Arisa

arisaRosalba Pippa, così si chiama all’anagrafe, nasce a Genova il 20 agosto 1982, da una famiglia di origini lucane, passa l’infanzia a Pignola, piccolo paese a pochi chilometri da Potenza, consegue il diploma al liceo pedagogico, svolge diversi mestieri, dapprima come cameriera, poi come cantante di piano bar, quindi baby sitter, parrucchiera, donne delle pulizie ed estetista. Mentre svolge questi lavori inizia ad esibirsi in concerto in un ristorante doveva lavora il fidanzato Tano. Nel 1998 vince il concorso canore Pino d’Oro di Pignola organzizato dall’Associazione Culturale Il focolare, nel 1999 vince il Premio Cantavallo di Teggiano (Salerno), la giuria è presieduta dall’insegnante Bianca Fasano, nel 2007 vince una borsa di studio come interprete presso il Centro Europeo Toscanalo (Cet) di Mogol. Il nome d’arte Arisa deriva dall’acronimo dei nomi di tutti i componenti della sua famiglia: A deriva dal nome del padre, Antonio, la R dal suo stesso nome, Rosalba, la I e la S dai nomi delle sorella Isabella e Sabrina, la A dal nome della madre Assunta.
Nel dicembre 2008 Arisa vince, insieme a Simona Molinari, il concorso canore Sanremolab, che le consente l’ammissione di diritto al 59esimo Festival di Sanremo nella categoria Nuove Proposte, presenta Sincerità, brano composto da Giuseppe Anastasi, all’epoca sua fidanzato, Maurizio Filardo e Giuseppe Mangiaracina, il pezzo viene eseguito con l’accompagnamento di Lelio Luttazzi. Arisa si classifica al primo posto e vince pertanto nella sezione Nuove Proposte, vince anche il Premio Assomusica Casa Sanremo e il Premio della Critica Mia Martini. Sincerità resta in testa alle classifiche di vendita per sei settimane consecutive, sulla scia del successo esce l’album omonimo, contenente dieci brani, che raggiunge il quinto posto in classifica. Il suo look, stile anni ’20 con grandi occhiali dalla montatura nera e forte rossetto sulle labbra, suscita particolare clamore.

Nel giugno del 2009 si esibisce ai Wind Music Awards e viene premiata dall’associazione dei discografici come giovane rivelazione dell’anno. Poche settimane dopo ha eseguito al programma “Una voce per Padre Pio” la canzone Piccola rosa, annunciando l’uscita del singolo Te lo volevo dire, che insieme a Io sono hanno promosso l’album, pur non avendo trovato il successo del singolo d’esordio. Il 21 dello stesso mese ha partecipato al concerto “Amiche per l’Abruzzo”, organizzato da Laura Pausini, insieme ad altre quaranta cantanti italiane allo stadio San Siro di Milano, evento benefico in favore dei terremotati del terremoto dell’Aquila del 2009. Nel mese di settembre partecipa alla cerimonia di inaugurazione dell’anno scolastico “Tutti a scuola 2009” al Palazzo del Quirinale. Nel 2010 torna al Festival di Sanremo con la canzone Malamorenò, che ha accompagnato l’uscita dell’omonimo album. Malamorenò è cantata con l’ausilio delle Sorelle Marinetti, trio en travesti che ha collaborato nei cori del brano. La canzone, giunta alla serata finale del festival senza classificarsi tra le prime tre, è contenuta nel secondo disco di Arisa, anche questo intitolato Malamorenò e pubblicato dall’etichetta Warner Music Italy,
Successivamente ha sperimentato nuovi ruoli sia in televisione, come presenza fissa del programma d iLa7 Victor Victoria – Niente è come sembra e come giudice della quinta e sesta edizione italiana del talent show X Factor, sia al cinema, debuttando come attrice. Nel 2011 Arisa torna sul palco del Festival di Sanremo in occasione della serata dedicata ai 150 anni dell’Unità d’Italia, duettando per l’occasione con Max Pezzali nel noto brano Mamma mia dammi cento lire. Sempre nel 2011 Arisa partecipa come giudice della quinta edizione di X Factor in onda su Sky Uno assieme a Morgan, Elio e Simona Ventura portando un’artista della sua categoria, quella degli Over, al debutto discografico con un inedito e al terzo posto complessivo nel Talent. Nello stesso anno debutta anche al cinema interpretando il ruolo di Chiara nel film diretto da Ricky Tognazzi “Tutta colpa della musica”. La pellicola, che vede nel cast anche Stefania Sandrelli, Marco Messeri, Elena Sofia Ricci, Monica Scattini, Debora Villa e lo stesso Tognazzi, presentata alla 68ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e distribuita in tutte le sale cinematografiche italiane dal 9 settembre 2011. Sempre nel 2011 incide il singolo L’amor sei tu, scritto con Naïf Hérin, per la colonna sonora del film La peggior settimana della mia vita di Alessandro Genovesi, in cui la stessa cantante recita al fianco di Fabio De Luigi, Cristiana Capotondi, Andrea Mingardi e Alessandro Siani. Il 26 dicembre 2011 viene reso disponibile il primo extended play della cantante intitolato Arisa per Natale, da cui, il 6 gennaio 2012, viene estratto il singolo Il tempo che verrà.
Nel 2012 Arisa torna al Festival di Sanremo piazzandosi al secondo posto alle spalle di Emma con il brano La notte, che anticipa l’uscita del suo terzo album intitolato Amamiarrangiato e prodotto artisticamente da Mauro Pagani. Nella terza serata del Festival, quella dedicata all’Italia nel mondo, si esibisce in duetto con Josè Feliciano in una versione del celebre brano Che sarà. Nella serata dei duetti, ha interpretato il brano in gara con Mauro Ermanno Giovanardi. Il singolo La notte è stato dichiarato doppio disco di platino della Fimi avendo raggiunto i 60.000 download digitali. L’amore è un’altra cosa viene estratto come secondo singolo il 4 maggio 2012 e, esattamente quattro mesi dopo, viene certificato disco d’oro con oltre 15.000 download digitali. Sempre nel maggio 2012 viene scelta come cantante dell’Inno di Mameli prima della finale di Coppa Italia 2012 Juventus-Napoli. Nel giugno dello stesso anno Amami raggiunge il traguardo delle 30.000 copie vendute venendo certificato disco d’oro dalla FIMI. Nello stesso anno pubblica il suo primo romanzo Il Paradiso non è granché (Storia di un motivetto orecchiabile). È stata riconfermata a maggio come giudice della sesta edizione di X Factor, svoltosi dal 20 settembre al 7 dicembre 2012, insieme al resto della giuria dell’edizione precedente.
Il 26 ottobre 2012, esce Meraviglioso amore mio, brano scritto da Giuseppe Anastasi. Il singolo è colonna sonora originale del film di Fausto Brizzi, Pazze di me, uscito nel gennaio 2013. Il 20 novembre 2012 era intanto uscito Amami tour, album con i grandi successi di Arisa registrati dal vivo ed alcune cover famose, oltre a due inediti, fra cui Meravigliosamente amore mio. Arisa è fra gli interpeti del cinepanettone di Christian De Sica Colpi di fulmine. Nel 2013 Arisa è ancora al cinema interpretando il doppio personaggio femminile Lucy nel film di animazione Cattivissimo me 2.

Nel 2014 vince la sessantaquattresima edizione del Festival di Sanremo con la canzone Controvento (scritta da Giuseppe Anastasi), il 20 febbraio 2014 esce l’album Se vedo te che contiene anche Lentamente, l’altro brano presentato a Sanremo (scritto da Cristina Donà e Saverio Lanza).

arisa sanremo 2014
Il 6 aprile 2014 parte da Roma il nuovo tour della cantante,mentre il 6 aprile, uscirà nelle sale italiane il film d’animazione Barry, Gloria e i Disco Worm, distribuito da Filmnet, nel quale Arisa dà la voce alla protagonista Gloria. Nel giugno 2014 è fra i protagonisti dei Music Awards al Foro Italico, duetta quindi con Franco Battiato con E ti vengo a cercare, nel febbraio 2015 è co conduttrice del Festival di Sanremo e partecipa al reality Monte Bianco – Sfida verticale. Nel 2016 torna in gara al Festival di Sanremo con il brano Guardando il cielo, pochi giorni dopo esce l’album omonimo. Dopo avere duettato con Ron in Piazza grande, è giurata a X Factor, duetta anche con Tricarico, lascia quindi la Warner. Interpreta con J-Ax e Fedez il brano Meglio tardi che noi contenuto nell’album Comunisti col Rolex, nel 2017 esce il singolo Ho perso il mio amore, inserito nella colonna sonora del film La verità, vi spiego, sull’amore diretto da Max Croci. Dopo essersi esibita a Tokyo partecipa al Summer Festival 2017, firma quindi un contratto discografico con la Sugar Music. Nel 2018 incide il singolo Ho cambiato i piani, colonna sonora del film Nove lune e mezza di Michela Andreozzi e si esibisce a New York, collabora quindi con Cristina D’Avena nella raccolta Duets – Tutti cantano Cristina di Cristina D’Avena e con Enzo Gragnaniello in Versame, colonna sonora del film Napoli velata di Ferzan Özpetek. Nel 2018 duetta con Giovanni Caccamo nella serata delle cover del Festival di Sanremo, nel 2019 torna al Festival con il brano Mi sento bene, giunto all’ottavo posto, esce l’album Una nuova Rosalba in città, quindi effettua un tour e duetta con Alberto Urso nel brano Guarda che luna di Fred Buscaglione. Sempre nel 2019, dopo avere partecipato a The voice, lancia il singolo DJ di m**** de Lo Stato Sociale. All’inizio del 2020 partecipa al talent show Il cantante mascherato, viene esclusa all’ultimo dal cast dei partecipanti alla settantesima edizione del Festival di Sanremo ma si esibisce comunque cn Marco Masini nella serata delle cover presentando Vacanza romane dei Matia Bazar.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...