Così nacque L’importante è finire. Alberto Anelli ospite del programma radiofonico Le estati canore venerdì 10 luglio ore 21 su Radio Regione 100

Venerdì 10 luglio alle ore 21 Alberto Anelli sarà ospite del programma Le estati canore italiane in onda su Radio Regione 100

http://www.radioregione100.it

Alberto Anelli nasce a Rutigliano, in provincia di Bari, il 6 ottobre 1944, giovanissimo costituisce un gruppo con alcuni amici con i quali si esibisce, poi, siccome l’ambiente pugliese inizia ad andargli stretto, si trasferisce in Germania dove fa molta gavetta, quindi arriva a Milano e pubblica il suo primo 45 giri: Chiederò. Nel 1965 scrive con Luciano Beretta Tu sei quello, brano portato al successo da Orietta BertiUn Disco per l’Estate, sull’onda di tale successo Anelli scrive con Miki Del Prete e Luciano Beretta tu sei quello orietta bertiVoglio dirti grazie interpretato sempre da Orietta Berti e portato al Festival delle Rose. Nel 1966 Anelli partecipa alla Mostra internazionale di musica leggera con Pioggia a Venezia, cambiata casa discografica partecipa al Festival delle Rose e a diverse edizioni di Un Disco per l’Estate, i suoi 45 giri sono: Il sole non tramonterà mai (1966), Lei lei lei e Il successo (1967). Ma è come autore che ottiene un altro grande successo al Cantagiro con Siesta, brano scritto con Herbert Pagani ed interpretato da Bobby Solo, sempre con alberto anelliHerbert Pagani scrive L’amicizia interpretata dallo stesso Pagani. Nel 1968 Anelli partecipa come cantante a Un Disco per l’Estate con Acapulco e a Settevoci, programma televisivo condotto da Pippo Baudo, segue, nel 1968, il 45 giri La valigia. A partire dal 1969 ha inizio una collaborazione con Toni Martucci che lo invita a scrivere canzoni per bambini, nasce Ottovolante, sigla di un programma televisivo condotto dallo stesso Martucci e dei brani presentati allo Zecchino d’Oro Tommy Tom e Il caffè della Peppina, brano vincitore nel 1971. Sempre nel 1971 Anelli partecipa come interprete al Festivalbar con Mezzanotte, seguono Dimmi di no e Un uomo quando è un uomo. Nel 1972 scrive Che giorno è per Giuliano Cederle, cantante del gruppo Giuliano e i Notturni. Dopo avere nuovamente cambiato casa discografica Anelli scrive con Alberto Salerno Un uomo quando è un uomo, brano in gara al Cantagiro 1972, e Dimmi di no, con cui partecipa a Un disco per l’estate 1973. Sempre nel 1973 scrive Dichiarazione d’amore per Mina, brano contenuto nell’album Frutta e verdura. Nel 1974, con Claudio Daiano e Andrea Lo Vecchio, scrive Segreto, brano in gara a Un disco per l’Estate. Sempre nel 1974 è autore dei brani New York cantata dagli Erba Verde e Il buio presentata allo Zecchino d’Oro.
mina l'importante è finireNel 1975 Alberto Anelli ottiene il suo più grande successo comeil monello mina autore scrivendo L’importante è finire, su testo di Cristiano Malgioglio, portata al successo da Mina, torna quindi a Un Disco per l’Estate come cantante con Sarà follia. Quindi la svolta: passa alla Ricordi e con lo pseudonimo di El Tigre incide Baby, Op eh op, Figure e un album grazie ai quali Anelli si può ii progenitore della disco music made in Italy. “Segreto, presentato con la Sar, nonel tigre baby aveva ottenuto un gran successo, i dirigenti della casa discografica mi fecero presente che il disco ha venduto solo 35.000 copie (oggi con 25.000 copie si ottiene il disco di platino…), da qui l’idea di cambiare genere. Anelli iniziai a cantare in inglese brani ballabili, brani disco music, Il periodo di El Tigre fu molto fortunato, Baby venne lanciato ad Alto gradimento da Renzo Arbore e Gianni Boncompagni, pensavano si trattasse di un cantante inglese o americano, solo dopo seppero che ero io…”
Nel 1977 Anelli scrive con Gerardo Carmine Gargiulo Sono io per Julio Iglesias, quindi la decisione di ritirarsi. Alberto Anelli torna a scrivere dopo molti anni invitato da Paolo Limiti a comporre la sigla del programma televisivo Ci vediamo in tv, nasce Evviva il mio papà. Nel 1998 esce una compilation con i vecchi brani riarrangiati più alcune canzoni scritte per altri interpreti come L’importante è finire, Vi amo tutti e due, ed Evviva il mio papà. Nel 1999 torna allo Zeccino d’Oro come autore de La Nina, la Pinta e la Santa Maria. L’ultimo brano scritto da Alberto Anelli è Un amore disperato scritto per Mina.
Venerdì 10 luglio alle ore 21 Alberto Anelli sarà ospite del programma Le estati canore italiane in onda su Radio Regione 100 e racconterà la sua carriera con alcuni aneddoti inediti.

Vi aspettiamo venerdì 10 luglio alle ore 21 su Radio Regione 100, per ascoltarci cliccate

http://www.radioregione100.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...