitale terrestre. Il racconto della sfilata inaugurale sarà preceduto dalla diretta dalla CIttadella del Carnevale di Viareggio, per la prima uscita dei Carri. Dalle 9 di sabato 1 febbraio immagini emozionanti dallo scrigno del Carnevale di Viareggio, per mostrare in anteprima le opere dei costruttori.
Molto spazio verrà riservato agli approfondimenti, ogni mercoledì alle 21.30 su 50 News Versilia canale 673 , con “Carnevale, un mondo Capovolto”, un emozionante viaggio nella manifestazione tra racconti, storie e personaggi intervistati da Stefano Pasquinucci per la regia di Gualtiero Lami.
Ma non finisce qui, infatti tutte le domeniche del periodo di Carnevale, alle 21, sempre su 50 News Versilia andrà in onda la rubrica condotta da Gabriele Altemura “Gli occhi del Carnevale di sera”, con immagini, ospiti, in studio e interviste per commentare tutti i corsi mascherati.
Il Carnevale di Viareggio protagonista anche degli spazi informativi delle emittenti del nostro gruppo editoriale, grazie a servizi giornalieri dedicati alla manifestazione. Un ricco palinsesto per a una delle principali manifestazioni della Toscana, che conferma anche per quest’anno 50 Canale e 50 News Versilia come emittenti di riferimento per seguire in ogni suo aspetto il grande spettacolo del Carnevale di Viareggio.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...