Il 14 agosto 1921 nasceva a Trieste Giorgio Strehler, uno dei massimi protagonisti del teatro europeo del Novecento. Come Milano e Trieste lo ricordano

Sabato 14 agosto 2021, nella giornata in cui ricorre il centenario, il Comune di Trieste, rappresentato dall’assessore ai Teatri Serena Tonel, e il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, nella persona del presidente Francesco Granbassi, renderanno omaggio a Strehler nel corso di una cerimonia sulla tomba del Maestro (alle ore 10). A seguire, parteciperanno alla presentazione dell’emissione filatelica di Poste Italiane per la ricorrenza, nello Spazio Filatelia (Via Galatti 7/d) del Palazzo delle Poste (alle ore 11).

Il Piccolo Teatro della Città di Milano, voluto da Paolo Grassi e Giorgio Strehler, inaugura il sito https://www.giorgiostrehler.it/ ed apre le celebrazioni proprio il 14 agosto con un’iniziativa d’apertura che intreccia due momenti diversi, uno virtuale ma anche, finalmente, uno fisico, per iniziare insieme e in presenza il lungo viaggio attraverso gli sconfinati territori del teatro strehleriano. Una mostra virtuale sul lavoro del regista, luogo di approfondimento didattico per le scuole, mappa digitale dell’intero progetto Strehler100. Si tratta di un contenitore che non ha solo la funzione di vetrina e archivio ma costituisce, esso stesso, una ulteriore modalità operativa, contribuendo a moltiplicare le prospettive di sguardo sull’universo Strehler. Il sito – che che verrà sviluppato nel corso di tutto l’anno dedicato al centenario strehleriano con nuovi contenuti e approfondimenti ogni mese – mette a disposizione testi, fotografie, video, materiali da leggere, vedere, ascoltare e sfogliare.

Veniamo ora alla celebrazione in presenza di Giorgio Strehler in occasione dei 100 anni dalla nascita. Nell’ambito di una più ampia collaborazione con Rai Cultura, il Piccolo Teatro e il Comune di Milano hanno pensato a un’iniziativa condivisa, proprio nel giorno della nascita del regista. All’interno del cartellone di Estate Sforzesca 2021 la sera di sabato 14 agosto è interamente dedicata al Maestro. Alle 20,30 avrà inizio l’incontro La voce di Strehler a cura di Spirits de Milan Aps: a ricordare il grande regista sono tre voci a lui personalmente care come quelle di Giorgio Bongiovanni e Stefano De Luca, due suoi allievi del primo corso istituito nella Scuola del Piccolo Teatro, e Umberto Ceriani, un attore che ha lavorato a lungo con Strehler (biglietti 15-20 euro). Alle 22.00, poi, con ingresso gratuito (ma obbligo di prenotazione anticipata), viene proiettato in anteprima, con un’introduzione del direttore del Piccolo Teatro Claudio Longhi, lo speciale di Rai Cultura Apprendisti stregoni: il metodo Strehler.

Il documentario Apprendisti stregoni: il metodo Strehler va in onda, sempre sabato 14 agosto, in prima serata, su Rai5 e alle 23.30 su Rai3. La programmazione di Rai5, nel giorno in cui il regista avrebbe compiuto 100 anni, è dedicata a Strehler con la trasmissione, alle ore 16.15, di Arlecchino servitore di due padroni (1955) e, al termine del documentario, intorno alle 22.15, di Le baruffe chiozzotte (1966).

Sabato 14 agosto 2021 il Ministero dello Sviluppo Economico emette inoltre un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica Eccellenze italiane dello spettacolo dedicato a Giorgio Strehler, nel centenario della nascita. Le celebrazioni per Giorgio Strehler del Piccolo Teatro di Milano chiuderanno fra un anno, domenica 14 agosto 2022, all’indomani di un’importante rassegna di spettacoli internazionali in presenza, che riporterà a Milano lo spirito dei grandi Festival del Teatro d’Europa, ai quali proprio Strehler aveva dato impulso. Nell’arco di tempo che intercorre tra queste due date è stata intessuta una fitta e ricca trama di appuntamenti tra mostre, testimonianze, spettacoli, incontri, pubblicazioni, approfondimenti, convegni e documentari. Un anno intero per ricomporre e far nuovamente risuonare tutte le sfumature di una voce essenziale della scena culturale novecentesca, con uno sguardo particolare al suo lascito alle giovani generazioni: la cultura come cardine intorno al quale ruota ogni possibile ricostruzione di un tessuto sociale, ogni vera ridefinizione di un sistema identitario, ogni consapevole apertura a una concreta prospettiva futura.

Giorgio Strheler nacque a Trieste il 14 agosto 1921, giovanissimo si trasferisce con la madre a Milano, compiuti gli studi al Convitto Longone e al Liceo Parini, si iscrive poi alla facoltà di legge. Contemporaneamente coltiva sua passione per il teatro e frequenta l’Accademia dei Filodrammatici e ha come maestro Gualtiero Tumiati, all’inizio degli anni ’40 conosce Paolo Grassi alla fermata del tram 6 di Via Petrella. Strehler e Grassi fanno la fronda nel Guf, con l’entrata in guerra dell’Italia Strehler si trasferisce in Svizzera dove conosce il commediografo e regista Franco Brusati. Rientrato in Italia al termine della guerra recita con Luchino Visconti ed è critico teatrale del quotidiano Momento sera. Nel 1947 fonda con Paolo Grassi il Piccolo Teatro della città di Milano dove rimarrà per tutta la vita, eccezion fatta per un breve periodo sul finire degli anni ’60 per fondare il Teatro d’Azione su basi cooperativistiche. Negli anni ’70 torna al Piccolo, mattatore indiscusso delle scene milanesi (e mondiale), 228 sono state le sue regie per un totale di oltre 16,000 repliche, nel corso della sua carriera ha scritturato 1228 attori, quasi tutti da lui lanciati alla notorietà: Lilla Brignone, Gianni Santuccio, Tino Carraro, Tino Buazzelli, Gabriele Lavia, Valentina Cortese, Ottavia Piccolo, Mariangela Melato, Milva, Ornella Vanoni, Domenico Modugno, Marcello Moretti e Ferruccio Soleri (i due Arlecchini). Con lui e Paolo Grassi il Piccolo Teatro entrò subito nel tessuto socio culturale della società. Acclamato e ricercato in tutti i teatri nazionali e mondiali, nel 1985 era stato scelto da Francois Mitterand per dirigere il Teatro d’Europa all’Oden. Parlamentare europeo per il Partito Socialista Italiano dal 1983 al 1987, senatore della Repubblica italiana eletto come indipendente nelle file del Pci, insignito della Legion d’Onor. Sui rapporti di Strehler con i sindaci di Milano, da Antonio Greppi a Gabriele Albertini, ci sarebbe da scrivere un libro… Due dei sei sindaci di Milano che ho conosciuto personalmente e che hanno conosciuto Strehler lo descrivevano così: “Un genio, ma carattere difficile ed egocentrico, indubbiamente un grande.

L’ex sindaco di Milano Aldo Aniasi (ciao Iso) e Giorgio Strehler a Telealtomilanese A colloquio con…

A settembre con il regista Giancarlo Danielli cercherò di recuperare spezzoni della trasmissione Il quarto d’ora con il sindaco, le puntate con Carlo Tognoli e Paolo Pillitteri ospite Giorgio Strehler.

Per approfondire

Paolo Bosisio – Giovanni Solesi Giorgio Strehler Autobiografia per immagini Editore Titivillus

Strehler il gigante del Piccolo a cura di Sara Chiappori La Repubblica

Cristina Battocletti Giorgio Strehler Il ragazzo di Trieste. Vita morte e miracoli. Edizioni La Nave di Teseo
Massimo Bracciantini Galileo a Milano, Einaudi

Per ricordare i cento anni dalla nascita di Strehler intendo fare una puntata straordinaria della trasmissione radiofonica L’angolo della scuola invitando l’ex sindaco di Milano Paolo Pillitteri, il prof. Paolo Bosisio, il regista Ettore Pasculli, il candidato sindaco dei socialisti di Milano (e dei liberali) prof. Giorgio Goggi, Ornella Vanoni

ed altri che hanno conosciuto e/o lavorato con Giorgio Strehler.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...