I tre migliori sindaci d’Italia, le elezioni del 3 e 4 ottobre

A differenza di molti elettori che votano sindaci o candidati sindaco che non conoscono io ho la fortuna (o sfortuna) di conoscere personalmente circa 40 sindaci italiani. I migliori? Sia chiaro fra quelli che conosco Rino Pruiti sindaco di Buccinasco, Federico Pizzarotti sindaco di Parma e Alessio Pascucci sindaco di Cerveteri. Pruiti e Pizzarotti sono civici, di Pascucci non so il suo partito ma come Pruiti e Pizzarotti è persona di buon senso. Pascucci è stato definito “il sindaco anti assembramenti”. A differenza di un candidato sindaco che gira con la pistola e che ne ha combinate tantissime (l’elenco è lungo) e di un altro sindaco che gridava “Milano non si ferma” (chiedendo poi scusa) e poi sconfinando in questioni non di pertinenza di un sindaco si schierava (con comitati di genitori del Pd…) contro la dad per avere i voti dei genitori (intanto alcuni nonni sono morti, sono morti docenti, dei parassiti per un suo presunto collaboratore), e dei 5 Stelle (era culo e camicia con la ministra Azzolina). Oltre a numerosissimi errori commessi (me li segnalano, non so se ciò risponda al vero) durante il covid e a cose promesse e mai realizzate durante il suo mandato. Fermo restando che occorrono due mandati per portare a termine un programma (vale per tutti i sindaci), che un sindaco pensa ai suoi successori e non ai partiti e al proprio particulare, io continuo a ripetere in radio che a Milano non esistono soltanto Beppe Sala e Luca Bernardo. Ma ci sono anche quali candidati sindaco: Giorgio Goggi, Gabriele Mariani, Bianca Tedone, Mauro Festa, Gianluigi Paragone, Alessandro Pascale, Bryan Biavaschi e, da ieri Layla Pavone (imposta da Roma…. ). Quindi invito i milanesi ad aprire gli occhi l’offerta è variegata. Io ho conosciuto e intervistato quasi tutti. Un’idea me la sono fatta, peccato che i media nascondano gli altri candidati e si soffermino sui Sala e Bernardo, evidentemente gli altri danno fastidio… La mia idea (pur conoscendo ripeto personalmente quasi tutti i candidati), i loro programmi, è ancora confusa, ma io sono fatto male: basta che vi sia nella lista anche di un solo candidato sindaco, un candidato che non mi piace e non lo voto. Quindi sono curioso di vedere i nomi e cognomi dei candidati di tutte le liste (pare che siano 48 anche se come al solito i media parleranno di tre o quattro liste…). Il mio voto sia chiaro è soggettivo sposto solo il mio voto (o forse nemmeno….), per dirla come il mio maestro Gianfranco Funari: “non so ancora se voterò e per chi voterò, una sola cosa mi è chiarissima: chi non votare mai”.

Agli “intelligentoni”, “so tutto io” (senza avere titoli di studio e alcuna competenza), che insistono su Sala e Bernardo posso solo dire, per accontentarli, il mio modestissimo parere. Di Luca Bernardo non intendo parlare, mi fa pena, ogni volta che parla perde voti. Gli consiglio di parlare il meno possibile o consiglio a chi lo telecomanda di farlo parlare meno, oppure di cambiare strategia di comunicazione.

Beppe Sala? Sto raccogliendo la profonda delusione di tanti suoi ex elettori (magari poi lo voteranno), alcuni suoi collaboratori mi dicono che è teso, io gli dico: Beppe stai sereno… Da cittadino che crede al covid (si perchè ci sono quelli che dicono che non esiste), alla priorità del diritto alla salute dei cittadini che viene prima di ogni cosa (articolo 32 della Costituzione), e che qualcosa di scuola capisce (ma forse non capisco un tubo, capiscono i so tutto io che non mettono piede in una scuola da 20, 30 o 40 anni), sarebbe utile che qualcuno (non importa chi) vinca le elezioni a Milano (e in altre città) al primo turno, evitando così ulteriori assembramenti alle urne. Se poi ci sarà un ballottaggio io non conto niente (per alcuni elettori) ma per qualche candidato sindaco si, beh consigli ne posso dare…

E mi riferisco sempre a ben 11 candidati sindaci (alcuni mi ascoltano, poi logico decidano di testa loro) non solo a due.

Ascolta spezzoni dell’intervista radio con Giorgio Goggi candidato sindaco dei socialisti e dei liberali

Settimana prossima intervisto: Gabriele Mariani, Bryan Biavati, Mauro Festa (in questo link saranno inseriti spezzoni delle interviste), sono in attesa di risposta da Beppe Sala, Bianca Tedone, Gianluigi Paragone, Alessandro Pascale, qualcuno di certo risponde dobbiamo solo concordare la data. Poi in onda tutte le interviste a settembre. Luca Bernardo? Al momento non pervenuto, forse pensa di avere già vinto al primo turno… Buon per lui.

Annunci
Annunci
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...